Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il medioevo, nonostante quel che spesso si pensa, è stato una civiltà dell'immagine, un'epoca nella quale i castelli, le cattedrali, i mulini a vento e le armature dei cavalieri parlavano. Ed in quell'epoca non esisteva ufficialmente la figura del diverso o dell'emarginato, se si fa eccezione per il "bandito", persona che per decisione di un nobile locale o di un ecclesiastico, era respinta al di fuori dei confini di una zona. Una vasta pletora di folli, emarginati e diversi viveva ai margini delle comunità medioevali, fonte di ispirazione letteraria come nella "Chanson de Roland" o nel "Yvain ou le chevalier au lion" di Chrétien de Troyes. La Chiesa cattolica introdusse nella società una serie di regole e gerarchie rigide trasmettendo alle persone "incomprensibili e diverse", un senso di allontanamento intenso e profondo. Senza cancellare le tracce delle immagini parlanti che seppe creare nei secoli la civiltà medioevale a partire dai folli, i diversi, gli emarginati e i bizzarri.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Periodi storici » Storia moderna (1450-1700 ca.)

Editore Ilmiolibro Self Publishing

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 14/09/2014

Lingua Italiano

EAN-13 9788891080646

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Emarginati, matti e bizzarri nel medioevo"

Emarginati, matti e bizzarri nel medioevo
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima