Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Figli dello stesso padre
Figli dello stesso padre

Figli dello stesso padre

by Romana Petri
pubblicato da Longanesi

11,48
16,40
-30 %
16,40
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
23 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Figli dello stesso padre, ma di due donne diverse, Germano ed Emilio si rivedono dopo un lungo silenzio. Sono diversissimi, accomunati unicamente dall'amore insoddisfatto per il padre Giovanni, una figura possente, passionale ed egocentrica, che ha abbandonato la madre di Germano perché la sua nuova donna aspettava un figlio, Emilio, per poi abbandonare poco dopo anche lei come tutte le altre donne della sua vita. Germano, pur essendo sempre stato il preferito del padre, non ha mai perdonato al fratello minore di essere la causa del divorzio dei genitori. Emilio, cresciuto sapendo di essere il figlio non voluto, ha sempre cercato, invano, l'affetto del padre e del fratello. Nei pochi giorni che trascorreranno insieme, le antiche rabbie e il richiamo del sangue riemergeranno furiosi.

La nostra recensione

Il rapporto padre-figli in letteratura comincia con racconto epico/tragico e approda nel Novecento filtrato dalla psicanalisi, in un percorso lungo e bellissimo che ha dato anche veri e propri capolavori, soprattutto nel secolo scorso. Argomento dominante ma delicato, dai mille risvolti e anfratti, il rapporto padre-figli è stato sempre al centro dell’attenzione narrativa; il romanzo di Romana Petri si iscrive in questa secolare tradizione, declinando il nucleo della paternità nel rapporto ambiguo, conflittuale ed esasperato tra fratelli di madri diverse, figli dello stesso padre ma cresciuti distanti l’uno dall’altro, uniti e respinti non per scelta propria. E cosa non si fa nel nome del padre? Di un padre, oltretutto, protagonista assoluto, la cui sola ingombrante presenza rende inevitabilmente comprimarie tutte le altre persone che gli stanno accanto. Emilio e Germano vanno a sbattere violentemente contro lo spesso muro dei rimorsi, delle passioni soffocate, della delusione e ne escono a pezzi, frantumati e incapaci di rimettersi in piedi, uno di fronte all’altro. Romana Petri orchestra con sobria eleganza questo tiro incrociato di emozioni e sentimenti contrapposti, dove le donne, le due madri, giocano un ruolo decisivo nel ricostruire la figura di quell’uomo tanto amato e tanto fragile, passionale e distante al tempo stesso. Un confronto - inevitabile e banale - che porta i due figli a voler essere comunque radicalmente diversi dal padre: Emilio, rigoroso, padre esemplare e marito fedele, Germano, sregolato e senza legami stabili, tenendosi sempre lontano da quell’idea di famiglia che per lui richiama solo dolore e rimpianto. C’è in questo romanzo un filo sottile di rancore che si avviluppa in una matassa ingarbugliata di sofferenza e infelicità; districarla, per Emilio e Giovanni, è il senso stesso dell’esistenza, o meglio: il difficile tentativo di esistere, nel nome del padre.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Longanesi

Collana La Gaja scienza

Formato Rilegato

Pubblicato 27/03/2013

Pagine 297

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788830436114

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Figli dello stesso padre"

Figli dello stesso padre
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima