Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La rotta dei corsari

by Tim Severin
pubblicato da Nord

Prezzo:
18,60 9,30
Risparmio:
9,30 -50 %
In promo:
3x2 su migliaia di libri
mondadori card 19 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo lunedì 30 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Algeri, XVII secolo. La città è un pandemonio di voci, grida e richiami: i venditori berberi mettono all'asta le merci, cercando di attirare i nobili e i mercanti che hanno bisogno di schiavi. Perché quelle merci sono uomini, donne e bambini rapiti in Europa dai corsari, diventati il loro bottino e poi catapultati in un mondo sconosciuto e minaccioso, in cui nazionalità, razza e religione contano ben poco, dato che il denaro è l'unica legge riconosciuta. Strappati alle loro case, i prigionieri sono atterriti, disorientati, in attesa di conoscere la propria sorte: verranno venduti al miglior offerente o la loro famiglia pagherà il riscatto e li salverà? Tra queste anime sospese c'è il diciassettenne Hector Lynch: in una notte di tempesta, i corsari hanno saccheggiato il suo villaggio sulla costa irlandese e lo hanno catturato assieme alla sorella Elisabeth, della quale poi lui ha perso le tracce. Coraggioso e volitivo, Hector non vuole rassegnarsi al proprio destino di schiavo e, grazie all'aiuto di Dan, un ragazzo originario dei Caraibi, impara a sopravvivere tra violenze e privazioni. Ma l'ansia di scoprire quale sorte sia toccata alla sorella non gli da pace: decide allora di convertirsi all'Islam e d'imbarcarsi su una nave turca. Tuttavia il mare è un compagno infido, e la rotta per la libertà è ancora lunga e irta di pericoli...

La nostra recensione

Se non avete in mente una nave corsara, basta fare un salto al Porto Antico di Genova dove, nelle sue calme acque troneggia il galeone che usò Roman Polanski per il suo film "Pirati" (1986), appunto. Imponente. Tre ponti. Dal primo ponte, quello più basso, parte la prima fila di cannoni. Sotto questi, altri due piani inferiori con i boccaporti rossi spalancati e le bocche di fuoco pronte e minacciose. Grosse cime per issare le vele che serviranno per le scorribande nel mar Mediterraneo. Una bandiera. Bianca e rossa. Uno spicchio di luna e una stella. Quella turca. Non polene, ma Nettuno , dio del mare, ed Eolo, dio dei venti, a prua. Fini intarsi decorati in oro ne completano la sontuosità.
Così deve averla intuita Tim Severin per averla poi descritta nella sua ultima produzione, "La Rotta dei Corsari".
Così piace immaginare al lettore la nave comandata da Hakim Reis che prelevò Hector Lynch dalle coste irlandesi. Poi trasferito ad Algeri, venduto e rinchiuso in un baño, l'alloggio destinato agli schiavi. Ma la sua salvezza, una delle tre a disposizione degli schiavi, oltre alla morte, all'essere riscattati dal proprio paese d'origine, è diventare un rinigato, cioè abbracciare la fede musulmana.
Sembra che dopo la conversione il destino di Hector sia segnato. Ha un padrone, Turgut Reis, che lo tratta più come un nipote che come una sua proprietà. Fino alla svolta.
Ma, tra un galeone, un brigantino, un vascello, una feluca, una galea, un caicco, il pensiero del lettore torna alla domanda iniziale del protagonista: che fine avrà fatto sua sorella Elizabeth?
Da scoprire immergendosi in questa epica avventura.
Valeri Merlini

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Narrativa di Avventura » Romanzi storici , Romanzi e Letterature » Avventura

Editore Nord

Collana Narrativa Nord

Formato Rilegato

Pubblicato  15/04/2009

Pagine  367

Lingua Italiano

Titolo Originale Corsair

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788842915980


Traduttore E. Villa

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
La rotta dei corsari luca.sambuco

Luca Sambuco - 16/06/2015 20:02

voto 5 su 5 5

davvero un bel libro in bilico tra finzione e realtà, personaggi storici veramente esistiti intrecciano le loro vicende con il nostro sfortunato/fortunato protagonista. un romanzo storico ben strutturato e con piccole dosi d'azione. bravo lo scrittore che trasporta gradualmente il lettore lungo la terribile spirale in cui cadevano gli schiavi, dalle piccole angherie alle atrocità più crudeli, sia fisiche che psicologiche. lieto fine? beh, sopravvivere potrebbe bastare... LucaS

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima