Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

I mostri di Templeton
I mostri di Templeton

I mostri di Templeton

by Lauren Groff
pubblicato da Einaudi

Prezzo:
19,00 16,15
Risparmio:
2,85 -15 %
mondadori card 32 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 4 aprile.  (Scopri come).

Descrizione

Due sono le ragioni di fama - slegate fra loro e anche un po' incongruenti - della cittadina di Templeton: l'aver dato i natali al pioniere della letteratura americana James Fenimore Cooper e, ben piú tardi, l'essere diventata sede del popolarissimo Museo nazionale del baseball. Ma una mattina di luglio, proprio mentre la giovane Wilhelmina Upton (per tutti Willie), ultima erede del fondatore Marmaduke Temple, torna a casa incinta e infelice, a quelle due ragioni se ne aggiunge una terza: il cadavere lungo quindici metri di un mostro scaglioso e giallognolo che da un momento all'altro emerge sulle acque del lago locale. E da quell'affioramento, a Templeton, sembrano scaturirne molti altri. La povera Willie, costretta a fuggire dalla Stanford University dopo la fine rocambolesca della relazione clandestina con il suo professore di archeologia, vorrebbe rifugiarsi fra le braccia comprensive e disinvolte della madre Vi. Invece la trova inopinatamente trasformata dall'attivista hippy che era in una fanatica religiosa dell'ultima ora, impaziente di liberarsi del fardello di una bugia lunga ventotto anni: Willie non è, come le ha sempre fatto credere, il frutto di una notte d'amore promiscuo in una comune, ma piuttosto la figlia di un uomo ben noto e ignaro che vive proprio lí, a Templeton. Alla ragazza non resta che impiegare le sue abilità archeologiche per riportare alla luce la verità sulla propria ascendenza e scoprire l'identità del misterioso genitore. Accompagnata nell'impresa dall'amica Clarissa, con il tempo scandito dalle falcate ritmiche dei Compagni di corse, sotto lo sguardo muto ma sempre amorevole di Vi e in un dialogo costante con l'ipotesi di bambino che ha in grembo, Willie si tuffa nelle lettere di famiglia e nei diari autografi, consulta giornali e vecchie foto, rilegge pagine di storia e di letteratura, disturba antenati sepolti da secoli. Le sue ricerche, fruttuosissime e sorprendenti, restituiscono un quadro a tutto tondo della cittadina che credeva di conoscere, e rivelano che, a Templeton, non tutti i mostri vivono in fondo al lago.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Einaudi

Collana I coralli

Formato Brossura

Pubblicato  03/11/2008

Pagine  456

Lingua Italiano

Titolo Originale The Monsters of Templeton

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788806188948


Traduttore Anna Rusconi

1 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
I mostri di Templeton alessiotiburzigmailcom

Alessio Tiburzi - 10/10/2013 15:37

voto 4 su 5 4

Willhelmina Upton torna nella sua cittadina natale, Templeton, perché incinta del suo professore universitario e, cosa ancor più grave, per aver tentato di investire con un aeroplano la moglie di lui. Due eventi straordinari le danno il benvenuto: il primo è che un mostro immenso, sconosciuto e morto è affiorato dalle oscure profondità del lago Glimmerglass; il secondo è che la madre di Willie, Viviene, ex-hippy dissoluta e ora redenta e fervente cristiana, confessa alla figlia di averle sempre mentito riguardo il suo vero genitore: il padre di Willie non è "uno tra gli uomini della comune di San Francisco" in cui abitava, ma un uomo di Templeton. Willie inizia quindi un viaggio a ritroso alla ricerca delle proprie origini, dei segreti e dei tradimenti fondamento della sua storia famigliare per scoprire l'identità del suo vero padre, visto che la madre non vuole saperne di dirglielo. Un libro che l'autrice ammette di aver voluto scrivere in onore della sua vera cittadina di nascita, Cooperstown, ma che col tempo s'è trasformato in una creatura tutta nuova. Una lettura piacevole e scorrevole, benché non ci sia effettivamente nulla di eclatante o di illuminante... ma insomma, i personaggi sono credibili, alcuni dialoghi quasi esilaranti, le diverse "voci" del passato interessanti e poi, a dirla tutta, sui mezzi pubblici si legge proprio bene!

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima