Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Confessioni di un borghese
Confessioni di un borghese

Confessioni di un borghese

by Sandor Marai
pubblicato da Adelphi

16,15
19,00
-15 %
19,00
Disponibile.
32 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

A trentaquattro anni, quando tanti muovono i primi passi nella vita letteraria, Màrai pubblicò un libro di memorie di allarmante, definitiva maturità: "Confessioni di un borghese". E lo fece in un momento (la metà degli anni Trenta) in cui, anche se pochi se ne rendevano conto, tutto ciò che era accaduto in precedenza assumeva una tinta di 'vecchia Europa', sebbene si presentasse a volte come la punta della modernità più sfrenata, con tutti i suoi eccessi - sessuali, intellettuali, politici. È il caso della Berlino dove Màrai era vissuto pochi anni prima, e che gli era apparsa come un "unico, continuo ballo in maschera".
In questo che è anche uno scintillante romanzo di formazione seguiamo il narratore dall'infanzia nella cittadina di Kassa, sullo sfondo del tramonto di quella civiltà danubiana che la storia di lì a poco cancellerà, agli anni in cui, spinto da una vorace curiosità e irrequietezza, abbandona il suo paese per una destinazione a lui stesso ignota. Cominciano così le peregrinazioni nell'Europa fra le due guerre: da Lipsia a Weimar, da Francoforte alla Berlino degli anni Venti (in cui "tutti si davano alla pazza gioia, come avvertendo l'approssimarsi di una catastrofe"); quindi a Parigi, dove con la giovane moglie Lola condivide un'esistenza bohémienne, fra alberghi equivoci e miseri bistrot, templi della mondanità internazionale e caffè dell'emigrazione politica di Montparnasse. E ancora sarà a Firenze, a Londra, in Medio Oriente - sino al momento in cui, mettendo fine agli anni di apprendistato, deciderà di tornare in quella patria "ufficiale, poliziesca, imbandierata e fanatizzata" nella quale, nonostante tutto, per diventare uno scrittore bisognerà cercare "la vera patria, che è forse la lingua, o forse l'infanzia".

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Adelphi

Collana Biblioteca Adelphi

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2003

Pagine 467

Lingua Italiano

Titolo Originale Egy polgar vallomasai

Lingua Originale Ungherese

Isbn o codice id 9788845918124

Curatore Marinella D'Alessandro  -  M. D'Alessandro

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Confessioni di un borghese

Anonimo - 22/12/2004 21:02

voto 5 su 5 5

E' stato sicuramente uno dei più bei libri che abbia mai letto. Di quelli che incontri dopo averne letti cento e che successivamente fanno cadere nel mediocre qualsiasi altra lettura. Succede solamente quando si ha a che fare con un capolavoro.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima