Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Jorge Luis Borges. Testamento poetico letterario
Jorge Luis Borges. Testamento poetico letterario

Jorge Luis Borges. Testamento poetico letterario

by Jorge Luis Borges - Fernando Arrabal - Antonio Bertoli
pubblicato da Giunti Editore

Descrizione

Tratto dalle conferenze tenute da Jorge Luis Borges a Tokio (aprile 1984) e a Milano (novembre 1984, 30 novembre e 1 dicembre 1985), questo testo ne costituisce di fatto il testamento poetico-letterario: si tratta infatti delle ultime parole che Borges ha pronunciato in pubblico pochi mesi prima della sua morte (14 luglio 1986), su argomenti che vanno dall'ispirazione artistica al sogno, dallo stile letterario all'analisi della società contemporanea, dalla filosofia alla poesia. L'immagine di Borges che ne emerge è assolutamente originale e inedita: il grande scrittore esce dall'aura intellettuale e cerebrale in cui sembrava circoscritto, dalle gabbie della forma e dell'esercizio del pensiero e dello stile così come eravamo abituati a vederlo, per enucleare invece le ragioni stesse della sua scrittura, il fondamento del suo pensiero e del suo esercizio letterario, le sue motivazioni di uomo e di scrittore. Questo "testamento poetico-letterario", con la sua adesione al sogno, col suo amore per la lettura, le sue citazioni e la sua concezione del mondo, è un'ultima e definitiva riprova della grande statura letteraria, filosofica, poetica e umana di Borges. Il testo è stato curato da Antonio Bertoli, che ne ha redatto la versione definitiva dopo un confronto con Fernando Arrabal, autore delle registrazioni delle conferenze da cui il testo stesso è tratto. Di comune accordo, il testo è stato diviso in argomenti generali e concentrato quindi in singoli percorsi specifici. Il libro si compone inoltre di una introduzione inedita di Fernando Arrabal, di tre saggi-postfazione di Antonio Bertoli e di una bibliografia completa sull'autore.

Dettagli

torna su Torna in cima