Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il tempo zero del desiderio
Il tempo zero del desiderio

Il tempo zero del desiderio

by Andrea Pitasi - Emilia Ferone
pubblicato da McGraw Hill Education

14,25
15,00
-5 %
15,00
Disponibile.
28 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Come è possibile una società, un'economia veloce, ricca e prospera, adeguatamente selettiva da non caricarsi di fardelli inutili e sufficientemente libera e tollerante da dare delle chance anche ai più svantaggiati? È un tipo di economia che sa che la sfida è nel rendere immediato, rapido e vincente l'incrocio tra domanda e offerta, eliminando sprechi di energie e risorse; un'economia consapevole però che tale incrocio avviene attraverso variabili cognitive, simboliche, affettive ed emotive senza potersi permettere di perdere tempo in nome della complessità delle variabili. Questa economia crea un nuovo scenario: "Il Tempo Zero del Desiderio", in cui le innovazioni organizzative (di processo e tecnologiche) sono il principale fattore strategico per offrire crescenti spazi di vita autentica al maggior numero possibile di persone e liberandole sempre più dalla zavorra dell'esperienza, che è ciò che si ottiene quando non si raggiunge ciò che si vuole. Questo volume offre una strategia in nove punti per comprendere in concreto che il tempo zero del desiderio è già qui.

Dettagli

Generi Economia Diritto e Lavoro » Economia » Economia, altri titoli

Editore Mcgraw Hill Education

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2008

Pagine 140

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838666797

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Il tempo zero del desiderio

Anonimo - 26/02/2009 21:53

voto 5 su 5 5

Il "Tempo Zero del Desiderio" rappresenta l'orizzonte di un'economia e di una società in cui domanda e offerta si incontrano senza sprechi di risorse. Il testo propone scenari e prospettive teoriche che offrono nuova luce ai presupposti e ai modi in cui l'essere umano può evolversi, uscendo dalla condizione di uomo paleolitico e sfidare gli scenari della post modernità, liberandosi dai limiti del cervello rettiliano e sfruttando le possibilità che ci offre la neurocorteccia cerebrale. In particolare gli autori presentano una strategia di nove punti che permette di avvicinarsi al "Tempo Zero del Desiderio" e all'evoluzione della società verso un'economia consapevole che trae slancio dalle energie dei top brain workers, veri protagonisti del processo evolutivo prospettato. Tuttavia questi ultimi richiedono politiche di gestione hr di lungo periodo, al fine di stabilire le condizioni di vita organizzativa che li motivino ad agire per gli investimenti fatti su di loro, per il futuro prospettato e per il senso di appartenenza. Gli autori dedicano attenzione alla possibile ribellione delle élite knowledge intensive contro le classi attualmente al potere, che si muovono secondo ragioni che non appartengono a un buon governo bensì al senso comune o a logiche di altra natura. La ribellione di queste élites permetterà evoluzione sociale in termini di consapevole strategicità della funzione allocativa del diritto, delle forme della tutela della proprietà intellettuale e della necessità di svincolare le attività di ricerca avanzata. Al contrario, il perpetuarsi di élite politiche incompetenti impone il rischio "un'autodistruzione per implosione", ossia un'estinzione della società. L'evoluzione descritta può essere utile anche a chi intraprende una professione imprenditoriale. Gli autori presentano infatti mappe strategiche atte a sviluppare nuove competenze e consapevolezze sulle modalità di trasformazione della conoscenza in ricchezza, anche attraverso l'uso consapevole di forme di tutela della proprietà intellettuale e di pratiche di trend setting. Siamo di fronte a un testo che guarda alla società e all'evoluzione sociale degli esseri umani con nuovi modelli che rendono difficile inquadrare il lavoro in un unico campo conoscitivo ed esplorativo del sapere, in quanto esso è ricco di prospettive che mirano a nuove simbiosi tra sapere umanistico e scientifico, superandone le obsolete contrapposizioni.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima