Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Lettere di un condannato. Storie esemplari di ingiustizia italiana
Lettere di un condannato. Storie esemplari di ingiustizia italiana

Lettere di un condannato. Storie esemplari di ingiustizia italiana

by Lino Jannuzzi
pubblicato da Mondadori

15,20
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

"L'attività di giornalista che Lino Jannuzzi continua a svolgere non può favorire il processo rieducativo del condannato... Il condannato non ha maturato fino a oggi alcun ravvedimento... non dà nessuna garanzia di affidabilità ... dimostra una personalità difficilmente assoggettabile... e la persistenza di un atteggiamento mentale giustificativo del proprio comportamento antidoveroso." Così scrivono i magistrati di Napoli nella sentenza che rifiuta di accordare a Jannuzzi il regime di semilibertà o gli arresti domiciliari dopo una condanna a due anni, cinque mesi e dieci giorni di galera per diffamazione. Da anni il giornalista conduce una battaglia civile contro gli abusi della magistratura e per la difesa dei diritti degli imputati. I suoi 'tazebao', come manifesti esposti nella pubblica piazza, sono uno straordinario strumento di informazione e di denuncia politica, un mezzo attraverso il quale migliaia di lettori vengono aggiornati ogni settimana sullo stato dei grandi processi di mafia (dal caso di Enzo Tortora a quelli del senatore Andreotti e dell'ex dirigente del Sisde Bruno Contrada), sull'uso dei pentiti che negli ultimi anni li ha caratterizzati, e in generale sullo scontro in atto fra classe politica e magistratura. In questo libro è raccolta e presentata una scelta dei più recenti scritti del giornalista. Sono le 'prove' irrefutabili della sua recidività: "Persistendo la residua pericolosità del reo e il pericolo di recidiva... non pare opportuno che il condannato possa continuare a svolgere l'attività di giornalista". Il processo rieducativo e la 'risocializzazione', dunque, si possono fare soltanto in carcere. L'imputato, infatti, è caduto nella stessa colpa di prima, persiste, persevera nello stesso peccato e reato, è ostinato, incallito, pervicace, ribelle.

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Istituzioni e organizzazioni

Editore Mondadori

Collana Frecce

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2003

Pagine 224

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804517948

Prefatore Carlo Rossella

torna su Torna in cima