Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La caccia al tesoro
La caccia al tesoro

La caccia al tesoro

by Andrea Camilleri
pubblicato da Sellerio Editore Palermo

Prezzo:
14,00 11,90
Risparmio:
2,10 -15 %
mondadori card 24 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 28 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

I fratelli Gregorio e Caterina Palmisano, settantini, presi da manie sacre si sono asserragliati in casa e accolgono i poliziotti che si presentano alla loro porta a colpi di pistola. Ma non è la sola sorpresa: la casa fa spavento per lo stato d'abbandono e per la selva di crocifissi mentre sul letto di Gregorio viene trovata una bambola gonfiabile, lacera, quasi senza capelli e priva di un occhio. Dopo qualche giorno un'altra bambola di gomma viene rinvenuta in un cassonetto di Vigàta. Montalbano è un po' perplesso, e mentre si porta le due pupe a casa per ragionarci sopra ' con l'inevitabile commedia degli equivoci che la loro presenza genera in Adelina e Ingrid ' comincia a ricevere delle strane lettere anonime. Si tratta delle istruzioni per una caccia al tesoro: indovinelli, prove da superare, luoghi da raggiungere. Il commissario è inquieto, qualcosa non gli quadra ma decide di stare al gioco: risolve gli enigmi, le sciarade e l'aneddoto cifrato che lo conduce in una campagna un po' sperduta. A risolvere i rompicapi lo aiuta Aurelio Pennisi, un giovane che gli ha presentato Ingrid, interessato ai suoi metodi di indagine. La situazione però si fa tesa quando insieme a una delle lettere della caccia al tesoro viene recapitata a Montalbano una testa d'agnello sanguinante. Il commissario avverte una sensazione di disagio e capisce che dietro a quella burla si cela qualcosa di oscuro e che non è più ora di giocare. Nel frattempo a Vigàta scompare Ninetta Bommarito, una diciottenne che non ha mai dato problemi in famiglia, le sue tracce si perdono in periferia su una strada che conduce a un luogo un po' misterioso, il Lago di Dio, mentre arriva l'ennesima lettera: Con te mi scuso caro Montalbano Ma il tuo aspettare vedrai non sarà invano'. I versi questa volta hanno qualcosa di laido e non c'è più tempo da perdere. "La caccia al tesoro" è una storia inquietante, cruenta, con un commissario più incline alla riflessione e che questa volta rischia davvero grosso.

La nostra recensione

Bellissimo, come ogni appassionato del maestro Camilleri considera i testi dedicati alle avventure del commissario di Vigata, ma diverso dagli altri.
Crudo nella descrizione della realtà che supera la fantasia, con un senso di grande pietà nei confronti del genitore della vittima. Lì l'anziano scrittore mostra stanchezza e repulsione per le azioni che l'uomo è capace di fare ma poi, quando proprio tutto sembra irrimediabilmente perso, il guerriero Camilleri si oppone a tanta bruttura e il commissario che ne fa le veci con semplicità, naturalezza e animo pulito cerca di ristabilire un momentaneo ordine delle cose, lì dove tutto è follia, dove un pazzo vuole misurarsi offrendo all'acume di un poliziotto quello che per lui è un tesoro in un assurdo gioco.
Scritto con la musicalità tipica dello scrittore, non mancano episodi esilaranti e caratteristiche dei personaggi che fanno sorridere e danno, dopo la vertigine, un pò di sollievo all'affannato lettore.

Ivan 

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli, mistery e noir , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Sellerio Editore Palermo

Collana La memoria

Formato Brossura

Pubblicato  20/05/2010

Pagine  271

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838924781


10 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
4
4 star
4
3 star
1
2 star
0
1 star
1
La caccia al tesoro titunetta

antonella mangano - 12/10/2013 13:04

voto 5 su 5 5

Un torpore mai visto prima attanaglia la caserma di Vigàta. Se non fosse per Catarella, che puntualmente sbatte con una rumorata la porta del commissario più famoso dItalia, Montalbano passerebbe le silenti giornate leggendo un romanzo di Simenon ed un vecchio numero della domenica del Corriere. Ma dietro quella strana tranquillità, dopo aver risolto alla Bruce Willis, come nelle pillicole miricane, un caso di due anziani che si barricano dentro casa sparando dalle finestre allimpazzata, un vero pazzo decide di coinvolgere il commissario in una caccia al tesoro in cui la posta in gioco è a dir poco terrificante. Accolto come sempre dai vigatiani assidui come un evento (dal nome immaginario di Vigàta, il paese protagonista delle storie, i fan di Montalbano si sono nominati così), il nuovo romanzo di Camilleri che ha per protagonista Salvo Montalbano è davvero eccellente. I personaggi ormai sono di famiglia, per cui ci si stupisce poco per le infedeltà di Augello, per la stravaganza libertina di Ingrid, per gli artifizi verbali di Catarella e per la sindrome dellanagrafe di Fazio. Un po di malinconia per gli anni che passano e per quegli altri Salvo che compaiono a dar fastidio alla coscienza del nostro Montalbano, come a ricordargli che inesorabilmente, anche lui è destinato ad invecchiarela sua sensibilità verso casi che un tempo lavrebbero lasciato impassibile è il classico campanello dallarme. Ma a differenza degli ultimi romanzi, in cui il tono era maggiormente crepuscolare, qui si ride di gusto molto più spesso, nonostante il finale sia in assoluto il più macabro e violento mai partorito dalla penna dello scrittore. Ancora una volta però, cè da tirare le orecchie alla casa editrice ed a Salvatore Silvano Nigro. Chi è costui? Perché la Sellerio decide nuovamente di fargli scrivere la prefazione, svelando a tutti gran parte del mistero celato nel libro? Semplicemente perché il professor Nigro della Sellerio è il consulente italianista, anchegli scrittore, certamente di fama mediocre. Approfitta dunque dellopportunità, per essere letto da un maggiore numero di persone. È davvero un peccato che nessuno si renda conto di quanto possa essere fastidioso scoprire in prima battuta ciò che si vorrebbe invece leggere pagina dopo pagina ed arrivare al finale col fiato in gola. La Sellerio potrebbe almeno iniziare la prefazione con un attenzione, SPOILER, così come si fa negli Stati Uniti quando nelle recensioni dei film in uscita cè la possibilità di rovinarsi il gusto della visione. Il consiglio è quindi quello di acquistare il libro e non leggere assolutamente i risvolti di copertina, fidarsi ciecamente di Camilleri che non delude mai, soprattutto quando il protagonista è il commissario Montalbano.

La caccia al tesoro sonnacchiona

claudia cestari - 11/10/2013 19:54

voto 1 su 5 1

Un giallo da vero brivido. Inizialmente la caccia è quasi una presa in giro, ma poi...una serpe divora il povero Salvo pezzo dopo pezzo. Chi si è ritrovato un estraneo accanto capirà

La caccia al tesoro

Anonimo - 26/03/2012 12:05

voto 5 su 5 5

Bel libro. Camilleri è sempre interessante da leggere e le storie di Montalbano non annoiano mai.

La caccia al tesoro

Anonimo - 23/01/2011 15:00

voto 4 su 5 4

Forse un po' più "macabro" del solito, ma Camilleri è sempre bravissimo, sia nelle descrizioni che nei risvolti psicologici dei protagonisti. Una garanzia!

La caccia al tesoro

Anonimo - 30/07/2010 17:03

voto 5 su 5 5

Molto bello Camilleri è come il buon vino, con gli anni migliora. Montalbano invecchia con stile!

La caccia al tesoro

Anonimo - 30/06/2010 11:00

voto 4 su 5 4

Molto bello l'ultimo libro di Camilleri con protagonista il commissario Montalbano. Qualcosa si intuisce ma alla fine non te l'aspetti, sicuramente sarà portato sul grande schermo ma "la caccia al tesoro" è sicuramente una spanna al di sopra dei precedenti "La danza del gabbiano", "Il campo del vasaio" ecc....

La caccia al tesoro

Anonimo - 23/06/2010 12:29

voto 4 su 5 4

Molto bello, giallo diverso dal solito....

La caccia al tesoro

Anonimo - 15/06/2010 12:44

voto 3 su 5 3

Lettura super....... piacevole ma è più una giustapposizione di spezzoni e un esercizio di virtuosisimi che un vero giallo, secondo me manca un po' l'unità narrativa

La caccia al tesoro

Anonimo - 14/06/2010 16:45

voto 5 su 5 5

Ho letto tutti i libri di Camilleri che hanno come protagonista il Commissario Montalbano e posso dire che questo è sicuramente il più bello. Oltre ad essere pieno di riflessioni e considerazioni che fanno di questo libro non solo pura trama, ma anche un'occasione per pensare è divertente e da circa metà anche avvincente perché a differenza degli altri è ancora più intricato come un vero giallo deve essere. Il gruppo poi è sempre più affiatato e i personaggi sono trattati dall'autore più profondamente, forse anche lui si è affezionato a loro, come noi! Bellissimo da leggere assolutamente!

La caccia al tesoro

Anonimo - 10/06/2010 12:29

voto 4 su 5 4

Un po' troppo scenografico, sembra scritto apposta per ricavarne un film thriller....comunque è sempre il nostro adorato Montalbano, la lettura scorre che è un piacere...

Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima