Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Hotel Borg
Hotel Borg

Hotel Borg

by Nicola Lecca
pubblicato da Mondadori

14,02
16,50
-15 %
16,50
Disponibile.
28 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Questa è la storia di cinque persone che, presto, si troveranno insieme. Questa storia accade per lo più in Islanda: un'isola di ghiaccio, piena di lava, di vento e di gabbiani coraggiosi che camminano lungo i marciapiedi della capitale anche quando, talvolta, ci sono dei passanti. Si svolge tra queste poche strade, ma, soprattutto, si svolge nella coscienza più segreta di ognuno dei protagonisti. Proprio come un quadro di Mirò, questa storia non ha una 'prima donna', ma non ha neanche un 'primo uomo' e tutti i personaggi esistono insieme, condividendo il medesimo spazio, senza comunicare tra loro anche quando, effettivamente, si trovano molto vicini. Eppure c'è un filo che li lega in una maniera invisibile. Si tratta di un filo di confine, di un limite: il loro limite umano. Ed è proprio dentro a questa inevitabile limitazione che essi si muovono ed esistono insieme. Alexander Norberg, il celebre direttore d'orchestra, coinvolgerà nel suo concerto d'addio Rebecca Lunardi, una donna complicata e cinica ormai al termine della propria carriera, e Marcel Vanut, un ragazzetto prigioniero di genitori avidi che lucrano sull'unicità della sua voce senza permettergli mai alcuno svago. Su di loro incombono due figure inquietanti: Hakon, padre segreto di molti figli e maestro di vita sregolata per i giovani di Reykjavik, e Oscar, impiegato in un albergo di lusso londinese con l'unico compito di salutare, inchinandosi, i clienti che arrivano e quelli che vanno via. Alexander, Rebecca e Marcel, così come Hakon e Oscar, sfideranno le regole del destino offrendo le proprie speranze al buio islandese: un buio invernale pieno di nebbia capace di rendere ogni accadimento misterioso.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Mondadori

Collana Scrittori italiani e stranieri

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2006

Pagine 217

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804546771

3 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
1
Hotel Borg

Anonimo - 26/04/2006 14:02

voto 4 su 5 4

Spiace a molti che un autore così giovane scriva via via per le più importanti casi editrici italiane. E così, senza neanche leggere alcune pagine, si stronca un libro valido per pura invidia. Sono una lettrice di Lecca dal suo primo romanzo, un'opera prima già completa ed interessante. In questa sua ultima fatica, l'autore mostra una sorprendente capacità nel sapere sondare le pieghe dell'animo dei suoi personaggi e, come una musica, riesce a comunicare questi sentimenti al lettore. Scorrevole, piacevole, sconsigliabile a chi vuole leggerlo tutto d'un fiato in quanto richiede tempo per assaporarlo. Bravo Nicola Lecca: neanche i tanti vanagloriosi scrittori tuoi conterranei sono riusciti a fare tanto, e soprattutto alla tua età.

Hotel Borg

Gianni - 30/03/2006 16:40

voto 5 su 5 5

Ancora una volta Lecca ci seduce con la sua poetica scrittura; le sue parole, come musica, scorrono sulle pagine come note sul pentagramma. I personaggi, di animo sensibile, con delle folli pretese e decisioni, vengono adagiati su scenari sconosciuti, insoliti, lontani. Hotel Borg non è un semplice romanzo, dietro questo capolavoro, scritto con sentimenti reali e profondi, si può scorgere, sin dalle prime pagine, uno stile dolce, musicale e poetico. L'intreccio della trama è ben tessuto, con un risvolto inatteso, elegante, da rispettare. I cinque personaggi ruotano attorno ad un vortice sospinto da una forza sconosciuta, misteriosa, apparentemente senza spiegazioni. Sicuramente un libro per pochi, di certo non per chi ha scritto il commento insensato e denigratorio proprio qua sotto. Essenziale è infatti, una conoscenza almeno minima della musica classica, della sua armonia e magia, che fa da cornice all'intero romanzo. Necessario è, rispettare le pause senza mettersi fretta di finire il libro, leggerlo e gustarlo soavemente come una qualsiasi sinfonia, sonata o concerto, che di certo vorremmo non finissero mai. Infatti, l'autore, scandisce i ritmi del racconto, come un direttore d'orchestra dirige la sua filarmonica. Entrambi possiedono il potere di trasmetterci con delicatezza, o con impeto, delle immagini e sensazioni che non vorremmo mai scambiare con niente al mondo. Un grazie mi pare il minimo che io possa fare per questo giovane scrittore; ogni suo libro ci incanta, ci inebria di mondi fatati eppur reali, ci regala storie che ci sembrano perdute, smarrite in questa quotidianità fatta di effimere emozioni, che magari possiamo riscoprire solamente vagando per questa vecchia ed elegante Europa. Un viaggio che Nicola Lecca si è promesso sin da Bambino, ovvero raggiungere almeno cento città, e per ora ha mantenuto la parola.

Hotel Borg

Anonimo - 21/03/2006 13:50

voto 1 su 5 1

Come si fa a farsi piacere una cosa così?

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima