Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'Italia spensierata
L'Italia spensierata

L'Italia spensierata

by Francesco Piccolo
pubblicato da Einaudi

Prezzo:
11,00 9,35
Risparmio:
1,65 -15 %
mondadori card 19 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo giovedì 26 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Ci sono cose che non fareste mai. Cosi dite: né ora né mai. Sprecare una fruttuosa domenica pomeriggio negli studi di Cinecittà per partecipare a una trasmissione televisiva, per esempio. Sgomitare in autogrill durante l'esodo delle vacanze. Mettersi in coda per il giro della morte sulle montagne russe e spendere un intero stipendio sotto il giogo di figli ipnotizzati. Affrontare il pigia-pigia per l'ultimo cinepanettone, quello che vanno a vedere tutti, quello che incarna l'animo dell'italiano medio e trovarsi li con tanti italiani medi a sorbirsi l'ennesimo girovagare degli equivoci. E poi succede che vi ritrovate dentro le cose che non fareste mai. A tutti, prima o poi, succede. "E il momento in cui ci si chiede se ci si sente un po' stupidi. E la risposta non è: no. La risposta è: si. Ma questo si è comprensivo e caloroso, suggerisce un diritto a essere un po' stupidi qualche volta nella vita. E a lasciarsi andare". Francesco Piccolo ci porta con sé alla scoperta di un paese, il nostro, dove i cliché stereotipati che etichettano precisi gruppi umani non hanno "diritto di cittadinanza". Perché non può esistere un "noi" e un "loro".

La nostra recensione

Questo “spensierato” libro (reportage? cronaca? inchiesta?) di Francesco Piccolo ha un precedente illustre. Leggendo le osservazioni acute, spietate e ironiche dell’autore non può che tornare alla mente quel piccolo capolavoro “antropologico” di David Foster Wallace, Una cosa divertente che non farò mai più, in cui il grande scrittore americano si lanciava in una scanzonata e irriverente fenomenologia dell’americano ricco in crociera. In questo caso Piccolo, recente vincitore del Premio Strega, si immerge in quattro situazioni molto diverse tra loro con un generico tratto comune che le può raggruppare alla voce: “meglio starne alla larga”. Ma se un intellettuale dotato di grande acume e finissima ironia decide invece di superare questa sorta di ostracismo culturale (un po’ snob non si può negarlo) e partecipare a una puntata di Domenica in, avventurarsi per una mattina intera nella calca estiva di due Autogrill, unirsi al rito collettivo del cinepanettone natalizio, e infine sottoporsi alla maratona ludica di Mirabilandia con ben due bambine al seguito, che cosa può venirne fuori? Sicuramente qualcosa di speciale. Piccolo traccia un ritratto esilarante (con qualche punta di amarezza, di sconcertante amarezza) di un’Italia in vetrina, in cui una buona dose di dissacrante lucidità e perplessità consente all’autore di osservare lo sgretolarsi dell’italiano medio nelle celebrazioni di massa che, malgrado tutti i tentativi di tenersene “alla larga”, finiscono per toccare, prima o poi e in un modo o nell’altro, ognuno di noi. L’occhio critico dello scrittore punge, sferza e irride ma riesce anche ad alleggerire la sensazione di fastidio, e a volte di raccapriccio, che sembra prevalere in alcune situazioni, perché in fondo non è mai una critica feroce, ma una descrizione divertente che scopre vizi comuni e un po’ certo li prende in giro, un po’ se ne appropria, riconoscendoli e accettandoli con rassegnata indulgenza.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Politica e Società » Studi interdisciplinari e culturali

Editore Einaudi

Collana Super ET

Formato Tascabile

Pubblicato  23/09/2014

Pagine  162

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806222918


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "L'Italia spensierata"

L
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima