Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il cielo cade
Il cielo cade
Prezzo:
11,00 9,35
Risparmio:
1,65 -15 %
mondadori card 19 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 24 gennaio.  (Scopri come).

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Sellerio Editore Palermo

Collana La memoria

Formato Libro

Pubblicato  01/01/1993

Pagine  167

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838909443


2 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Il cielo cade carlomenzinger

carlomenzinger - 22/05/2013 22:17

voto 3 su 5 3

IL GIOCO DELLA GUERRA Ci sono romanzi che nascono dallesigenza di raccontare momenti di vita che ci hanno segnato profondamente. Questo è il caso di Il Cielo cade di Lorenza Mazzetti, con il quale lautrice ricorda la sua infanzia sotto il fascismo e durante la Seconda Guerra Mondiale. Lo fa scegliendo un punto di vista particolare: gli occhi di una bambina simile a quella che era lei in quegli anni. La piccola Penny è unorfana che è stata accolta in casa di un ricco zio ebreo assieme alla sorellina Baby, dopo la morte dei genitori, di cui ricorda ormai poco. La sua famiglia è diventata quella dello zio e vive unesistenza, allapparenza, spensierata. È in realtà, come molti ai suoi tempi, una bambina plagiata due volte: dal Fascismo e dalla Chiesa. Le insegnano ad amare Gesù e Mussolini, anche se vive in una famiglia ebraica. Suo zio si dimostra di vedute aperte e, considerando che la piccola è cattolica e battezzata, le lascia frequentare i preti, anche se non la porta a Messa. Le due bambine crescono preoccupandosi per lanima dello zio, che, in quanto ebreo, sanno che andrà allinferno. Sarà proprio il prete, però, a dir loro, infine, che chi è buono, come lo zio, non va allinferno, nonostante quel che dice la gente intorno a loro. Tutto è visto con lo sguardo ingenuo della bambina: lindottrinamento fascista, larrivo dei tedeschi, la loro fuga, larrivo dei partigiani, la morte. Il gioco prevale su tutto, ma la paura e il dolore si fanno strada, fino al momento in cui cade il Cielo, in cui il loro mondo si disgrega. I tedeschi, prima tanto gentili, mentre occupavano la loro villa, fuggendo diventano cattivi, uccidono la zia e le cugine e bruciano la grande casa che li ha ospitati. Lo zio sopravvive, ma per poco, e, affranto, si ammazza. Il punto di vista infantile rende la storia simpatica e originale, poendola dalle parti del celeberrimo Diario di Anna Frank o di La Bambina che salvava i Libri, di cui però non ha la ricchezza di trama e lapprofondimento. Può essere comunque considerato una lettura da consigliare per la Giornata della Memoria, anche perché per leggerlo non ci vuole che qualche ora. Arrivato a due terzi del libricino, cominciavo, però, a essere un po stufo di osservare i giochi di Penny, Baby e dei loro amici. Arriva, poi, per fortuna, la svolta finale e il libro riprende brio. Nel complesso è una lettura piacevole e un modo interessante per mostrare, in modo semplice ma non meno irritante, la potenza del plagio fascista praticato in quegli anni e della forza di persuasione esercitata dalla Chiesa negli ultimi secoli. A qualcuno i pensieri e i giochi sul Paradiso e lInferno, i Peccati, Gesù e la Genesi di queste bambine potranno forse sembrare normali e ingenui, ma la sensazione di forzatura e di plagio praticati nei loro confronti è stata per me piuttosto forte. Firenze, 10/02/2013

Il cielo cade

Anonimo - 25/05/2003 14:37

voto 5 su 5 5

A seguito di un lavoro fatto a scuola da mio figlio, ho avuto occasione di leggere il libro, vedere il film e assistere ad un incontro con l'autrice, sono rimasta entusiasta di tutto, di come l'autrice ha parlato con serenetà e umiltà e di come ha saputo coinvolgerci. Letto il libro a conclusione di tutto mi è rimasta la curiosità di approfondire, il libro mi ha preso al punto di leggerlo ''tutto d'un fiato'' e con lo stimolo di essere qui, oggi, a cercare interviste e recensioni su quest'autrice che nn conoscevo, ma che ritengo veramente straordinaria. Grazie!

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima