Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il popolo di Hitler
Il popolo di Hitler

Il popolo di Hitler

by Robert Gellately
pubblicato da Longanesi

19,55
23,00
-15 %
23,00
Disponibile.
39 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

I nazisti non conquistarono mai la maggioranza in libere elezioni, ma nel gennaio 1933, con la nomina a cancelliere di Adolf Hitler, molti tedeschi voltarono le spalle alla democrazia e caddero nella morsa di un regime spietato. Con diabolica abilità, il Fuhrer riuscì ad accrescere intorno a sé il consenso proprio mentre creava la Gestapo e i campi di concentramento. Per cinquant'anni gli storici hanno dibattuto se, e fino a che punto, il popolo tedesco fu a conoscenza dei campi e in che modo venne coinvolto nella persecuzione degli ebrei, delle 'razze inferiori', dei 'diversi', degli emarginati, dei lavoratori stranieri e di quanti venivano definiti 'parassiti del popolo'. In questo saggio affascinante, terribile e rivelatore, frutto di lunghe e minuziose ricerche compiute negli archivi federali e regionali della Germania, consultando raccolte documentarie, giornali e altre fonti del periodo compreso tra il 1933 e il 1945, Robert Gellately dimostra una volta per tutte il sostanziale consenso e l'attiva partecipazione dell'opinione pubblica tedesca alle nefandezze del regime. Dopo aver posto le basi giuridiche di una 'giustizia di polizia' attraverso la creazione del nuovo codice penale, e dei tribunali speciali, i nazisti diedero sistematica attuazione ai propri aberranti progetti di politica 'sociale' con un apparato poliziesco che permeò tutti i gangli della società, con pesanti intrusioni nella vita privata dei cittadini. Ma, diversamente dalle grandi rivoluzioni moderne, il regime non ebbe alcun bisogno di instaurare il terrore. Anzi, per accrescere il sostegno alla propria dittatura plebiscitaria, Hitler fece appello alle paure più profonde e alle speranze più segrete di un popolo scosso dall'umiliazione seguita alla sconfitta nella prima guerra mondiale, da anni di crisi economica e desideroso di 'normalità' e di rivincita. Egli non nascose affatto alla popolazione le campagne razziali e repressive: esse vennero pubblicizzate sui giornali e nelle piazze, con un'assidua e capillare opera di 'desensibilizzazione morale' che continuò, e anzi si accrebbe, fino alla disfatta finale. Molti, se non tutti, certamente sapevano (non pochi vivevano con gli internati davanti all'uscio di casa), e, in nome di un quieto vivere rivelatosi ben presto una falsa promessa, condivisero. Il volume presenta ventiquattro tavole fuori testo.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia di altri terrritori , Lingue e Dizionari » Corsi di lingua e cultura tedesca » Storia e società tedesca , Politica e Società » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche » Nazionalismo

Editore Longanesi

Collana Il Cammeo

Formato Rilegato

Pubblicato 12/09/2002

Pagine 507

Lingua Italiano

Titolo Originale Backing Hitler

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788830419797

Traduttore Giovanni Ferrara degli Uberti

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il popolo di Hitler"

Il popolo di Hitler
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima