Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'Italia a secco. La fine del petrolio e la nuova era dell'energia naturale
L'Italia a secco. La fine del petrolio e la nuova era dell'energia naturale

L'Italia a secco. La fine del petrolio e la nuova era dell'energia naturale

by Mario Tozzi
pubblicato da Rizzoli

15,30
18,00
-15 %
18,00
Disponibile.
31 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Gli idrocarburi alimentano un sistema economico fondato sull'accumulo e sul consumo smodato, e lo fanno a un prezzo ambientale altissimo. La nostra sete di energia continua a crescere, così come cresce a ritmi vertiginosi quella dei Paesi in via di sviluppo. Ma non è troppo lontano il giorno in cui queste risorse si esauriranno (o cominceranno a costare troppo). Che faremo allora? Che farà l'Italia, dopo che il blackout dell'estate 2003, le difficoltà di approvvigionamento di gas dell'inverno 2005 e le battaglie politiche ed economiche internazionali tra i Paesi ricchi di fonti energetiche (dal petrolio al metano) e quelli che le acquistano a prezzo sempre più caro sono suonati come pericolosi campanelli d'allarme? Muovendo dalle situazioni reali esaminate sul campo (dai giacimenti petroliferi lucani alle centrali solari campane, dagli impianti eolici della Daunia alle grandi dighe alpine), Mario Tozzi ci spiega con invidiabile chiarezza come e dove si produce energia nel nostro Paese. E ci illustra quali potrebbero essere le strade da percorrere per scongiurare conseguenze traumatiche: investire in efficienza e in informazione, potenziare la ricerca sulle fonti rinnovabili e non inquinanti (il sole, il vento, l'idrogeno), favorire il decentramento della produzione. L'indice dell'autore è puntato contro una classe dirigente che non è stata in grado di dare al Paese un piano energetico adeguato e moderno né di contrastare seriamente gli effetti di un inquinamento ambientale crescente. Ma la responsabilità insiste Tozzi è di tutti: occorre cambiare radicalmente stile di vita, contenendo gli sprechi e rinunciando al superfluo. E rivalutando una sapienza antica di secoli, capace di armonizzarsi con l'equilibrio vitale del pianeta. Siamo disposti a farlo, a partire da domani?

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "L'Italia a secco. La fine del petrolio e la nuova era dell'energia naturale"

L
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima