Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Furia del mondo (La)
Furia del mondo (La)

Furia del mondo (La)

by Cesare De Marchi
pubblicato da Feltrinelli

7,65
9,00
-15 %
9,00
Disponibile a partire dal 21/08/2017.
15 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Seconda metà del diciottesimo secolo. In un piccolo villaggio tedesco. Il piccolo Abel nasce in una famiglia di poverissimi contadini: gracile di salute, ha dalla sua una sensibilità e un'intelligenza fuori dal comune. Se ne accorge il parroco e maestro, Rupprecht Radebach, un pastore luterano tormentato: ha avuto una brillante carriera nelle gerarchie della chiesa cattolica ma, alla fine di una profonda crisi teologica ed esistenziale, ha abbracciato la dottrina di Lutero e ha sposato la donna che ama. Radebach chiede alla madre di Abel il permesso di impartire al ragazzino lezioni supplementari. Abel rivela una disposizione eccezionale per lo studio, ma il carattere chiuso e incline alla meditazione gli fa il vuoto intorno.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Classici italiani

Editore Feltrinelli

Collana Universale economica

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2007

Pagine 397

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788807819902

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Furia del mondo (La)

Anonimo - 06/08/2011 11:48

voto 5 su 5 5

Un libro bellissimo, difficile magari, per via della prosa altissima, ma anche laddove questa ti rallenta ti fai prendere dalla sua musicalità e procedi. "La storia umana era una sequela di orrori; non solamente la storia, ma ogni fatto di ogni giorno, la fatica del risveglio, il lavoro, persino l'atto di nutrirsi. Nemmeno lui ne era fuori; forse un po' discosto dalla corrente impetuosa, in un'ansa che gli dava illusione di quiete, ma stava per irromperci l'orrore; o forse già c'era, e lui non se ne accorgeva ancora..."

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima