Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La sorella
La sorella

La sorella

by Sandor Marai
pubblicato da Adelphi

Prezzo:
16,50 14,02
Risparmio:
2,48 -15 %
mondadori card 28 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo venerdì 31 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

"Fu quello il momento in cui 'cominciò', in cui la mia vita si separò da tutto quello che precedentemente ne aveva costituito la condizione e il senso, in cui qualcosa in me morì, e io allo stesso tempo rinacqui, come se fossi morto per la vita e nato per la morte". A poche ore dal confine italiano, nel vagone letto di prima classe di un treno diretto a Firenze, Z. - il grande, celebre pianista atteso in Italia per un concerto - capisce che nulla sarà mai più come prima: che forse non rivedrà più E., la donna alla quale è legato da un rapporto ambiguo e morboso, in un triangolo il cui terzo vertice è un marito consapevole e benigno; che forse quella sera suonerà per l'ultima volta (e suonerà Chopin, perché la radio ha appena dato la notizia della caduta di Varsavia); che tutto, insomma, sarà "diverso". Ma diverso come? Gli ci vorranno mesi per capirlo: quelli che trascorrerà, colpito da un rarissimo virus, in un ospedale di Firenze dove verrà condotto subito dopo il concerto. Di rado un romanzo ha saputo raccontare la malattia con tale precisione, tensione, crudezza, in una osmosi allucinatoria tra fisico e psichico. Stremato dalle feroci, subdole aggressioni del dolore, o stordito da misericordiose iniezioni di morfina, Z. compirà un vero e proprio attraversamento della morte. Ad accompagnarlo "sull'altra sponda" saranno quattro entità femminili - "angeliche ruffiane", presenze vigili e benefiche ma anche inquietanti, a volte, e sempre sfuggenti -, quattro suore. E nel momento in cui sembrerà che Z. abbia definitivamente rinunciato a lottare sarà proprio una di loro a dirgli: "Non voglio che lei muoia". Ma quale? Per quante ipotesi faccia, Z. non riuscirà mai a stabilire con assoluta certezza a chi appartenga la voce che una notte, nel buio della stanza, gli ha chiesto di vivere. Eppure sarà proprio quella "forza femminile", quella energia che agisce mascherata, a lottare per lui, e a ricondurlo alla vita - anche se con tracce indelebili di quel che ha patito. "Cherubina era bella. Di una bellezza femminile, carnale: una bellezza che era cresciuta e maturata tra le vette rocciose, all'aria dolce delle montagne altoatesine baciate dal sole, ed era portata con orgoglio e consapevolezza, quasi volesse continuamente farne dono a Dio ... Era una monaca nel senso più antico e profondo del termine: la promessa che l'aveva posta al servizio di Dio e degli uomini doveva ancora essere per lei un contratto insensibile, come all'alba dei tempi, quando il patto che Dio e l'uomo stringevano aveva una forza in grado di dare forma al mondo. Ma di tutto ciò Cherubina non sapeva nulla, naturalmente ... E poiché era bella e giovane - più tardi venni a sapere che a quell'epoca non aveva ancora compiuto trent'anni -, nel suo sorriso, quando appariva davanti al mio letto, scorgevo una sorta di richiesta di perdono".

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Adelphi

Collana Biblioteca Adelphi

Formato Brossura

Pubblicato  01/01/2006

Pagine  228

Lingua Italiano

Titolo Originale A novér

Lingua Originale Ungherese

Isbn o codice id 9788845920615


Traduttore Antonio Sciacovelli  -  A. Sciacovelli

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
La sorella

Elisabetta - 09/08/2006 22:39

voto 5 su 5 5

La mitteleuropa durante la seconda guerra mondiale che si avverte solo come un rumore lontano. Si ascolta invece solo il rumore della malattia nel corpo devastato del protagonista, il celebre pianista ungherese Z, che si ammala improvvisamente dopo un concerto tenuto a Firenze e dal quale sembra non poter nè volersi salvare. Di notte però, mentre farnetica a causa degli oppiacei che tentano di lenirne i dolori, una voce femminile, una delle quattro suore che lo accudiscono forse gli ha parlato,riuscirà a tirarlo fuori dal baratro.Amore e morte, malattia e guarigione, fede e ateismo, fisicità e spiritualità si contendono il primato in questo bellissimo ed intenso romanzo, uno dei più coinvolgenti di Marai.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima