Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il rogo di Berlino
Il rogo di Berlino

Il rogo di Berlino

by Helga Schneider
pubblicato da Adelphi

9,35
11,00
-15 %
11,00
Disponibile.
19 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Il progressivo annientamento di Berlino durante la guerra, visto dagli occhi di una bambina che fu anche portata in visita nel bunker di Hitler.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Adelphi

Collana Gli Adelphi

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/1998

Pagine 229

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788845913471

4 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
3
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Il rogo di Berlino

Anonimo - 08/10/2008 08:41

voto 5 su 5 5

Tutta la produzione libraria di Helga Schneider, riguarda la riscrittura della propria vita ed in particolare delle esperienze vissute durante l'infanzia e la prima giovinezza, esperienze che non hanno solo una valenza personale ma, essendo incastonate in un contesto storico che getta ancora lunghe e cupe ombre sul presente, assumono un valore collettivo politico e morale, apportando eccezionali testimonianze, illuminanti per una comprensione di un'epoca così travagliata dallo sconvolgimento della scala dei valori umani e della vastità ed intensità del dolore che fu inflitto e subito. Sul piano privato, sappiamo ormai, dalle tante interviste rilasciate dall'autrice e dal suo sito Internet, che la piccola Helga ed il suo fratellino Peter, furono abbandonati dalla madre, fervente nazista, che preferì arruolarsi nelle SS ed occuparsi dei campi di concentramento nazisti piuttosto che allevare e proteggere i figli. Con il padre impegnato nella guerra e la madre irrimediabilmente perduta tra le spire di Ravensbruck prima ed Auschwitz-Bierkenau poi, a elargire ai prigionieri le sue qualità di guardiana, i due bambini vengono presi in carico dalla nonna che accorre a Berlino dalla Polonia per occuparsi di loro. Ma il padre, tornato per una breve licenza, si innamora e si risposa. I bambini andranno così a vivere con la matrigna Ursula, mentre il padre ripartirà per il fronte e la nonna ritornerà in Polonia dissentendo sul nuovo matrimonio del figlio. Ursula svilupperà da subito un'incondizionata tenerezza per il piccolo Peter che renderà un bambino estremamente viziato e prepotente mentre, nei confronti di Helga, sarà intollerante e malevolente. Helga conoscerà la tristezza e la severità di una clinica per "bambini difficili" e la solitudine del collegio fino a che, rientrata a Berlino, ne vedrà l'immane distruzione ad opera delle bombe degli Alleati. La Schneider ci riporta, crudi e toccanti, i ricordi di questa infelice infanzia con gli occhi e le parole della bambina che fu, proiettandoci nell'inferno di una realtà vissuta da chi, nato dalla parte degli aggressori, fu una delle tante vittime dell'intensa violenza messa in atto per porre fine alla guerra e cercare di annientarli. Helga vivrà quel tempo agghiacciante, all'interno dell'oscuro scantinato del suo palazzo, così come tanti altri berlinesi. Fuori, una città polverizzata, stravolta dalle bombe e devastata dagli incendi fino a trasformarsi in un uno spaventoso e lugubre rogo. Una città ormai popolata soltanto da cadaveri che si putrefanno ammorbando l'aria e da grossi ratti, gli unici che, nutrendosi di resti umani, possono avere cibo a volontà. Senza luce, né gas, né acqua, senza nulla per sfamarsi Helga vive la sofferente realtà della popolazione civile del suo Paese, della popolazione civile di tutte le guerre. Vive l'abbruttimento e l'annientamento fisico e morale delle gente, vive la morte che ti sfiora ad ogni passo, vive la depredazione feroce della sua e dell'altrui infanzia, soffocata dalla privazione, dalla durezza delle imposizioni e dalle violenze. Attraverso uno dei suoi ricordi, di cui parlerà ampiamente nel libro "Io, piccola Ospite del Fuhrer", Helga ci trascinerà a visitare l'ultima tetra dimora di Hitler, all'interno delle viscere del Male, dove percepirà, con i suoi occhi innocenti, l'oscuro tramonto di quell'insensato potere. Con una scrittura semplice, ma sempre intensa e capace di trasmettere forti emozioni Helga Schneider ci rivelerà un'amara e spietata verità lastricata di ferite talmente profonde ed incancellabili che porteranno alla conclusione bruciante e penosa che nessuno può sopravvivere alla guerra, neppure i vivi.

Il rogo di Berlino

Anonimo - 19/04/2008 17:31

voto 4 su 5 4

Sapevo della crudeltà della guerra, ma non sapevo che l'umana sopportazione potesse arrivare a tal punto. Un libro semplice (come i pensieri di una bimba) e feroce come solo la guerra può esserlo. Leggetelo e odierete per sempre fanatismi e guerre.

Il rogo di Berlino

Anonimo - 23/03/2008 20:14

voto 5 su 5 5

E' il libro più straziante e angosciante che abbia letto, ma è da leggere; dà l'idea a che cosa possa sopravvivere l'Uomo se non è giunto il suo momento.

Il rogo di Berlino

Anonimo - 30/09/2007 08:35

voto 5 su 5 5

Intenso e toccante.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima