Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Class. Vite infelici di romani mantenuti a New York
Class. Vite infelici di romani mantenuti a New York

Class. Vite infelici di romani mantenuti a New York

by Francesco Pacifico
pubblicato da Mondadori

Prezzo:
19,00 16,15
Risparmio:
2,85 -15 %
mondadori card 32 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo giovedì 30 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

Ludovica e Lorenzo sono giovani e belli. Si sono sposati anche se non usa più. Lei ha convinto il padre a aprirle una libreria nel quartiere Trieste, zona storica della borghesia romana. Lui, dottorando poco convinto in filosofia della scienza, si considera un filmmaker da quando ha realizzato un cortometraggio pieno di citazioni di film di culto. Un corto dove Ludovica, vestita di un pigiama giallo che ammicca alla tuta di Urna Thurman in Kill Bill, interpreta "la Sposina". Dopo la vittoria di un premio del comune di Roma, Lorenzo decide che, passati i trenta, ha ancora tempo per diventare regista. E per riuscirci si trasferisce un anno a New York. Ludovica, da brava Sposina, lo segue, lasciando alla famiglia la gestione della libreria. A New York i due entrano in contatto con un microcosmo di italiani con ambizioni artistiche e solidi patrimoni di famiglia. Finché un commento innocente semina il dubbio nella mente di Ludovica: e se suo marito non avesse talento? Saldando la tradizione del romanzo borghese ottocentesco agli sviluppi e le sperimentazioni dei più importanti autori internazionali contemporanei, Pacifico mette in scena il dramma di una generazione. Sospesi tra un benessere che va a esaurirsi nemmeno troppo lentamente e un futuro che sembra non essere più il tempo dove tutto è possibile ma un territorio oscuro e ostile, intrappolati nei riti di una borghesia cui manca il terreno sotto i piedi, i protagonisti di questo romanzo si trascinano soli in un presente nebbioso.

La nostra recensione

Protagonisti: filmmaker incapace con borsa di perfezionamento postlaurea in filosofia a New York (non certo assegnata per meriti); moglie pariolina al seguito, professionalmente frustrata; manager ipercattolico con cinque figli e moglie acida; giornalista musicale New York-residente fulcro e smistamento dei nuovi arrivi; scout editoriale rancoroso e con ego smisurato; tutti legati in qualche modo e tenuti insieme dalla voce narrante nascosta dietro le quinte, e che farà sua opportuna e folgorante apparizione. Fate interagire questi personaggi in un intreccio vorticoso tra Roma e New York ed eccovi servita la didattica di una formazione (medio)borghese per una generazione spaesata, in bilico tra l’esame di coscienza e la trasgressione creativa: con pessimi esiti in entrambi i casi. Francesco Pacifico coglie con flash improvvisi i rappresentanti tipici di quella giungla intellettuale di italiani (avventurieri illusi raccomandati parassiti miserabili) che stazionano tra il Village e Williamsburg, dividendosi tra feste, readings, serate mod, hipster etc. etc. Dalla Capitale alla Grande Mela ecco allora dispiegarsi un panorama generazionale di sconcertante crudezza, con i simboli più caratteristici dei trentenni creativi - vagamente scrittori, giornalisti, artisti, sostanzialmente arrivisti e falliti - di cui coglie puntualmente anche gli stereotipi sessuali e gli apparenti slanci emotivi. Slang, fashion e tweet fanno da sfondo a questo viaggio metropolitano di giovani in fondo marginali perché già esausti, spenti, fuochi fatui di una generazione rovinata, forse, dai padri sessantenni sputati fuori come un incubo dalle illusioni degli anni Sessanta. Tanta poltiglia caratteriale non può che scivolare in un epico “scherzone” che produrrà non pochi scompigli in esistenze già provate e assai poco composte. Una lettura tonica, non c’è che dire, che richiede un certo esercizio, ricambiato da genuino piacere, per districarsi tra sperimentazioni ardite e prove stilistiche azzardate e ficcanti. Class è il ritratto ben riuscito di una diseducazione sentimentale dalle tinte grottesche, quando addirittura non assumono sfumature da farsa.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Mondadori

Collana Scrittori italiani e stranieri

Formato Brossura

Pubblicato  02/09/2014

Pagine  321

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804625124


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Class. Vite infelici di romani mantenuti a New York"

Class. Vite infelici di romani mantenuti a New York
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima