Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Cavalieri e cavalleria nel medioevo
Cavalieri e cavalleria nel medioevo

Cavalieri e cavalleria nel medioevo

by Jean Flori
pubblicato da Einaudi

17,85
21,00
-15 %
21,00
Disponibile.
36 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Il termine "cavaliere" è al tempo stesso ambiguo e fortemente evocativo. Si pensa normalmente a uno sdradicato di gran classe, nella dimensione eroica di Lancillotto o nella prospettiva caricaturale di Don Chisciotte. Lo si colloca in scenari affascinanti come le corti principesche o le arene dei tornei, lo si giudica espressione di un mondo passato ma un po' fermo nel tempo, da considerare con la sufficienza della mentalità "pratica" dell'era industriale o con la nostalgia di chi non vede più, intorno a sé, i valori della generosità gratuita, dello stile, della difesa dei deboli, del corteggiamento garbato.
In questo libro constatiamo quanto si debba distinguere un cavaliere romano, che è tale in quanto appartenente all'"ordo equestris", da un cavaliere errante del tardo Medioevo; vediamo che il "miles" degli anni intorno al Mille può essere un fante privo di prestigio ma può essere anche il grande fedele di un potente. Certo, ha peso la civiltà germanica, che introduce la "cultura delle armi" come principio di eminenza sociale nell'Europa latino-germanica; ma Flori storicizza a fondo la figura del cavaliere, la sostituisce anzi con un caleidoscopio di immagini e di ruoli sociali, non tutti riconducibili al progressivo raffinarsi del guerriero "barbaro" ma spesso colorati con gli ideali cristiani.
Scopriamo che "vassallo" e "cavaliere" sono due personaggi spesso distinti, che l'investitura vassallatica e l'addobbamento cavalleresco sono due cerimonie diverse, che gli "equites" possono essere aristocratici ma che, nell'insieme, il ceto cavalleresco è alle soglie della nobiltà e usa il proprio ruolo per entrarvi, con successo finché la società medioevale è ancora fluida o con minori risultati quando quella società si cristallizza nelle gerarchie che preparano l'età moderna.
Tra immagini di Crociati e di veri Ordini cavallereschi, fra ideali teorizzati e brutalità militari praticate, Jean Flori ci accompagna infine dentro il declino della cavalleria.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Periodi storici » Storia medievale

Editore Einaudi

Collana Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie

Formato Libro

Pubblicato 01/01/1999

Pagine 286

Lingua Italiano

Titolo Originale Chevaliers et chevalerie au Moyen Age

Lingua Originale Francese

Isbn o codice id 9788806151515

Traduttore Stefania Pico  -  S. Pico  -  Marisa Aboaf

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Cavalieri e cavalleria nel medioevo"

Cavalieri e cavalleria nel medioevo
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima