Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Quasi fossero cieli, queste pagine sono colme di nuvole che scorrono, sopra una terra dal cuore di fuoco.
Luoghi dove regna il vento capace di piegare lecci maestosi, ma anche di inseguire echi di fiabe o carezzare un volto.
Pagine per raccontare la storia di Nino e del suo strano marchingegno
Per narrare di Hibrahim e Carlotta, due ragazzi cresciuti respirando venti lontani e diversi
Pagine, per scoprire un sogno lasciato in dono a qualcuno che un giorno arriverà da lontano.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi contemporanei , Cinema e Spettacolo » Teatro » Tecniche di recitazione

Editore Campi Di Carta

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 20/12/2012

Lingua Italiano

EAN-13 9788890789144

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Il Contanuvole fri.garavini

Gianfranca Garavini - 18/01/2013 20:29

voto 5 su 5 5

Il contanuvole, un titolo particolare ed intrigante per una storia scritta con grande sensibilità e delicatezza. Una tenera favola, una dolce coccola per la nostra anima, quella stessa poesia che dimora nellanimo di Marcello Loprencipe. Osservo la copertina e sembra si materializzi un sogno antico, una locomotiva che esce da una nuvola, un cielo azzurro e intorno dei cirri bianchi, che galleggiano leggeri, come fossero piume. Alle due di notte lho terminato e già avrei voluto ricominciarlo daccapo. Le parole lette mi cullavano mentre scivolavo nel sonno e con Nino mi sono trovata dentro il vagone vuoto del treno a tenergli compagnia. Con lui ho udito quelleco lontano, quasi fosse unantica fiaba portata dal vento, quella dolce melodia che cantava così: Un sogno per ogni nuvola un sogno per ogni nuvola.. sono entrata nel suo sogno.... In queste pagine si avverte lamore profondo dellautore per le nuvole, queste piccole particelle dacqua, sospese in una tavolozza celeste che se allunghi una mano le tocchi, le senti e, il vento.. quel vento come forza della natura che ti accarezza, ti scompiglia i capelli e i pensieri. Pagine piene di nuvole, di vento e.. di sogni. Siamo su unisola circondata dal mare con le sue onde bianche, e si narra la storia di Nino, un bambino che giocava con le nuvole, con la luna e il sole. Un bambino solitario, amico del vento, a cui troppo presto sono stati tolti gli abbracci ed i baci più teneri che si possano ricevere, quelli che solo una mamma sa dare.. Così una sera accadde che gli vennero a mancare i baci, le carezze e quella ninna nanna che lo aveva sempre accompagnato per mano fino al bordo dei suoi sogni. La vita scorre, ma non priva Nino dei suoi sogni, delle sue nuvole e con laiuto del mare, crea uno strano marchingegno per contarle..complici un leccio e un pozzo.. In queste pagine cè poesia, cè magia che lambisce silenziosamente le emozioni più semplici e vere, come unonda che sogna di essere nuvola: Una nuvola, in fondo non è altro, che il sogno dellonda..le onde sognano,e nel sogno vogliono essere altro, e ci riescono, grazie allaiuto del vento. Il tempo passa e Nino invecchia e si sa, i vecchi devono abituarsi prima allinevitabile distacco da ciò che amano di più e per questo spesso appaiono burberi e poco propensi alle dolcezze, anche se in realtà hanno un disperato bisogno di baci ed abbracci. Ma il futuro improvvisa portando da paesi lontani Hibraim e Carlotta, il passato e il presente, sogni e realtà, si fondono e confondono in un unico tempo e spazio. Un dono prezioso, un tesoro da lasciare in eredità.. Può giocare degli strani scherzi il vento. A volte reca fin lì essenze e profumi raccolti lontano, tanto lontano da sembrare come provenienti da un altro mondo. Lautore ci insegna ad aprire la mente alla fantasia e a non chiudere mai la porta ai sogni, a non abbandonarli, ma carezzarli come fossero reali, tenerli abbracciati mentre si percorrono le strade della vita, con i suoi vicoli ciechi e le giornate piene di pioggiain fondo una vita senza sogni da rincorrere, che vita è? Chiudo nuovamente il libro, e delle gocce di sogni rigano il mio volto. ...ed io ti vedo quando ti fermi sotto quel leccio col sorriso bambino, e parli con lui, gli confidi i tuoi pensieri, i tuoi tanti sogni.. lui ti risponde allungando un po i suoi lunghi rami in un caloroso abbraccio, ed il vento sorride felice..

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima