Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La bambina, il pugile, il canguro

by Gian Antonio Stella
pubblicato da Rizzoli

Prezzo:
12,00 10,20
Risparmio:
1,80 -15 %
In promo:
Centinaia di film 3x2
mondadori card 20 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 28 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

Quando solleva con le sue enormi mani da pugile la nipotina appena nata, il vecchio Primo esclama: "A me sembra più bella di tutte le altre". Ma la piccola ha la sindrome di Down e una grave malformazione cardiaca, sua madreValentina non si riprenderà mai dallo shock (anzi finirà col morirne) e il padre Nevio è un povero ubriacone irresponsabile. Perciò saranno i nonni Primo e Nora a prendersi cura della bimba, dopo averla chiamata Letizia: come l'allegria contagiosa che dimostra fin da neonata. Questo toccante racconto di Gian Antonio Stella, in cui le storie rocambolesche dei pugili americani diventano ninne nanne e si mescolano alle leggende marinare venete, affronta con delicata partecipazione il tema dei "bambini imperfetti".

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Rizzoli

Formato Rilegato

Pubblicato  01/01/2007

Pagine  124

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788817019514


2 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
1
2 star
0
1 star
0
La bambina, il pugile, il canguro

Anonimo - 20/02/2008 09:20

voto 3 su 5 3

Trasmette una grande serenità. Molto, molto carino. Mi ha fatto sorridere.

La bambina, il pugile, il canguro

Maristella - 15/02/2008 20:05

voto 4 su 5 4

Questo breve romanzo di Gian Antonio Stella, quasi un racconto, ha il sapore di una favola dolce e piena di emozioni che, affrontando un tema tanto delicato come l'handicap, riesce a smuovere le coscienze mettendole in grado di comprendere come la vita, anche in situazioni limite, è sempre capace di elargire momenti di gioia che scaturendo da sentimenti di totale purezza, giorno per giorno, creano la forza di camminare nel futuro, anche se lastricato di pregiudizi e di meschinità che tentano continuamente di intralciarlo. Senza cadere nel pietismo o semplicemente in un banale buonismo, Stella raccoglie con garbo e sensibilità la storia di nonno Primo e di nonna Nora e del loro grande amore per la nipotina affetta da Sindrome di Down. Giusto Babich, ex 'pugilista', detto Primo per la sua somiglianza con il famoso gigante della boxe Primo Carnera, attende insieme alla moglie Nora il momento in cui sarà nonno. Ma la bimba nasce con gravi problemi che si sommano al problema principale: un cromosoma in più nel suo corredo genetico. La madre della bimba, figlia dei due anziani coniugi, non è in grado di reggere tutto questo dolore e la sua fragilità finirà per ucciderla; il padre, Nevio, un uomo alcolizzato e irresponsabile si allontanerà dal problema scomparendo per anni. Toccherà quindi ai due amorevoli nonni prendere in mano le redini della vita di Letizia (così il nonno ha voluto chiamarla per il suo sorriso contagioso che elargisce con generosità donando pienezza e calore a chi le vive accanto). Nonno Primo, anche lui con un passato 'differente' in quanto profugo istriano, fuggito dalla cosiddetta 'Zona B' che nel '54 passò definitivamente sotto il controllo della Jugoslavia, è un grande lottatore ma anche un grande incassatore, con un'innata capacità di riuscire ad accettare le vittorie così come le sconfitte. Sa combattere con infaticabile coraggio, allo stesso modo che sul ring, nel crescere e difendere la sua adorata nipotina, scontrandosi con la fiumana di problemi quotidiani densi di errati preconcetti che l'esistenza di 'un diverso' e di chi lo ama e lo aiuta, deve incessantemente affrontare e contrastare. Attraverso la figura di Primo, che con grande attenzione si documenta per assistere la bimba nel miglior modo possibile, l'autore traccia un ampio quadro del trattamento riservato ai bambini 'imperfetti' nella mitologia e nella storia sollevando contemporaneamente una grande quantità di temi di grande e sempre attuale rilevanza etica. Ma sono l'affetto e l'amore incondizionato la forza trainante di questo racconto, di chi con il cuore viaggia con semplicità e schiettezza attraversando instancabilmente ostacoli e barriere, sorretto da risorse impensabili dispensate con prodigalità da un vissuto quotidiano che, con illimitata semplicità e sconfinato candore riconduce al senso più vero della vita. Perché il sorriso, lo stupore, la sincera innocenza, le grandi conquiste di Letizia e dei bambini come lei, hanno lo straordinario potere di riempire il mondo di chi è capace di scorgere con intelligenza e cuore la via che conduce all'assoluto disegno dell'esistenza.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima