Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La casa del silenzio
La casa del silenzio

La casa del silenzio

by Orhan Pamuk
pubblicato da Einaudi

11,05
13,00
-15 %
13,00
Disponibile.
22 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Fatma, insieme al nano Recep, figlio illegittimo del suo defunto marito, vive ancora nella casa in cui si trasferì con il suo sposo - un medico fallito, attivista politico e alcolista - quando decisero di abbandonare Istanbul agli inizi della rivoluzione del 1908. Nella cadente villa in legno Fatma, altezzosa e bisbetica, trascorre i giorni e le notti assorta nei ricordi, a rodersi in un cupo sentimento. I suoi figli sono morti, ma i suoi tre nipoti ogni estate vanno a trovarla per un breve soggiorno. Faruk, il maggiore, è uno storico che, abbandonato dalla moglie, ha trovato nell'alcol un efficace palliativo alla noia; Nilgun è un'affascinante studentessa progressista che sogna una rivoluzione sociale che non arriva mai; il giovane Metin è un genio della matematica che vuole emigrare negli Stati Uniti per arricchirsi. Tutti e tre, per motivi diversi, desiderano che la nonna venda la casa.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Einaudi

Collana Super ET

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/2007

Pagine 376

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806183516

Traduttore F. Bruno

5 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
3
3 star
0
2 star
1
1 star
0
La casa del silenzio

Anonimo - 11/03/2009 16:27

voto 4 su 5 4

Condivido e mi congratulo per la presentazione del libro, avrei tuttavia gradito anche un punto di vista più personale.

La casa del silenzio

Anonimo - 11/03/2009 16:25

voto 4 su 5 4

La domanda alla fine che mi tormenta è: muore o non muore Fatma? Il libro che la consolava da bambina, tradotto nel romanzo della sua sterile vita, saprà farlo ora che rimane sola, o la accompagnerà alla morte nel suo ricordo? La chiave del romanzo per me, sta tutta qui perchè dà ragione della morte di Nilgun -ragazza senza ricordi significativi- o della dannazione di Hasan perchè del rammarico ne fa un'arma di vendetta individuale contro la società! Anche gli altri ricordano, meno Nilgun, tranne che del suo assassino, all'inizio della storia, che sembra la metafora annunciata. E' quindi il ricordo, bello o brutto, che ci tiene vivi?

La casa del silenzio

Anonimo - 29/05/2008 19:54

voto 2 su 5 2

Indubbiamente è un libro psicologico... ma essendo tale ho trovato difficile seguire chi stava narrando in ogni capitolo, e ho trovato pesante la narrazione. tuttavia non è colpa dell'autore od ella scrittura, credo di essere io a non apprezzare questo tipo di libri, non avevo gradito nemmeno gita al faro della Woolf.

La casa del silenzio

Bracardirum - 15/02/2008 10:15

voto 5 su 5 5

Si tratta di uno splendido romanzo psicologico i cui capitoli sono costituiti da monologhi dei singoli personaggi che, narrando le vicende quotidiane, rivivono il proprio vissuto, e che si alternano senza un ordine precostituito, ma si integrano l'un l'altro così come capita seguendo il filo vivo del racconto. L'arte dello scrittore è tale che malgrado la concentrazione richiesta dall'argomento, la lettura risulta sempre avvincente, tanto che, se leggete il libro a letto la sera, potrà facilmente capitarvi di rimandare più volte il sonno al capitolo dopo. La trama si svolge in grande casa fatiscente affacciata sul mare, in Turchia, nella prima metà del secolo scorso, dove vive, chiusa nei suoi ricordi del marito, una vedova novantenne, assistita da un nano che le sarebbe figliastro, ma che lei tratta con cattiveria peggio di uno schiavo. La scena si anima con l'arrivo di tre nipoti, più qualche altro personaggio di contorno, fino a delineare l'epopea tragica della famiglia, che è insieme paradigma delle sorti del popolo turco in quel periodo di mutazioni epocali. Bellissima la figura del nano, un vero santo, custode e protettore dell'intera famiglia. Ma prodigioso è il modo in cui tutte le figure si plasmano inavvertitamente di pagina e pagina, distaccandosi man mano dall'iniziale caos narrativo, fino a diventare ciascuna una persona vera, e talmente viva da ispirare nel lettore adulto e smaliziato gli stessi ingenui sentimenti di compartecipazione che egli provava da ragazzo, o ragazza, di fronte a un bel racconto ''adatto'' alla sua età. Insomma si tratta davvero di un libro da grande premionobel, assolutamente da non perdere.

La casa del silenzio

Anonimo - 18/09/2007 13:12

voto 4 su 5 4

IN QUESTO LIBRO PAMUK E' DECISAMENTE INCREDIBILE. TI PORTA NELLA SUA INSTANBUL, NEL SUO ORIENTE, E TI TIENE INCOLLATO FINO ALL'ULTIMA PAROLA PER SAPERE COSA FANNO I PROTAGONISTI. UN LIBRO BELLISSIMO, LO CONSIGLIO A TUTTI. MADDY

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima