Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Eredità della musica. David J. Bach e i concerti sinfonici dei lavoratori viennesi (1905-1934)
Eredità della musica. David J. Bach e i concerti sinfonici dei lavoratori viennesi (1905-1934)

Eredità della musica. David J. Bach e i concerti sinfonici dei lavoratori viennesi (1905-1934)

by Piero Violante
pubblicato da Sellerio Editore Palermo

Prezzo:
16,00 13,60
Risparmio:
2,40 -15 %
mondadori card 27 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo lunedì 30 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Richard Strauss ha osservato che dirigendo il primo tempo della "Terza" di Mahler finiva con l'immaginare "interminabili schiere di lavoratori in marcia verso il Prater per celebrarvi il Primo Maggio". E' un'idea largamente condivisa che la Grande Vienna sia stata uno dei cruciali laboratori del Novecento. Questo studio, che mette assieme la storia, la storia della musica e la musicologia, la storia della cultura e quella sociale, lo riafferma. Ma lo riconsidera, guardandolo dalla prospettiva del tentativo da parte della socialdemocrazia e dei teorici dell'austro-marxismo di fare del proletariato l'erede della tradizione musicale viennese e, attraverso questo, erede della cultura classica tedesca. Un'utopia intellettuale germinante intorno all'organizzazione dei cosiddetti "Concerti sinfonici dei lavoratori viennesi", voluta da David J. Bach - responsabile culturale del partito socialdemocratico, figura ancora poco esplorata della Grande Vienna - il cui obiettivo era quello "di creare con e per il proletariato una tradizione del moderno che avesse "Mahler come perno e Webern come suo interprete". Secondo Piero Violante quest'esperimento ha subito una censura e una cesura. La cesura è consistita nel fatto che la sua violenta interruzione ha creato una 'coupure' nella storia dell'interpretazione e della ricezione del canone musicale a datare dall'avvento dell'austrofascismo. Da quel momento i "concerti sinfonici dei lavoratori viennesi" sono stati rimossi. Una censura operata - poi - dall'agire di due fattori diversi ma in effetti convergenti. Da un lato "la melassa della nostalgia del mondo di ieri e del mito asburgico". Dall'altro l'egemonia del comunismo staliniano che ha derubricato a "imborghesimento dei lavoratori", insieme al progetto socioculturale in cui si inscriveva, quell'intera storia. Una storia che questa ricchissima ricerca restituisce e ricompone raccontando la Vienna di quei giorni, nelle vicende di intellettuali dalla tipologia irripetibile, nell'evolversi di organizzazioni di masse umane, nell'interconnettersi di idee.

Dettagli

Generi Musica » Teoria della musica e musicologia » Generi musicali e Storia della Musica » Storia della musica » Musica classica » Musica classica occidentale: contemporanea

Editore Sellerio Editore Palermo

Collana La nuova diagonale

Formato Brossura

Pubblicato  01/01/2007

Pagine  227

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838922442


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Eredità della musica. David J. Bach e i concerti sinfonici dei lavoratori viennesi (1905-1934)"

Eredità della musica. David J. Bach e i concerti sinfonici dei lavoratori viennesi (1905-1934)
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima