Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il panico quotidiano
Il panico quotidiano

Il panico quotidiano

by Christian Frascella
pubblicato da Einaudi

Prezzo:
17,00 14,45
Risparmio:
2,55 -15 %
mondadori card 29 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 24 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Durante un turno di notte in fabbrica, all'improvviso la paura. Proprio così, dal nulla. Come se gocciolasse dalla testa un brivido lunghissimo. E poi di colpo caldo, caldo fino quasi a smettere di respirare. Da quel momento il protagonista deve fare i conti con le crisi di panico, mentre la sua vita a poco a poco va in frantumi. Il suo rapporto con Lucia, il lavoro alla catena di montaggio, le amicizie: tutto salta in aria per il deflagrare continuo di quell'ordigno sempre innescato. Sarà l'incontro casuale con un anziano ex operaio e con uno psichiatra a spingerlo a risalire fino a monte quel fiume di terrore. Anche se farlo significherà scivolare spesso sul fango dei ricordi. Dopo aver raccontato con forza e leggerezza le emozioni adolescenziali, Christian Frascella torna con un romanzo in cui dimostra di avere la maturità, innanzitutto letteraria, per affrontare i propri fantasmi ed evocare quelli del lettore, in una seduta spiritica coraggiosa. Ci sono cose che puoi dire, e dire così, solo se le hai vissute.

La nostra recensione

“Autofiction” è un termine coniato negli anni Settanta da un critico letterario francese per indicare quelle opere in cui biografia dell’autore e finzione si mescolano e si intrecciano fino a confondersi e a creare una massa narrativa eterogenea e singolare. L’autore è sempre protagonista e compare con il suo nome e cognome; così è per esempio in alcuni dei romanzi di Houellebecq, Moresco, Genna, Bolaño, Auster e Siti. Ed è così anche per Il panico quotidiano, l’ultimo romanzo di Christian Frascella che, mettendo in scena sé stesso in una sorta di diario personale, descrive la storia quotidiana del suo corpo e della sua anima attaccati dalla paura, avvinti e schiacciati dal panico e dall’ansia che spezzano ogni equilibrio fin lì faticosamente raggiunto: lavoro, amici, amore. Al posto di una vita, quella che si credeva di avere e di riempire di gesti ed emozioni “normali”, restano solo il vuoto e la paralisi. Frascella ha vissuto questo percorso all’interno delle pareti spesse e soffocanti della paura e ha deciso di raccontare sé stesso in un romanzo che usa le parole come ganci a cui appendersi o a cui aggrapparsi, tastando tutt’intorno per trovare una via d’uscita. Inizia così una lotta estenuante, le prendi e le dai, cadi al tappeto e ti rialzi, ricominci a lottare: non si vince e non si perde, perché con il panico si può sempre scendere a patti, è accomodante, quando si sa come addomesticarlo. Utilizzando un linguaggio scoperto, che nulla concede al sentimentalismo ma neanche al cinismo, Frascella ha scritto un romanzo maturo, duro e impetuoso, in cui le parole rivestono i fatti senza celarli. Anzi, sono proprio le “parole della memoria”, i ricordi, a svelare gradualmente ciò che è rimasto soffocato all’interno dell’anima e che, all’improvviso, sceglie il corpo per manifestarsi in tutto il suo orrore. Dopo gli adolescenti irrequieti e dolenti dei suoi romanzi precedenti, Frascella si è gettato con inesorabile lucidità a raccontare il ‘cuore’ debole e inappagato dell’età adulta.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Einaudi

Collana I coralli

Formato Brossura

Pubblicato  02/04/2013

Pagine  208

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806212438


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il panico quotidiano"

Il panico quotidiano
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima