Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il gioco del panino
Il gioco del panino

Il gioco del panino

by Alan Bennett
pubblicato da Adelphi

12,75
15,00
-15 %
15,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
26 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"E l'unica parte della mia vita che mi sembra giusta... ed è quella sbagliata". Nel tentativo di evitare gli spoiler, non diremo a cosa si riferisce l'addetto alle pulizie che è il protagonista del Gioco. Ma la sua situazione è simile a quella in cui si trovano, negli altri monologhi di questa raccolta, la commessa di un grande magazzino, l'impeccabile casalinga probabilmente all'oscuro dei molti e sanguinosi misfatti del marito, l'antiquaria che si lascia sfuggire, per avidità, il colpaccio della vita, e altri ancora: un punto di svolta, dove esistenze fino a quel momento anonime si squarciano, facendo affiorare una realtà ingovernabile, sordida, agghiacciante. E quanto succede abitualmente ai personaggi dell'autore più amato d'Inghilterra, certo. Ma è anche quanto succede, o rischia di succedere, a ciascuno di noi. Il che spiega piuttosto bene quello che si potrebbe chiamare, d'ora in avanti, il paradosso Bennett: ridere - da morire - leggendo qualcosa che, a pensarci meglio, così ridere non fa.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri » Racconti e antologie letterarie

Editore Adelphi

Collana Fabula

Formato Brossura

Pubblicato 16/03/2016

Pagine 131

Lingua Italiano

Titolo Originale Talking Heads II

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788845930584

Traduttore M. Gini

1 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
1
1 star
0
Il gioco del panino ely.101

Elisa Cavandoli - 04/02/2017 17:24

voto 2 su 5 2

Buona parte dei libri di questo autore sono molto particolari e non adatti a tutti. Tranne il primo libro che ho letto, "La sovrana lettrice " che è un vero racconto, tutti gli altri sono da leggere con calma e nel clima giusto perché vanno ragionati e capiti. Non è certo un autore adatto a tutti, e devo ammettere che spesso non l'ho apprezzato, ma questo libro l'ho trovato in biblioteca tra le novità e ho deciso di prenderlo per un momento in cui sarei stata ispirata. Si tratta infatti di una raccolta di sei monologhi raccolti negli anni dall'autore e pensati per la televisione o il teatro, ma comunque vanno letti quando e se ne abbiamo voglia, una forzatura li renderebbe poco apprezzabili. Prima di ogni monologo viene indicata l'ambientazione dove si trova il protagonista e le varie pause, con eventuali effetti sonori o di scena. Con un poco di fantasia è possibile immaginare il personaggio nella sua ambientazione mentre parla. Tutti i monologhi, uno per capitolo, vanno letti e ragionati perché ogni uno propone una morale più o meno nascosta, sempre molto tagliente e puntigliosa, spesso con ironia al vetriolo o con sofferta rinuncia. Ogni singolo monologo presenta alcuni particolari, ambientazioni o narrazione che lo possono rendere immedesimabile nel quotidiano, ma attenzione sempre a leggere con la dovuta ironia. Il libro inizia con una prefazione da parte dell'autore che spiega la scelta di ogni monologo inserito nel libro, per cui sarà facile potere capire ogni capitolo proposto, basta leggere la prefazione, che diciamocelo è quasi più lunga degli interi monologhi. Certo non è un libro per tutti, e non è adatto a chi desidera un paio di ore di svago, perché per la lettura bisogna avere la mente sgombra e riflettere su ogni riga letta. Ogni tanto non mi dispiace questo genere di lettura, ma devo essere dell'umore giusto, e non è facile fare combaciare il giusto umore con la disponibilità del libro giusto, o si ha uno o si ha l'altro, è inutile è un vero classico. So che starete pensando che sarebbe sufficiente acquistare un paio di libri e tenerli pronti per quando sono dell'umore giusto, ma vi assicuro che in questo caso l'umore adatto non capiterà mai. Concludo questa recensione perché come sempre Alan Bennett ha il potere di farmi tirare fuori il mio umorismo al vetriolo ed a farmelo condividere, ma fortunatamente tutto questo dura un paio di ore. Se lo avete letto, o avete letto altri libri simili, fatemelo sapere. Io vi do appuntamento alla prossima recensione, che prometto essere più leggera ed adatta ad un pubblico più ampio.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima