Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Acchiapparatti (L')
Acchiapparatti (L')

Acchiapparatti (L')

by Francesco Barbi
pubblicato da Dalai Editore

8,32
18,50
-55 %
18,50
Disponibile.
17 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Pochi a Tilos conoscono il nome di Ghescik. Lui è soltanto il becchino, l'ometto gobbo e storpio che vive al cimitero, ai margini del paese. Pochissimi sanno che coltiva una passione insana per la feldspina e gli scritti antichi. Solo lo strambo acchiapparatti gli è amico. Notte fonda. Al sicuro tra le mura della casa-torre diroccata, Zaccaria sta rimproverando uno dei suoi gatti quando qualcuno bussa alla porta. Il becchino si presenta con un libro rilegato in pelle scura, che sostiene di aver vinto grazie a una scommessa con lo speziale. Risale a epoche in cui la magia non era stata ancora messa al bando e sembrerebbe contenere le memorie di un defunto negromante. Ghescik non fa parola dello strano diadema rinvenuto in un sotterraneo della "torre maledetta", ma ha un solo modo per scoprire se certi suoi sospetti sono fondati: far tradurre il libro a Zaccaria che, inspiegabilmente, ha sempre avuto grandi doti come decifratore delle lingue arcane... Inseguiti dagli sgherri dello speziale, becchino e acchiapparatti verranno catapultati nei meandri di una vicenda terribile che non coinvolgerà i soliti eroi, ma una compagine di personaggi inconsueti: un cacciatore di taglie sfigurato, una prostituta dalle molte risorse, un gigante che parla per proverbi sgrammaticati e una schiera di feroci tagliagole. Ma quale legame esiste tra il misterioso diadema e la terrificante creatura rinchiusa da secoli nelle segrete di Giloc?

La nostra recensione

Esistono ancora libri che non è possibile ignorare. Libri non supportati da un pressante marketing editoriale e pubblicati quasi in sordina ma che, nonostante tutto, riescono con la sola forza della loro ottima qualità narrativa a emergere spontaneamente. L'acchiapparatti è uno di questi: pubblicato un paio di anni fa dalla casa editrice Campanila e passato inizialmente pressoché inosservato, il romanzo d'esordio di Francesco Barbi si è rivelato una delle più belle e inaspettate sorprese nel panorama del Fantasy italiano. Grazie al tam tam dei lettori che, evidentemente, sono molto meno disattenti e superficiali di quanto le statistiche di lettura vogliano farci credere, L'acchiapparatti si è prepotentemente ritagliato uno spazio nel panorama editoriale italiano, al punto tale da avere suscitato l'interesse di una casa editrice come Baldini Castoldi Dalai che ha deciso di pubblicare non una semplice ristampa, bensì una nuova edizione. Trattandosi di un romanzo d'esordio, già questo è un fatto abbastanza inconsueto, se poi consideriamo che L'Acchiapparatti può essere a pieno titolo considerato un romanzo fantasy, allora la sua avventura editoriale comincia ad assumere contorni straordinari.
Ma quali sono le ragioni di questo successo annunciato? Sicuramente una trama avvincente, tanto insolita quanto indimenticabile, che trascende i canoni del genere e in cui convivono spunti gotici, psicologici e fantastici, suspense e orrore, tenerezza e ilarità. Elementi che vengono messi in ulteriore risalto da personaggi curiosi e improbabili, decisamente fuori dagli schemi dello stereotipo fantasy.
Ci troviamo nel cupo Medioevo delle Terre di Confine, dove la criminalità non dà tregua e la vita scorre tra miseria ed espedienti. Ne sa qualcosa l'iroso e scostante Ghescik della città di Tiros, un becchino gobbo e deforme appassionato di magia e scritture antiche. Ansioso di scoprire i segreti occulti nascosti all'interno dell'antica torre dove un tempo dimorava lo stregone Ar-Gular, Ghescik entra in possesso di un antico ciondolo e di un manoscritto misterioso redatto in una lingua sconosciuta. Per nulla demoralizzato dalla difficoltà dell'impresa, Ghescik si rivolge al suo unico amico Zaccaria, un povero mentecatto emarginato da tutti, apparentemente incapace di seguire un ragionamento logico e fiero del suo mestiere di acchiaparatti. Grazie alla straordinaria abilità di Zaccaria nella traduzione di antichi linguaggi, Ghescik entra in contatto mentale con il Boia di Giloc, detto il Mietitore, un essere mostruoso che vive da più di quattrocento anni rinchiuso nelle segrete della città. Almeno fino a quando non decide di fuggire seminando morte per tutte le Terre di Confine. A caccia del Mietitore o in fuga da esso, in compagnia di una prostituta, di un cacciatore di taglie sfigurato e di un gigante incapace di comunicare se non attraverso proverbi, Ghescik e Zaccaria dovranno trovare un modo per sciogliere l'incantesimo che tiene in vita la creatura sanguinaria, riuscendo al contempo a salvare la pelle.
Spigliato, coraggioso e a tratti commovente, caratterizzato da un linguaggio semplice ma evocativo, L'Acchiapparatti non cede a un attimo di noia, ma anzi sa suscitare nel cuore e nella mente dei lettori un profondo sentimento di attaccamento alla vicenda e a suoi indimenticabili personaggi.

Athena Barbera

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Fantasy , Fantasy Horror e Gothic » Fantasy

Editore Dalai Editore

Collana Romanzi e racconti

Formato Rilegato

Pubblicato 08/03/2010

Pagine 466

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788860736529

4 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
4
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Acchiapparatti (L')

Anonimo - 26/10/2010 22:18

voto 5 su 5 5

Questo libro è stato una bellissima sorpresa! L'ho letto in 3 giorni. Ho iniziato a leggerlo con molto scetticismo, ma mi ha catturato subito dopo le prime pagine. Storia fuori dai canoni, senza il consueto eroe, i protagonisti sono tutti antieroi con più difetti che pregi, ma incredibilmente caratterizzati. Fantasy, horror e thriller che si fondono in una storia che non lascia un attimo di tregua. Molto bello. Bello? No, no! Si, no, no, fantastico! Si, si!

Acchiapparatti (L')

Anonimo - 23/03/2010 18:15

voto 5 su 5 5

Davvero bello. Un romanzo fantasy che si discosta da tutti gli altri che ho letto e che ha tante facce diverse: personaggi a cui ti affezioni, scene da thriller e un pizzico di magia. Per giunta non rovinato da una traduzione, visto che l'autore è italiano e sa scrivere veramente bene. Spero che ci sia presto un seguito.

Acchiapparatti (L')

Anonimo - 16/03/2010 17:27

voto 5 su 5 5

Bellissimo libro! Ambientazioni realistiche, personaggi complessi e ottima scrittura. Che dire di più? L'ho divorato in pochi giorni e mi sento davvero di consigliarlo a tutti, appassionati di fantasy e non.

Acchiapparatti (L')

Anonimo - 14/03/2010 17:49

voto 5 su 5 5

Il libro parte abbastanza in sordina, ma ti cattura ugualmente per la cura dei dettagli e per com'è scritto. I personaggi sono eccezionali. Poi la trama si infittisce, i protagonisti entrano a far parte di una vicenda più grande di loro e ne capitano di tutti i colori. Mi sono ritrovato a divorare le pagine. E il finale non delude, anzi.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima