Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Còlor còlor
Còlor còlor

Còlor còlor

by Caterina Davinio
pubblicato da Campanotto

10,97
12,91
-15 %
12,91
Disponibile - Attenzione!! Consegna a rischio per Natale.
22 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

L'amore di una dodicenne difficile per un uomo di quarant'anni, in un piccolo paese di montagna, si intreccia al destino di altri personaggi al di là del bene e del male, emarginati per vocazione alla deriva nella notte metropolitana: variopinte prostitute, spacciatori buoni, extracomunitari e comparse del bel mondo, una carrellata di irriducibili che si narrano in cinque capitoli-racconto dedicati al bianco, al rosso, al blu, al giallo e al bianco e nero.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Campanotto

Collana Zeta narrativa. Prosa ital. contemporanea

Formato Libro

Pubblicato 01/01/1998

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788845600722

2 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
2
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Còlor còlor

Anonimo - 27/05/2011 18:26

voto 5 su 5 5

Un cronista eroinomane, uno spacciatore filosofo, un nobile decaduto e la sua giovanissima consorte, prostitute ambiziose e pittoresche: ben strani personaggi animano le notti di fantomatiche metropoli in questo libro... E poi l'amore puro e inquieto di una bambina difficile per un uomo maturo, un professore universitario di fisica, in crisi e in rotta con il mondo, con la ex-moglie, alla ricerca della verità sulle particelle, sul mondo, sulla sua vita.

Còlor còlor

Anonimo - 22/11/2009 11:50

voto 5 su 5 5

Il contenuto del libro, nella sua stessa consistenza, sembrerebbe dalla parte della linearità, anche se poi la "forma dell'espressione" lo costringe agli scarti del molteplice e ai sobbalzi della sorpresa che avrà modo di notare ogni lettore. Però: mi ha colpito il modo in cui non esistono gli strati sociali. Come si passa facilmente dalla ricchezza alla povertà, dal ruolo dirigenziale all'emarginazione e come - data anche l'importanza della figura del "cronista" - proprio questa figura sia segnata dal marchio dell'indifferenza con l'altro. A dispetto della retorica, dell'alterità oggi imperante e di tanto pessimo neo-neorealismo (buonista o no che sia) lo sprofondamento nella degradazione appare privo di senso, vuoi rappresentativo, vuoi morale. Le differenze sociali prendono piuttosto la via del grottesco. Sicché, nella "forma del contenuto" troverei, in definitiva, un accordo proprio con il "caso" e la discontinuità di quel gioco col dizionario, che poi anch'esso ha un'ascendenza insieme sacra a profana, nobile e goliardica, da vaticinio però anche da procedimento dadaista. Di quanto questi paradossi siano vicini o meno a certi paradossi postmoderni si potrebbe discutere all'infinito. A me però, più che il dilemma senza uscita, interessa la sottigliezza dell'operazione: il fatto, cioè, che il paradosso - invece di essere sbandierato, come sarebbe facile fare - viene incontro inaspettatamente: è imprevedibile. Ci sia, insomma, una deviazione - sottile, ma decisiva - dai prodotti del nostro postmodernismo conformista, standardizzato e in fondo modesto. E mi pare anche che il libro dia una risposta positiva al legittimo dubbio sulle possibilità di un uso sperimentale delle strutture narrative. Oggi che la ricerca sperimentale pare tutta concentrata nel campo "fuori mercato" della poesia, occorre far ripartire la riflessione anche sul modo di raccontare. Tratta da: "I colori dello sperimentalismo narrativo"

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima