Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

8 libri molto più belli dei film che ne sono stati tratti

Ovvero: i libri, i film e la capra di Hitchcock

Sulla trasposizione per il cinema di un testo letterario Alfred Hitchcock, nel libro Il cinema secondo Hitchcock, raccontava al giovane intervistatore Francois Truffaut la seguente freddura: due capre stanno mangiando da un mucchio di pellicola cinematografica, d’un tratto una dice all’altra: "Ti piace?". E quella risponde: "Mah, preferisco il libro".
Son gusti. Tuttavia approfondendo il ragionamento delle suddette capre, ci si accorge quanto possa essere complicato trarre un buon film, con piena dignità cinematografica, da un libro. Stanley Kubrick diceva che si fanno bei film solo da brutti libri. Poi però guardiamo Apocalypse Now di Francis Ford Coppola e gridiamo al capolavoro, benché sia tratto da un libro splendido, Cuore di tenebra di Joseph Conrad. Quindi?
Quindi esistono film riusciti e altri sbagliati, che siano tratti o meno da qualsivoglia libro. Qui però ci piacerebbe elencare alcuni di quei film che, già durante i titoli di coda, fanno sospirare "Meglio il libro!", o, nel peggiore dei casi, appaiono calunniosi nei confronti del testo letterario da cui sono tratti. Facciamoci guidare dalla capra di Hitchcock, ed ecco la nostra libri di libri bellissimi da cui però sono stati tratti film che non ci son piaciuti.

 

Jules Verne, Il giro del mondo in 80 giorni  

product name
- 15 %
8.5 € 7.22 €
- 15 %
8.5 € 7.22 €

Esistono libri da cui sono state tratte più d'un film. Il capolavoro di Jules Verne subisce la stessa sorte: nel 1956 Michael Anderson firma un classicissimo del genere d’evasione interpretato da uno splendido David Niven. Poi nel 2004 si abbatte sulle pagine dello scrittore inglese la funesta mano di un certo Frank Coraci che propone il suo adattamento. La nostra capra mostrerebbe i primi segni di diffidenza già davanti allo scombinato cast: Jackie Chan, Owen Wilson e Arnold Schwarzenegger. Ne esce un interminabile calvario dai toni postmoderni dove non manca l’invadenza degli effetti digitali, le battute già sentite all’epoca dei primi film sonori e le gag prevedibili, ma nemmeno il kung fu e il muscolo frollatino del vecchio Arnold.

Ian McEwan, Espiazione  

product name
- 15 %
14 € 11.9 €
- 15 %
14 € 11.9 €

E la capra pensava: ogni volta mi stupisco di come si possa trarre un film così mediocre da un libro tanto bello. Riflessione assolutamente condivisibile. Il libro è da molti considerato il miglior romanzo di Ian McEwan. Il film racchiude invece tutte le nefandezze che le grandi produzioni possono perpetrare alle spalle di un libro. Il senso della storia raccontata da Ewan se ne va a ramengo già dopo i primi minuti, poi comincia un’ingiustificata melina nella cronologia degli avvenimenti e si finisce persi nell’inverosimile. Una storia forte alle spalle, un cast di alto livello (Keira KnightleyVanessa RedgraveBenedict Cumberbatch...), location strepitose, grosso budget (forse troppo), tutta questa montagna per partorire un brutto topolino.

Gabriel Garcia Marquez, L’amore ai tempi del colera  

product name
- 15 %
14 € 11.9 €
- 15 %
14 € 11.9 €

In questo caso la capra si contenterebbe di annusare il film per poi addentare di gusto il libro. Il profumo è questo: da una parte l'immenso Gabriel García Márquez, premio Nobel, simbolo della letteratura sudamericana; dall’altra Mike Newell, impostosi all’attenzione con la regia del quarto episodio della saga di Harry Potter. Basterebbe questo per far diventare il profumo solo un odore. Se poi ci aggiungiamo che delle emozioni che fanno da colonna portante al libro non resta che qualche rudere, che Giovanna Mezzogiorno si aggira nella pellicola con piglio da alcolista e che tutto quanto appare un tantinello inverosimile, ecco che abbiamo un film di una noia tombale. E l’odore diventa puzza.

Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray  

product name
- 25 %
12 € 9 €
- 25 %
12 € 9 €

La capra avrebbe così tanti adattamenti (il teatro, la televisione, i fumetti) del romanzo di Oscar Wilde tra cui scegliere che probabilmente trotterebbe a zampe levate verso il libro, capolavoro assoluto sul tema dell’eterna giovinezza. Certamente non apprezzerebbe questa ultima versione cinematografica in ordine di tempo firmata da un certo Oliver Parker, non nuovo alla cannibalizzazione di Wilde (lo aveva già fatto con il manierato e fiacco L’importanza di chiamarsi Ernest). In Dorian Gray però ci dà davvero dentro confezionando un filmetto dalle tristi pretese con generose spruzzate di sesso, scenari horror, dialoghi aforistici e banalizzando senza posa l'opera di Wilde.

Mario Soldati, La sposa americana  

Un ottimo libro da cui il figlio dell’autore trae un film indigesto già al primo assaggio. Mario Soldati, il papà, scrive la storia riscattatandola con un talento narrativo di primordine. Ne esce un libro intrigante e in molti punti avvincente. Nel 1986, Giovanni Soldati, il figlio, per ragioni forse legate a rancori personali verso il padre, mette insieme una versione cinematografica priva di qualunque interesse. Protagonista è Stefania Sandrelli, che gironzola spaesata per lo schermo. Molto meglio il libro, o l'ebook, che trovate qui a fianco.

Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio  

product name
- 15 %
12 € 10.2 €
- 15 %
12 € 10.2 €

La capra, dopo il lungo e apprezzato banchetto realizzato da Luigi Comencini per la tv e il gradevole dessert preparato da Walt Disney, inghiotte fiduciosa il boccone amaro uscito dalle mani di Roberto Benigni. E si strozza. Sembra proprio uno di quei casi in cui un comico si dirige da sé incrinando la propria meritata fama di re della risata e stroncando una carriera da regista consolidata con La vita è bella. Un cast tecnico eccellente e attori illustri che da soli non bastano a salvare un film patinato, freddo, a tratti molto noioso, in cui non si capisce la necessità della rilettura del meraviglioso libro di Collodi. Per di più il burattino Benigni appare piuttosto antipatico. E la fatina Braschi un pigolante incubo. Oltraggio!

Ernest Hemingway, Addio alle armi  

product name
- 15 %
14 € 11.9 €
- 15 %
14 € 11.9 €

Uno dei migliori romanzi del grande Hemingway. Ma per il film servirebbe una capra con denti abbastanza forti da ruminare il cinepolpettone partorito dalla vulcanica mente di David O. Selznick, motore creativo della Hollywood degli anni d’oro. Il grande produttore in questo caso sembrerebbe aver pensato: un grande scrittore, una storia d’amore lacerante e appassionata ambientata durante la guerra sotto lo splendido cielo d’Italia. Tutti gli ingredienti per sbancare il botteghino. Per stare proprio sicuro sceglie di mettere dietro la macchina da presa un vecchio leone, Charles Vidor, e davanti un cast di stelle: Jennifer Jones e un legnoso Rock Hudson. Poi, visto che siamo in Italia, Vittorio De Sica e Alberto Sordi. Il film fu un fiasco colossale. E Selznick ne uscì rovinato. Il libro invece è ancora un best seller.

Jun'ichirō Tanizaki, La chiave  

product name
- 15 %
9 € 7.65 €
- 15 %
9 € 7.65 €

E con questo la nostra povera capra, come alcuni di noi diventano vegetariani, decide di diventare librianaTinto Brass usciva malconcio dalla disfatta del film Io, Caligola quando incontra il raffinatissimo autore Tanizaki e la sua storia costruita con minuziosa sapienza narrativa intorno al tradimento, al non detto, all'ossessione. Il regista prende la leggera eleganza dell'origami giapponese e la butta nel tritacarne del proprio chiassoso immaginario da cassetta. Un'attrice come Stefania Sandrelli (ancora lei!) accetta poi di svestirsi un poco, di mugolare tra le calli di Venezia, e il gioco è fatto. Il film ha il successo commerciale sperato e rilancia la carriera della Sandrelli, che darà però prove ben più dignitose. Resta la capra, sola, a rigurgitare il film. Molto ma molto meglio il libro

(Andrea Tognasca)

torna su Torna in cima