Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Benvenuti in casa Esposito. Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista
Benvenuti in casa Esposito. Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista

Benvenuti in casa Esposito. Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista

by Pino Imperatore
pubblicato da Giunti Editore

Prezzo:
10,00 8,50
Risparmio:
1,50 -15 %
mondadori card 17 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 4 aprile.  (Scopri come).

Descrizione

Il rione Sanità, dove è nato il principe della risata Totò, è uno dei più affascinanti e misteriosi di Napoli. Qui vive, con la sua famiglia allargata, Tonino Esposito, orfano di un boss della camorra. Tonino riceve dal clan un sussidio mensile e potrebbe vivere di rendita. Invece si intestardisce a voler imitare le gesta paterne, senza riuscirvi. Perché è goffo, sfigato, arruffone, incapace di difendersi: un antieroe tragicomico e decadente, che tra incubi e visioni, ingenuità e imbranataggini, ne combina di tutti i colori. Uno spaccato divertente e allo stesso tempo crudele della Napoli contemporanea, città dalle mille contraddizioni e dalle tante difficoltà, capace però di non perdere mai la speranza per un futuro migliore.

Dettagli

Generi Non definito

Editore Giunti Editore

Collana A

Formato Brossura

Pubblicato  10/01/2012

Pagine  272

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788809773691


4 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
2
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
1
Benvenuti in casa Esposito. Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista iuvina

alessandra tartaglione - 21/10/2013 14:56

voto 4 su 5 4

non è un libro sulla camorra o almeno non secondo gli schemi classici bensì uno studio sociologico sulla quotidianeità napoletana, dal pranzo di natale alla guerra dei fuochi d'artificio. l'idea di un camorrista depresso e della sua famiglia tentata dalla normalità e dalla legalità offre spunti di riflessione alternativi a quelli cui siamo abituati. libro scorrevolissimo, gradevolissimo, dalla comicità travolgente ... impossibile non innamorarsene

Benvenuti in casa Esposito. Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista raygrant82

Raimonda Granato - 22/05/2013 11:32

voto 5 su 5 5

La famiglia Esposito vive a Napoli, nel rione Sanità, il quartiere che fu del grande Totò, una zona che tanta cinematografia e letteratura ha ispirato, ma che ora ospita la criminalità che attacca le radici della città partenopea come un cancro. Tonino Esposito è figlio di un boss, un boss defunto ma sempre boss. Tonino non ha ereditato niente dal padre, né la successione alla guida del clan né la baldanza e il rispetto che hanno reso il genitore tanto temuto e potente. Tonino è figlio della nostra epoca dove, anche chi ha tutte le carte in regola per riuscire - nascita, capacità, possibilità e occasioni - spesso non riesce e si perde in un mare di "vorrei ma non posso". Pino Imperatore riesce a tradurre questa immobilità di pensiero e azione in un aspirante criminale e l'effetto risulta essere qualcosa di unico. Sì, perché Tonino fa ridere, anche fino alle lacrime, ma è quel riso che, quando si spegne, lascia sul volto un velo di pietà. E la pietà non fa ridere, anche quando la applichiamo ad un criminale che vorrebbe fare del male alla gente onesta, che lavora e che suda per tirare avanti ogni giorno. Tonino ha attorno una famiglia allargata, da bravo napoletano, - lui a certe cose ci tiene! - che comprende, oltre alla moglie Patrizia Scognamiglio e ai figli Tina e Genny, anche la mamma Manuela Innocenti, vedova del boss Gennaro Esposito, i suoceri Assunta e don Gaetano Scognamiglio, della premiata pasticceria omonima. Ma non è tutto: ci sono anche gli animali di casa, il coniglietto Giggetto e l'iguana meditans Sansone. La famiglia Esposito si presenta come un quadro tradizionale, di quelli che ruotano attorno al capofamiglia - che dovrebbe essere Tonino - ma che poi, come spesso succede nella realtà, gli equilibri sono diversi da quelli che appaiono a prima vista, chi tira le fila è proprio quello che non avremmo mai sospettato, e l'amore è composto da una rete fittissima di altri mille sentimenti, non tutti identificabili né giudicabili. Ma sulla facciata di spensieratezza che sembra dare alla famiglia Esposito un'aria di normalità, Pino Imperatore cala l'ombra della camorra e costruisce la figura di Pietro De Luca detto 'o Tarramoto - boss del rione Sanità che è subentrato alla morte del padre di Tonino - con delle sfumature che, in alcuni casi, mettono i brividi. E allora la dabbenaggine un pò fessa di Tonino Esposito ci sembra il minore dei mali rispetto alla crudeltà che si nasconde dietro ad una casa perfetta, a vestiti alla moda e ad un sorriso che non tocca gli occhi. Il grandissimo successo di "Benvenuti in casa Esposito" è stato decretato, secondo me, dal fatto che si ride, ma senza perdere d'occhio la realtà, che non ha proprio niente di spensierato. Dopo la prima lettura, ho ripreso più volte in mano questo libro, a cui sono molto affezionata e di cui ho sentito la mancanza ogni volta che sono arrivata all'ultima pagina. Il pregio che, se non fosse per tutto il resto, mi farebbe apprezzare questo libro senza mai stancarmi, è che mi fa riflettere: sulla mia città, amata in una maniera che mi fa contorcere di dolore; sul cancro che ci ha avvelenato pian piano, quasi senza che ce ne accorgessimo, perché si nascondeva dietro una superficie di privilegi e finto benessere e ora che ce ne siamo accorti... ; sulla vita, che è fango, è merda, ma raggiunge anche picchi di luce che difficilmente riusciamo ad immaginare a mente lucida. Ed è per quei picchi che vale la pena non sprofondare nella merda. Ed è con quei picchi che ci fotte... Quando Pino Imperatore ha annunciato il ritorno degli Esposito, è stata festa grande tra noi suoi lettori, segno che la sua scrittura crea dipendenza. Una dipendenza che, per fortuna, trova soddisfazione in "Bentornati in casa Esposito". Ma di questo libro vi parlerò prossimamente... Buona lettura!

Benvenuti in casa Esposito. Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista

Anonimo - 30/10/2012 14:40

voto 5 su 5 5

Un libro splendido, straordinariamente divertente ed anche impegnato. Un modo nuovo di combattere la criminalità.

Benvenuti in casa Esposito. Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista

Anonimo - 23/08/2012 14:45

voto 1 su 5 1

Nonostante la grande esposizione che ne hanno fatto le librerie, questo libro io l'ho trovato scontato e di una comicità sempliciotta. L'umorismo dei personaggi allontana l'idea di far riflettere su una realtà odierna.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima