Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Finché la legge non vi separi. Perché la fabbrica dei divorzi sta distruggendo la nostra civiltà
Finché la legge non vi separi. Perché la fabbrica dei divorzi sta distruggendo la nostra civiltà

Finché la legge non vi separi. Perché la fabbrica dei divorzi sta distruggendo la nostra civiltà

by Massimiliano Fiorin
pubblicato da San Paolo Edizioni

Prezzo:
12,90 10,96
Risparmio:
1,94 -15 %
mondadori card 22 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo venerdì 7 aprile.  (Scopri come).

Descrizione

In questo libro, Massimiliano Fiorin, avvocato civilista autore di "La fabbrica dei divorzi", traccia un bilancio controcorrente degli oltre quarant'anni trascorsi da quando in Italia - come nel resto del mondo occidentale - porre fine al proprio matrimonio è diventato un diritto soggettivo di ciascuno dei coniugi. Il sistema giuridico infatti favorisce il divorzio in tutti i modi, adeguandosi ai condizionamenti della mentalità imperante e lo tutela e incoraggia molto più di tutti gli altri diritti o doveri concernenti la famiglia.

Dettagli

Generi Religioni e Spiritualità » Vita e pratica cristiana » Aspetti cristiani della sessualità e delle relazioni » Chiesa cattolica e altre Chiese cristiane » Chiesa cattolica romana

Editore San Paolo Edizioni

Collana Psiche e società

Formato Brossura

Pubblicato  30/08/2012

Pagine  224

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788821575679


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Finché la legge non vi separi. Perché la fabbrica dei divorzi sta distruggendo la nostra civiltà"

Finché la legge non vi separi. Perché la fabbrica dei divorzi sta distruggendo la nostra civiltà
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima