Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Edipo a Colono. Testo greco a fronte
Edipo a Colono. Testo greco a fronte

Edipo a Colono. Testo greco a fronte

by Sofocle
pubblicato da Mondadori

18,00
30,00
-40 %
30,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
36 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Vecchio e cieco, Edipo giunge a Colono, poco fuori di Atene. È accompagnato dalla figlia Antigone e subito raggiunto dall'altra figlia, Ismene. Lui, il già potente 'tiranno' di Tebe, uccisore del padre e marito della madre, non è più, ora, che un vagabondo, uno "straniero in terra straniera". Chiede agli abitanti di Colono e a Teseo ospitalità e protezione. E Atene, la città della legge, della 'pietas' e della civiltà, le concede: in cambio della protezione che Edipo, dopo la morte, le garantirà. Invano Tebe lo reclama: con la forza del cognato Creonte, che ne rapisce le figlie, o con le implorazioni del primogenito Polinice perché prenda le sue parti contro il fratello Eteocle. Edipo non dimentica per un solo attimo le colpe orrende delle quali, senza saperlo, si è macchiato, e neppure il modo in cui Creonte e i figli lo hanno trattato. Ma guarda ormai oltre, alla morte imminente, al destino eterno di eroe che lo attende. Non è a caso che è giunto a Colono "biancheggiante, dove / più assiduo l'usignolo / effonde il lamento melodioso / nelle valli verdeggianti, / sull'edera color di vino, / sul fogliame inaccessibile del dio, / ricco di grappoli, ombroso, / immune dai venti d'ogni tempesta". Perché Colono - il luogo dove era nato Sofocle - costituisce una vera e propria soglia sacra: meravigliosa e inquietante, essa prefigura, con il suo bosco delle Eumenidi, l'oscura vita dell'Ade. E l'autore novantenne che, poco prima di morire, compone l'"Edipo a Colono", mette in scena la morte dell'eroe. Stravolto dall'inaudita violenza del rapimento di Antigone e Ismene e dal sopraggiungere di Polinice, il dramma appare immobile. Ma la sua staticità fa parte di una struttura che già gli antichi consideravano "splendida e pressoché unica". La vicenda - fatta di parole e di aura, di versi nei quali risuona un'eco allo stesso tempo terrena e ultramondana, storica e mitica, politica etica e metafisica - si chiude con una morte che è passaggio "a vita eterna". Al rimbombare del tuono, Edipo si incammina verso quella che sceglie come sua tomba. Ed ecco che una voce misteriosa lo richiama: "Edipo, Edipo, che cosa aspettiamo / ad andare? È un pezzo, che indugi". Così, la sua morte rimane anch'essa un mistero: "l'hanno afferrato", commenta Antigone, "plaghe occulte in una sorte arcana".

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Classici greci e latini » Testi teatrali , Cinema e Spettacolo » Teatro » Testi e critica letteraria

Editore Mondadori

Collana Scrittori greci e latini

Formato Rilegato

Pubblicato 06/10/2008

Pagine 427

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804573876

Traduttore G. Cerri  -  Giovanni Cerri

Curatore Guido Avezzù  -  Giulio Guidorizzi

Introduttore Giulio Guidorizzi

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Edipo a Colono. Testo greco a fronte"

Edipo a Colono. Testo greco a fronte
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima