Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La Germania di Weimar. Utopia e tragedia
La Germania di Weimar. Utopia e tragedia

La Germania di Weimar. Utopia e tragedia

by Eric D. Weitz
pubblicato da Einaudi

32,30
38,00
-15 %
38,00
Disponibile - Attenzione!! Consegna a rischio per Natale.
65 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

La Repubblica di Weimar è stata a lungo dipinta solo come un momento di passaggio, una drammatica parentesi tra la Grande Guerra e il Terzo Reich. In realtà, fu molto di piú. Il sistema di democrazia parlamentare che seppe realizzare fu sorprendente: non solo perché nacque pochi mesi dopo la fine di un conflitto mondiale da cui la Germania era uscita sconfitta e gravata da quanto stabilito nel Trattato di Versailles, ma, soprattutto, per la portata delle trasformazioni politiche, sociali e del costume che la contraddistinsero. Alle riforme di welfare si accompagnò una vivacità intellettuale e una creatività che fecero in particolare di Berlino una capitale mondiale dell'arte d'avanguardia: da "Essere e tempo" di Martin Heidegger all'"Opera da tre soldi" di Bertolt Brecht, da "Metropolis" di Fritz Lang alle realizzazioni del Bauhaus di Walter Gropius, da Erich Mendelsohn a Bruno Taut, da August Sander a Laszlo Moholy-Nagy, la letteratura, l'architettura, il cinema, la fotografia e la filosofia furono illuminati da personalità le cui opere sono divenute capisaldi della cultura occidentale del Novecento. Con una narrazione calibrata e sempre avvincente, Weitz fa rivivere quel periodo di radicali contrapposizioni, con l'ausilio di documenti istituzionali, articoli giornalistici e testimonianze dirette corredati da immagini e fotografie. Ne emerge un quadro completo ed esaustivo dei quattordici anni della repubblica, con le sue molte luci e le sue altrettanto numerose zone buie. Alle conquiste della democrazia e al fervore culturale, infatti, fecero da contraltare la frammentazione politica, il gioco delle alleanze parlamentari, gli interessi di parte e l'incapacità di governare il cambiamento e i suoi effetti. Nelle pieghe di quella società prosperarono l'idea della purezza della razza e i germi dell'intolleranza e dell'assolutismo. Oggi, a quasi un secolo di distanza, la Germania di Weimar "deve" continuare a parlarci: ed è utile, anzi necessario, ascoltare, proprio perché, ci dice Weitz, "tutti sappiamo come andò a finire".

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia di altri terrritori » Storia sociale e culturale » Periodi storici » Storia del XX e XXI secolo , Lingue e Dizionari » Corsi di lingua e cultura tedesca » Storia e società tedesca , Politica e Società » Politica e Istituzioni » Istituzioni e organizzazioni

Editore Einaudi

Collana Saggi

Formato Rilegato

Pubblicato 17/11/2008

Pagine 454

Lingua Italiano

Titolo Originale Weimar Germany. Promise and Tragedy

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788806194215

Traduttore Piero Arlorio

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La Germania di Weimar. Utopia e tragedia"

La Germania di Weimar. Utopia e tragedia
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima