Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

In una sola persona
In una sola persona

In una sola persona

by John Irving
pubblicato da Rizzoli

9,00
20,00
-55 %
20,00
Disponibile.
18 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

"Sono i nostri desideri a plasmarci. In un minuto scarso di accese, inconfessabili fantasie ho desiderato di diventare scrittore e di fare sesso con Miss Frost, non necessariamente in quest'ordine." Quando Billy, a tredici anni, entra per la prima volta nella biblioteca della sua cittadina del Vermont, è in cerca di libri su ragazzi che si sono presi "una cotta per la persona sbagliata": nel suo caso il futuro patrigno Richard, il crudele compagno di scuola Kittredge e la stessa bibliotecaria Miss Frost, statuaria, con le spalle larghe, i bicipiti robusti e un seno da adolescente. Figlio di un crittografo da cui la madre si era subito separata, cresciuto in una famiglia di uomini eccentrici e donne puritane, circondato da un cast di amici, amiche, amanti, travestiti, transgender che rifiutano di farsi incasellare in una categoria o in uno schema, Billy racconta oltre mezzo secolo di avventure tragicomiche alla ricerca di sé (e del padre). Attraverso le sue parole, John Irving mette in scena una toccante epopea sul terrore di essere diversi, sulla profonda verità delle passioni che ci abitano, sulla felice impossibilità di essere altro da sé.

La nostra recensione

Di John Irving avevo letto tanti anni fa - e mi era piaciuto molto - "Il mondo secondo Garp" (da cui nell'82 è stato tratto il film). Il tema degli emarginati è spesso presente nelle opere dell'autore. Qui, nel nuovo "In una sola persona", Irving ci racconta la vita di Billy, prima adolescente e poi maturo professore. Il protagonista, intorno ai quattordici anni, si prende due sconquassanti cotte: una per Miss Frost, la bella bibliotecaria dai bicipiti d'acciaio che la zia Muriel si ostina a chiamare Miss Frost (calcando il tono della voce con ironia e disprezzo su quel Miss), e un'altra cotta se la prende per Richard, il nuovo marito di sua madre. Insomma, un pasticcio. Billy è bisessuale, e i suoi primi amori li vive tra gli anni Cinquanta e i Sessanta, quando l'omosessualità, prima della rivoluzione sessuale, era un tabù. Non che si siano fatti passi da gigante nemmeno oggi, ma questo è un altro discorso. Però allora, peggio che essere gay, c'era l'essere bisex. Come dichiara lo stesso Irving in un'intervista: «Le donne etero della mia generazione non si sono mai fidate dei bisex, si chiedevano se fossero state lasciate per un'altra lei o per un uomo e la loro diffidenza è dunque sempre stata duplice. I gay nemmeno concepivano l'esistenza dei bisex: li consideravano ambigui omosessuali sui generis. E tutti, indistintamente dicevano: aspettiamo e vediamo cosa sono veramente. Sono passati settant'anni, adesso sappiamo cosa sono veramente. È ora di cambiare».
Il romanzo, che si dipana in 552 pagine, è a tratti struggente, sicuramente interessante e raccontato con estrema sensibilità. Poi, per chi prova interesse verso i testi teatrali, da Shakespeare a Ibsen vengono citati con dovizia. Forse un po' troppa, ma io non amo un granché il teatro e quindi non ascoltatemi.
Devo dire che, quando le 552 pagine finiscono, resta, oltre all'empatia più totale per tutti gli emarginati, una forte sensazione di malinconia, perché a Billy, al nonno Harry fanatico di travestitismo, all'immensa Miss Frost, ci si affeziona davvero. L'autore definisce "In una sola persona" il suo libro più politico. «Il protagonista, l'io narrante, è bisessuale e gli eroi - come li chiamo io - sono due donne transessuali. Ciò fa del racconto un'opera politica per definizione».
Rossella Calabrò

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Rizzoli

Collana Scala stranieri

Formato Rilegato

Pubblicato 06/11/2012

Pagine 552

Lingua Italiano

Titolo Originale In One Person

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788817058971

Traduttore L. Sacchini

2 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
In una sola persona braccgi77

giorgia bracchetti - 18/11/2013 11:10

voto 4 su 5 4

Bello, molto diverso dai soliti romanzi con cui mi imbroglio. Non avevo mai letto nulla di tutto questo, di quanto possa essere difficile il mondo visto con occhi di persone diverse dal normale, che poi....normale cosa è?? Il sentimento non cambia se per un uomo o per una donna....la legge delle natura non ci insegna forse che esiste la biodiversità? Sono rimasta molto affascinata dalle avventure di Billy. Lo consiglio soprattutto alle persone che guardano alla vita pensando che sia solo a senso unico senza avere la più pallida idea di cosa voglia veramente dire essere diversi, solo perchè lo stereotio della nostra civiltà ci impone certi canoni che alla volte vanno stretti. Bello.

In una sola persona dani63

daniela manzotti - 20/05/2013 16:22

voto 5 su 5 5

John Irving scrive magistralmente. Ogni suo libro, a mio parere, è un capolavoro e quest'ultimo, "In una sola persona", che scrive alla bellissima età di circa settant'anni, è coinvolgente ed emozionante come i primi (per esempio," Il mondo secondo garp" o "Le regole della casa del sidro").Iil personaggio principale è Billy, un adolescente che non ha conosciuto suo padre e dal quale ritiene di avere preso molti dei suoi difetti. Cresce con la madre e i nonni, in una famiglia in cui il lato femminile prevale senz'altro; adora suo nonno, che recita in una piccola compagnia teatrale, uomo che ama travestirsi da donna nelle commedie, mentre il rapporto con sua madre, crescendo, diventa sempre più conflittuale. Billy fin dall'adolescenza si innamora: della bibliotecaria, miss Frost, del suo patrigno, Richard, dei suoi compagni alle superiori, soprattutto quelli che praticano lotta libera, ed è attratto nella stessa misura da donne più mature e ragazzi giovani, in una lotta costante per chiarire a se stesso la sua identità sessuale. La sua vita è strettamente legati ai libri, i grandi classici, da Dickens a Hardy, e alle commedie e tragedie di Shakespeare, che conosce spesso a memoria, partecipando attivamente alle prove della compagnia teatrale in cui sua madre fa la suggeritrice. Il suo desiderio è quello di diventare uno scrittore, dopo essere diventato un avido lettore grazie ai consigli della bibliotecaria: forse, scrivendo, riuscirà a superare i suoi problemi di pronuncia di alcune parole che lo tormentano nell'adolescenza.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima