Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Gli sdraiati
Gli sdraiati

Gli sdraiati

by Michele Serra
pubblicato da Feltrinelli

10,20
12,00
-15 %
12,00
Disponibile.
20 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Forse sono di là, forse sono altrove. In genere dormono quando il resto del mondo è sveglio, e vegliano quando il resto del mondo sta dormendo. Sono gli sdraiati. I figli adolescenti, i figli già ragazzi. Michele Serra si inoltra in quel mondo misterioso. Non risparmia niente ai figli, niente ai padri. Racconta l'estraneità, i conflitti, le occasioni perdute, il montare del senso di colpa, il formicolare di un'ostilità che nessuna saggezza riesce a placare. Quando è successo? Come è successo? Dove ci siamo persi? E basterà, per ritrovarci, il disperato, patetico invito che il padre reitera al figlio per una passeggiata in montagna? Fra burrasche psichiche, satira sociale, orgogliose impennate di relativismo etico, il racconto affonda nel mondo ignoto dei figli e in quello almeno altrettanto ignoto dei "dopopadri". "Gli sdraiati" è un romanzo comico, un romanzo di avventure, una storia di rabbia, amore e malinconia. Ed è anche il piccolo monumento a una generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, e forse da quella posizione riesce a vedere cose che gli "eretti" non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

La nostra recensione

Generazioni a confronto nel nuovo romanzo di Michele Serra, in cui si materializza lo scontro generazionale tra Giovani e Vecchi anche attraverso la Grande Guerra Finale che nel 2054 porterà allo scontro epocale e, si spera, risolutivo con l’immancabile eroe che non può che chiamarsi Brenno Alzheimer, intellettuale decrepito ma autorevole, animato da una malcelata simpatia per i giovani e il loro futuro. Naturalmente Brenno Alzheimer è Michele Serra. Questo è, diciamo, il nucleo ironico sarcastico umoristico del libro, per altro imperniato sul rapporto di Serra con il figlio adolescente, difficile ma non impossibile o, per restare nello spirito del libro, sarebbe forse meglio dire impossibile ma non difficile. Il libro è pervaso da un senso di liberazione e di energia soprattutto perché alla fine non c’è un vincitore, né era intenzione di Serra decretarlo, nonostante la finzione fantascientifica della guerra. Un senso liberatorio che si manifesta negli episodi del romanzo: una vendemmia boicottata dal lungo sonno dei giusti (e sdraiati), un’intricata e allucinata battuta di shopping in un negozio di felpe, il grottesco scambio d’idee con il tatuatore del figlio e la salvifica passeggiata in montagna; il sogno del padre di condividere quell’orizzonte sublime con il figlio, di trasmettergli una scoperta, una gioia già provata. È bella la sensazione che si prova durante la lettura, che in sostanza è quella di sapere che non ci sono colpe da distribuire, né sensi di colpa da risolvere; c’è però il sentire comune e universale dell’identità o, se vogliamo, dei ruoli che prima o poi siamo chiamati ad assumere per scelta o per sorte. Padri e figli si somigliano nella loro unicità perché i percorsi che fanno sono gli stessi e perché i padri spesso non ricordano di esserci già passati, a modo loro ovviamente, e i figli ancora non sanno che, a modo loro ovviamente, dovranno pur passarci.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Feltrinelli

Collana I narratori

Formato Brossura

Pubblicato 19/10/2013

Pagine 108

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788807018343

4 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
3
Gli sdraiati monicamunaro

Monica Munaro - 07/10/2015 12:40

voto 3 su 5 3

Gli spiazzati Passo in corridoio di fianco alla camera da letto delle mie ragazze e sento una voce nuova. Chi è? Chi cè in stanza? E entrato qualcuno mentre ero in cucina e non me ne sono accorta? Busso.sì perché se oggi ti permetti di entrare senza preavviso e permesso ottenuto, violi la loro privacy..entro Con chi stavi parlando? Alessandra, mamma, messaggio vocale! già perché oggi un estraneo può entrare nel tuo mondo e violare la tua privacy, perturbare la tua intimità familiaredaltra parte whatsapp costa nulla, la comunicazione costa nulla, che bisogno cè di selezionare, filtrare, attendere..rispettare..io ti lascio un messaggio vocale ora, perché lo voglio ora, e so che tu sei lì ad aspettare perché se non sei connesso rischi di perderti qualcosaresti indietro..e poi come fai a essere protagonista nel tuo branco? Questi figli.Gli sdraiati di M. Serra..che sembrano nati in un mondo dove tutto è già stato scoperto e non sono attratti da ciò che emoziona i genitori. la vendemmia, una bella passeggiata in montagna. in realtà ci battono con la tecnologia che noi viviamo quasi come una forma di selezione darwiniana per la sopravvivenza..non sono quadrumani per cui ancora non riescono a utilizzare i piedi per altre connessioni oltre a quelle gestite con gli arti superiori. Così a scuola superano le verifiche e in montagna raggiungono la sommità del colle prima di noi. Loro saranno Gli sdraiati .ma noi siamo Gli spiazzati! Milano, 04.10.2015 Monica

Gli sdraiati maxykar

maxykar karmaxy - 14/07/2014 16:41

voto 1 su 5 1

Ottima trasposizione di rapporto moderno di padre-figlio. Belli i paragoni vita giovanile del padre a rapporto con quella del figlio. Lettura leggera.

Gli sdraiati bukowski89

francesca caporale - 08/01/2014 10:16

voto 1 su 5 1

Libro lasciato a metà. Pesante, monotono e senza nessun filo logico. Bocciato!

Gli sdraiati benetton2

Paola Cavani - 09/12/2013 15:56

voto 1 su 5 1

Delusione totale. Il tema estremamente interessante, lo sviluppo , a mio parere, pessimo. Bocciato

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima