Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La via del sole
La via del sole

La via del sole

by Mauro Corona
pubblicato da Mondadori

Prezzo:
17,00 14,45
Risparmio:
2,55 -15 %
mondadori card 29 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 28 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

Con la sua scrittura caustica e sferzante, in La Via del Sole Mauro Corona torna a dare voce all’epica della montagna, regalando ai lettori un grande racconto morale, una riflessione di assoluta attualità sul rapporto tra uomo e natura e una meditazione senza tempo sugli inganni del desiderio.

I destini, è ovvio, sono inattesi perché sconosciuti. Fino a quando accadono, rivelandosi. Allora tutto cambia. Fa riflettere che a volte basti un raggio di sole a mutarci l’intera esistenza. Come nel caso del fortunato ingegnere. Voleva pace e tranquillità cercando lassù quelle perle rare, senza sapere che per trovare una cosa bisogna fare a meno di cercarla.

“Nessuno è tanto annoiato quanto un ricco” dice Mauro Corona parafrasando il grande poeta Iosif Brodskij, e lo sa bene il protagonista di questo romanzo, un ragazzo talmente abituato a ottenere tutto dalla vita che ormai da tutto è nauseato. Di ottima famiglia, ricchissimo e anche piuttosto affascinante, a nemmeno trent’anni è già uno stimato ingegnere a cui non manca davvero nulla: ville, automobili, ma anche amici, donne e salute. Un eccesso di cose per lui sempre più opprimente...
È per questo che di punto in bianco decide di dare una svolta radicale alla sua esistenza abbandonando il lavoro e rinunciando a ogni comodità per andare a vivere in una baita di montagna. E proprio mentre comunica ai genitori l’intenzione di ritirarsi sdegnosamente dal mondo, ne capisce ancora più profondamente le ragioni. Evocando le memorie dell’infanzia, scopre infatti i ricordi buoni: visioni di cime lontane, limpide sorgenti, ruscelli canterini, pascoli verdi e cascate lucenti di sole. Sì, il sole! È lui il ricordo più bello, il vero motivo che lo spinge a lasciare tutto e trasferirsi lassù.

Ma una volta tra i monti, dove finalmente può dedicarsi incessantemente alla contemplazione della palla infuocata, si accorge che le ore di luce a sua disposizione non gli bastano più. Ogni giorno osserva la via del sole scoprendo, con una certa stizza, che a levante una vetta ne ritarda l’uscita mentre, dalla parte opposta, un altro picco ne anticipa la scomparsa.

Accecato da un’avidità insaziabile, comincia quindi ad abbattere le cime che circondano la baita pur di godere, per qualche minuto in più, della vista del suo amato astro, dando così inizio a uno scempio colossale e insensato...
 

Mauro Corona è nato a Erto (Pordenone) nel 1950. È autore di Il volo della martora, Le voci del bosco, Finché il cuculo canta, Gocce di resina, La montagna, Nel legno e nella pietra, Aspro e dolce, L’ombra del bastone, Vajont: quelli del dopo, I fantasmi di pietra, Cani, camosci, cuculi (e un corvo), Storia di Neve, Il canto delle manére, La fine del mondo storto (premio Bancarella 2011), La ballata della donna ertana, Come sasso nella corrente, Venti racconti allegri e uno triste, Guida poco che devi bere: manuale a uso dei giovani per imparare a bere, La voce degli uomini freddi (finalista premio Campiello 2014), Una lacrima color turchese, I misteri della montagna, Favola in bianco e nero e delle raccolte di fiabe Storie del bosco anticoTorneranno le quattro stagioni e Il bosco racconta, tutti editi da Mondadori. Ha pubblicato inoltre La casa dei sette ponti (Feltrinelli 2012) e Confessioni ultime (Chiarelettere 2013).

La Via del Sole: leggi l'incipit del libro

Un giovane di buona famiglia – si può dire eccellente famiglia, fresco ingegnere, ricco, ventinove anni, piuttosto belloccio – un giorno decise di lasciare la società caotica e confusa, frenetica e feroce e ritirarsi in una baita di montagna. Scelta piuttosto difficile soprattutto se fatta da un ragazzo. Non tanto per la decisione coraggiosa, e in certi versi encomiabile, bensì per la complessità di mantenere a lungo tale proposito. Non è semplice vivere isolati dal mondo, a nemmeno trent’anni. Per di più dopo una vita agiata con facilitazioni di ogni genere.
A quella notizia, i genitori trasalirono. All’inizio fecero di tutto per dissuadere il figlio, ma non ci fu verso, il giovane aveva stabilito così e così fu. Ovviamente i genitori, dopo il primo smarrimento, chiesero il perché di quella fuga. I motivi erano tanti e svariati, ognuno di peso diverso, ma tutti validi. Di sicuro non contestabili, giacché, analizzati uno per uno, davano ragione al ragazzo senza ombra di dubbio. Il quale all’inizio aveva deciso di non chiarire un bel niente. Andava lassù e basta. Non era necessario far capire né giustificare a chicchessia il suo sdegnoso ritiro dal mondo. I genitori ci rimasero male. E allora, notando quei volti contriti, provò tenerezza e si risolse a spiegare loro almeno una parte delle ragioni che lo avevano indotto alla fuga. Non certo per tranquillizzarli, sarebbe stato difficile, ma affinché si rassegnassero all’assenza con l’aiuto di qualche buona convinzione. E così, una sera dopo cena, e dopo un’attenta scelta delle parole, convocò i genitori nel salotto buono e iniziò a elencare i motivi del suo togliersi dall’umana confusione. E cominciò. Innanzitutto per eccesso di cose, oggetti, comodità. Le quali fasciavano la sua vita come le bende di una mummia e lo stavano soffocando. Seppur ancor giovane, era infatti già ridotto all’asfissia. Ma non fu questo il punto più valido, bensì un altro: gli era venuto il voltastomaco di tutto. Anche dei falsi amici che lo circondavano, non per affetto, ma per le sue ricchezze, le automobili che sfoggiava, i regali, le donazioni in denaro che faceva. E ancora per feste che dava nelle sue ville al mare e in altre ai piedi delle montagne. E poi, conoscenze importanti facevano grimaldello per aprire svariate porte a questi amici interessati. Molte convenienze a loro favore erano ottenute dalla personalità del giovane, dalla sua influenza su chi contava in quel momento. E chi contava dopo, faceva capo comunque alla sua famiglia ricca e potente.
Il giovane ingegnere era un’anima buona, generoso e di larghe vedute ma, come tutti coloro che nascono ricchi, piuttosto viziato. Per lui l’erba voglio cresceva stabile nel giardino della vita, d’estate e d’inverno. Così, dài e dài, ottieni oggi ottieni domani, il ragazzo...

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Mondadori

Collana Scrittori italiani e stranieri

Formato Brossura

Pubblicato  21/06/2016

Pagine  160

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804669302


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La via del sole"

La via del sole
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima