Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Brucia Troia

by Sandro Veronesi
pubblicato da Bompiani

Prezzo:
16,00 8,00
Risparmio:
8,00 -50 %
In promo:
3x2 su migliaia di libri
mondadori card 16 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo venerdì 27 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, nel cuore della provincia italiana, si svolge la vicenda raccontata in questo nuovo romanzo di Sandro Veronesi. In scena, due mondi diversi ma paralleli. Da una parte il Cantiere, un degradato fazzoletto di terra abitato dai "brutti, sporchi e cattivi" che sopravvivono al margine del boom economico: qui si rifugerà Salvatore, ragazzino scappato dal brefotrofio dei Cherubini, qui troverà i suoi maestri nel vecchio Omero e in Miccina, e in seguito anche un compagno-allievo nel Pampa, bambino solitario e selvaggio dalla sua stessa stirpe segnata. Dall'altra, i trovatelli del brefotrofio, dominati da padre Spartaco, ex missionario integralista con un'idea fissa: costruire tra gli olivi un leggendario monumento psichedelico, tutto ingranaggi e tubi al neon, innalzato in lode alla Vergine Maria per "resistere al progresso che tenta di umiliarla". Nel mezzo, lo scroscio borghese della modernità, al quale tutti i personaggi di questa antisaga sono disperatamente estranei; e sarà proprio nel fatidico 1970, l'anno-chiave dell'epopea dello sviluppo, che essi, tutti, verranno consegnati al proprio destino di vittime sacrificali. "Troia" brucia, il fuoco spiana la strada alla nuova civiltà, nasce una nuova razza di perdenti: la vecchia viene cancellata per sempre. Una sorprendente prova di classicità espressiva dall'autore di "Caos calmo". Un romanzo crudele e possente, in cui l'azione e la suspense si attenuano solo per pochi istanti di commozione, per poi tornare alla carica e travolgerci senza remissione.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Bompiani

Collana Narratori italiani

Formato Brossura

Pubblicato  01/01/2007

Pagine  232

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788845258305


10 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
3
2 star
2
1 star
4
Brucia Troia

Noodlesse - 03/02/2008 19:11

voto 1 su 5 1

Mi piace il modo di scrivere di Veronesi, oltre ai suoi romanzi ricordo una bella introduzione ad un libro di Checov. Ho comprato lo scrittore, ma questa volta non l'ho trovato nel libro. Mi è successa la stessa cosa con Edoardo Nesi (consiglio i suoi primi tre romanzi, non l'ultimo). Li ringrazio comunque per le letture precedenti e mi auguro di ritrovare il loro stile in quelle a venire.

Brucia Troia

mauro Barilari - 23/09/2007 19:38

voto 2 su 5 2

Dopo "caos calmo" mi ci sono gettato di botto, ma non riuscivo ad entrare in sintonia con questo romanzo, sono rimasto molto deluso nella sua lettura, l'autore l'ha maturato molti anni e questo si sente. Leggete altro.

Brucia Troia

deanna - 04/09/2007 15:12

voto 3 su 5 3

Da pratese quale sono e grande estimatrice di Veronesi non faccio testo. La storia mi ha appassionato da subito perchè mi ha riportato nella mia città di quei tempi e dentro a una vicenda delle più torbide sulla quale non ho mai avuto modo di approfondire. Come sempre, però, Veronesi entra nella psicologia dei personaggi e li fa parlare, pensare, vivere non secondo la cronaca ma secondo la sua sensibilità di uomo (e di ragazzo a quei tempi), capace di sferrare un duro, giustissimo a mio avviso, giudizio su certe figure di spicco che hanno fatto la peggiore storia di Prato. Ripeto, non faccio testo perchè comunque stravedo per la mia città e per l'autore.

Brucia Troia

Anonimo - 21/08/2007 10:33

voto 1 su 5 1

Difficile immaginare come lo stesso autore di Caos Calmo abbia potuto concepire - in vent'anni poi!!! - un così brutto romanzo.

Brucia Troia

federico - 11/07/2007 09:22

voto 1 su 5 1

Un piccolo libro sia nel numero di pagine che nel contenuto. Tempo perso.

Brucia Troia

Anonimo - 09/07/2007 23:43

voto 1 su 5 1

Non è possibile che esista ancora al mondo qualcuno che scriva di maltrattamenti ad animali così disinvoltamente. Questo libro e questo autore non valgono gli euro spesi.

Brucia Troia

vittorio pisa - 19/06/2007 19:09

voto 2 su 5 2

Storia povera di approfondimenti e ricca di noiose lezioni di morale... interessante la descrizione della suburbia di una indefinita metropoli, ma rimane una brutta copia di Ammanniti. Niente a che vedere con lo splendido Caos Calmo.

Brucia Troia

Anonimo - 12/06/2007 12:44

voto 3 su 5 3

Non il miglior Veronesi. Il romanzo forse risente della lunga stesura, e i tempi di sviluppo della trama ricevono, a mio parere, una accelerazione nel finale che stona un po' con l'accuratezza della prima parte. Storia cruda, con personaggi ben strutturati.

Brucia Troia

Anonimo - 19/05/2007 12:27

voto 5 su 5 5

crudele ma efficace nella morale

Brucia Troia

laura Giarre' - 17/05/2007 13:15

voto 3 su 5 3

Brucia Troia, senza virgole, deve il titolo del romanzo alla canzone di Vinicio Capossela a cui è dedicato. E' una storia di degrado, abbandono, amicizia, pedofilia, orfanotrofio, margini della società, incontro tra uomini, giovani e anziani, preti e suore pazze, mamme inesistenti. E' una storia di soli uomini in cui le uniche donne sono le suore cattive dell'orfanotrofio. Prato, le fabbriche di cenci che nascono come funghi negli anni Sessanta e vengono bruciate altrettanto velocemente, quartieri che nascono come slum di calcutta, immigrazione ed emarginazione di pratesi poveri che non sono ne'di qua, i pratesi normali, ne'di là, i nuovi arrivati, "i tonini, i viti e peppini''. Finale incandescente. Il libro in certe parti ricorda un pò Ammaniti dell'Ultimo capodanno, forse perché è un libro scritto dal 1987 al 2007. Ma non crudo, con una sua raffinatezza e un tratto leggero nel descrivere anche le cose truci. Lo spartiacque fra il vecchio e il nuovo e' Italia-Germania del 1970, partita che ha segnato più di una generazione, notte che segna il culmine del senso del libro.

Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima