Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La festa dell'insignificanza
La festa dell'insignificanza

La festa dell'insignificanza

by Milan Kundera
pubblicato da Adelphi

13,60
16,00
-15 %
16,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
27 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Gettare una luce sui problemi più seri e al tempo stesso non pronunciare una sola frase seria, subire il fascino della realtà del mondo contemporaneo e al tempo stesso evitare ogni realismo - ecco "La festa dell'insignificanza". Chi conosce i libri di Kundera sa che il desiderio di incorporare in un romanzo una goccia di "non serietà" non è cosa nuova per lui. Nell'Immortalità Goethe e Hemingway se ne vanno a spasso per diversi capitoli, chiacchierano, si divertono. Nella Lentezza, Vera, la moglie dell'autore, lo mette in guardia: "Mi hai detto tante volte che un giorno avresti scritto un romanzo in cui non ci sarebbe stata una sola parola seria ... Ti avverto però: sta' attento". Ora, anziché fare attenzione, Kundera ha finalmente realizzato il suo vecchio sogno estetico - e "La festa dell'insignificanza" può essere considerato una sintesi di tutta la sua opera. Una strana sintesi. Uno strano epilogo. Uno strano riso, ispirato dalla nostra epoca che è comica perché ha perduto ogni senso dell'umorismo.

La nostra recensione

Un divertissement d’autore che riprende uno dei temi preferiti da Kundera, dal L’insostenibile leggerezza dell’essere in poi, cioè quel gusto estetico di non prendere nulla sul serio, che rivela la paura di essere ferito dai sentimenti. S’intrecciano pensieri e parole di quattro amici parigini di diverse età ed estrazioni: Alain, che è stato abbandonato in fasce dalla madre, divaga riflettendo sull’evoluzione degli orientamenti erotici maschili; Charles, la cui madre è morente, immagina uno spettacolo di marionette su Stalin che prende in giro i suoi accoliti; Caliban, attore disoccupato, fa il cameriere per il catering di Charles fingendosi pakistano; Ramon elabora una teoria sulla mancanza di seduttività dell’arguzia e proclama la sua filosofia: “Da tempo abbiamo capito che non era più possibile rivoluzionare questo mondo, né riorganizzarlo, né fermare la sua sciagurata corsa in avanti. Non c’era che un solo modo possibile per resistere: non prenderlo sul serio.” Un clima felliniano pervade tutta l’opera, come felliniana è la scena conclusiva nei giardini del Lussemburgo, dove un coro di bambini accompagna l’uscita di scena di Stalin vestito da cacciatore sopra un calesse rosso e giallo.
Daniela Pizzagalli

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Adelphi

Collana Fabula

Formato Brossura

Pubblicato 29/10/2013

Pagine 128

Lingua Italiano

Titolo Originale La fete de l'insignifiance

Lingua Originale Francese

Isbn o codice id 9788845928543

Traduttore M. Rizzante

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
La festa dell'insignificanza alessia.861

Alessia Guabello - 23/12/2013 10:24

voto 5 su 5 5

Per gli amanti di Kundera questo libro è un must to have! Tutta la vivacità intellettuale dello scrittore è racchiusa ne La festa dell'insignificanza. Attraverso i personaggi Kundera riesce a far emergere tutta la sua visione estetica, a volte amara e senza significato di epoche presenti e passate.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima