Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Danza del gabbiano (La)
Danza del gabbiano (La)

Danza del gabbiano (La)

by Andrea Camilleri
pubblicato da Sellerio Editore Palermo

11,05
13,00
-15 %
13,00
Disponibile.
22 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Prima di morire i gabbiani agitano freneticamente le ali in una sorta di danza macabra. Montalbano si lascia incantare dal gabbiano morente dalla finestra della sua casa di Marinella, ma fa presto a dimenticarlo. Sta infatti per andare in vacanza con Livia che è già giunta a Vigàta. Solo un salto al commissariato per lasciare tutto in ordine e poi finalmente partire. Giunto in ufficio Montalbano chiama i suoi a raccolta. Manca solo Fazio, il più fedele e puntuale dei suoi uomini. Non è tornato a casa, il cellulare è muto; il timore diventa allarme. Il commissario ripercorre le più recenti tracce di Fazio: è stato visto per l'ultima volta al molo. aveva appuntamento con un vecchio compagno di scuola, un ex ballerino finito nei pasticci. Qualcuno poi l'ha notato in campagna, in una zona disseminata di pozzi artesiani, forse un cimitero di mafia. E in effetti un primo cadavere affiora...

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli, mistery e noir , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Sellerio Editore Palermo

Collana La memoria

Formato Brossura

Pubblicato 28/05/2009

Pagine 271

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838923852

12 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
5
4 star
4
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Danza del gabbiano (La) titunetta

antonella mangano - 12/10/2013 13:27

voto 5 su 5 5

Abbiamo dovuto aspettare quasi un anno, ma finalmente è arrivata l'ultima creatura di Camilleri con il nostro Salvo Montalbano adorato... La premessa che vi faccio è: non leggete la prefazione di Nigro, perchè come al solito svela dettagli troppo importanti. Se proprio volete una prefazione, ecco a voi come presenta l'ultima creatura Camilleri: «Il romanzo inizia con la scomparsa, nientemeno, che del suo fido ispettore Fazio, che metterà il povero commissario in un gioco dannato. E poiché è avanzato con gli anni, si lamenta ed è stanco di lavorare, ma non potrà sfuggire al suo destino. Nemmeno a quello in cui lo induce l'ennesima donna tentatrice. Finché ce la fa». (Andrea Camilleri, da un'intervista a Gente in edicola il 4.5.2009) . Diciamo che Fazio finalmente meritava di essere il personaggio più importante di uno dei racconti, vuoi perchè passano gli anni e Montalbano si sente molto più in empatia con lui che con Augello, vuoi anche perchè chi preferisce seguire la meravigliosa trasposizione televisiva, deve però scoprire che Fazio non è un bel giovanotto scapolo, col giubbino di pelle che segue Montalbano in ogni inchiesta, bensì, un coetaneo del vero Salvo, quasi sessantenne anch'egli, baffuto anch'egli, con una moglie devota che lo aspetta sempre in ansia. Ed è proprio lei che avverte Montalbano della scomparsa del marito, chiedendogli se sia con lui.... Chi conosce bene il nostro autore, può provare ad indovinare cosa risponderà Montalbano... Una piccola chicca ve la anticipo, perchè è troppo bella: ad un certo punto Salvo e Livia in macchina, parlano di Zingaretti e compagnia bella: esilarante scoprire che Montalbano è invidioso del suo interprete televisivo!!!

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 03/11/2011 23:25

voto 0 su 5 1

Fu verso le cinco del mattino che non ce la fici cchiù a ristarissinni corcato coll'occhi sbarracati a taliare il soffitto"questa è la frase con cui inizia il racconto.Montalbano ha cinquantasette anni, è quasi al termine della sua vita lavorativa e vive sempre con maggiore fatica le indagini che deve condurre. A volte fatica a prendere sonno, quando ci riesce dorme per poche ore, qualche volta cerca di facilitare il sonno con qualche bicchierino di whisky e poi arriva in commissariato ubriaco.Stavolta si alza e va ad aprire la porta finestra della verandina. La giornata si prospetta "'na vera billizza", dopo la prima tazza di caffè ed il bagno, si veste e torna nella verandina per gustarsi in tutta calma la seconda tazza di caffè.Un saluto al pescatore che, come tutte le mattine "ammuttava la varca in acqua, ci acchianava, principiava a remare puntanno al largo".Poi Montalbano si perde a seguire il volo di un gabbiano, ma ad un tratto l'uccello chiude le ali e cade in picchiata verso la spiaggia. Sembra morto ma all'improvviso ha un fremito, apre un'ala e cerca di risollevarsi, iniziando una specie di ballo. Ballava e cantava, anzi non era un canto perchè dal becco gli usciva un suono roco, disperato, una specie di invocazione di aiuto. Drizzava il collo come per indicare con il becco un punto che non poteva raggiungere. Il commissario scende sulla spiaggia, i movimenti del gabbiano si fanno sempre più rallentati fino a quando cessano del tutto. " ha abballato la sò morti" questo pensa Montalbano, mentre impressionato da ciò che ha visto rientra in casa.La storia inizia con questo episodio emblematico, quasi un sogno premonitore, un sogno ad occhi aperti che troverà delle spiegazioni alla fine del racconto. E' una storia molto scorrevole, a volte riesce anche a strappare un sorriso.I personaggi sono i soliti dei precedenti episodi.Livia, l'eterna fidanzata che abita a Genova Boccadasse, lo raggiunge per una breve vacanza che però non potranno godersi a causa della scomparsa dell'ispettore Fazio, che dà l'avvio ad un'intricato susseguirsi di avvenimenti.E' un racconto fluido e scorrevole e non mancano le furfanterie ed i colpi d'astuzia del commissario. Ci sono tante "ammazzatine", una storia d'amore un pò recitata ed un pò reale, un mafioso, un contrabbando di sostanza chimiche verso paesi arabi, un amore omosessuale.Il commissario Montalbano non è però lo stesso dei primi racconti, le scene che vede le rielabora alla luce dei suoi cinquantasette anni e spesso assumono aspetti che la sua nuova sensibilità rende difficili da accettare.Ad avvenimenti che sarebbero di routine per un commissario giovane lui reagisce "da vecchio, con le lacrime in tasca e le reazioni emotive a fior di pelle".Sinceramente a me questo libro è piaciuto particolarmente, soprattutto mi piace Montalbano perchè non si atteggia a superuomo, perchè è capace di affrontare ogni situazione con coraggio, magari emozionandosi più di quanto dovrebbe fare un uomo della Polizia ma come è normale che sia per un uomo. E' proprio la parte umana del commissario quella che me lo fa amare e che mi fa sperare che a questo libro ne seguano ancora molti altri, non me li perderò sicuramente.

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 25/08/2009 18:06

voto 5 su 5 5

Non essendo siciliana, ho trovato difficile iniziare la lettura dei libri di Camilleri sul commissario Montalbano. Non ho ceduto, mi sono fatta tradurre i termini più difficili da un collega siciliano e... ora non ne posso più fare a meno! Questo ultimo libro non fa eccezione; l'ho letto in un paio di giorni e già non vedo l'ora di leggere il prossimo!

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 21/08/2009 11:06

voto 4 su 5 4

è sempre una lettura da godere! non so proprio rinunciare alle piacevolissime letture di montalbano. camilleri non delude mai ed è sempre una bella condivisione di tempo!L.

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 18/07/2009 12:28

voto 4 su 5 4

Un appuntamento fisso al quale non so rinunciare e che non mi delude mai.

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 14/07/2009 13:56

voto 5 su 5 5

Montalbano (e Camilleri) riesce sempre a cambiare senza stravolgere. Forse una delle storie più coinvolgenti dell'ispettore. Purtroppo non ne ho neanche uno autografato da Zingaretti (che fa una "comparsata" nella storia).

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 02/07/2009 23:44

voto 4 su 5 4

Letto in nemmeno due giorni. Un Montalbano che invecchia insieme al lettore, i cui stati d'animo, malinconie, dubbi e certezze, saggezza ed impulsività, tristezza e solitudine, lampi di genio e confusione, ne fanno soprattutto un personaggio che non si può fare a meno di amare.

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 16/06/2009 12:52

voto 0 su 5 1

Mi avete incuriosito. Vado subito a comprarlo! Gli altri ce li ho tutti! (Ogni tanto li rileggo!!!! Sono malata?)

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 15/06/2009 11:13

voto 5 su 5 5

bellissimo io non mi accontento di leggerli una volta sola ma almeno tre per tutta la serie su uno di loro custodito gelosamente ho l'autografo di Zingaretti

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 10/06/2009 00:41

voto 4 su 5 4

Un Montalbano-Camilleri-Zingaretti ormai tre personaggi in uno, superlativo. Uno dei pochi casi in cui la serie migliora sempre invece di scadere, grande

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 06/06/2009 19:49

voto 5 su 5 5

Un Montalbano, che anagraficamente invecchia, si diletta anche stavolta ad appassionarci. Non mancano i momenti di assoluto divertimento, alternati a momenti di profonda riflessioni. Grazie di cuore, caro Camilleri. Dimenticavo: anche stavolta il nostro commissario si scorda totalmente di ..........! e no, bisogna leggere e capirete. Da non perdere

Danza del gabbiano (La)

Anonimo - 01/06/2009 13:40

voto 0 su 5 1

bellissimo, uno dei migliori

Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima