Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Mamachiana per chi vuol divertirsi
Mamachiana per chi vuol divertirsi

Mamachiana per chi vuol divertirsi

by Salvatore Spiriti
pubblicato da Rubbettino

11,90
14,00
-15 %
14,00
Disponibile.
24 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Di famiglia patrizia, dei marchesi di Casabona, Salvatore Spiriti nacque a Cosenza il 12 novembre del 1712 e lì venne a morte, dopo una vita intensa e proficua, il 28 marzo del 1776. Come è tradizione della gioventù agiata, studia giurisprudenza a Napoli. A Cosenza rimette in cammino l'Accademia cosentina che aveva perso nella sua secolare storia parecchio smalto. I Borboni lo buttano in carcere a Lipari per il sospetto di simpatie verso il governo austriaco, ma è ben presto rilasciato per l'intervento di un suo zio, Francesco Antonio Cavalcanti. Questo precedente penale non gli ostacola la carriera. Né impedisce a Filippo V (Versailles 1683 - Madrid 1746), re di Spagna, di attribuire il titolo di marchese a Salvatore Spiriti, che si veniva distinguendo nella battaglia giusnaturalista. Fu consigliere del supremo magistrato del commercio e quindi giudice della Gran corte della vicaria. Varia e composita è l'attività intellettuale di Salvatore Spiriti la cui testa, comunque, è girata sulla cultura della sua terra e sui problemi del Regno di Napoli. Nel campo delle umane lettere esordisce all'età di 16 anni con il poema "Il Giosuè", rimasto inedito. Scrive assai più tardi, quando ormai aveva 64 anni, il canto genetliaco, "Per l'avventuroso nascimento di S.A.S. Filippo Antonio di Borbone Principe reale delle Due Sicilie", che appare in appendice a "Memorie degli scrittori cosentini" (Napoli 1750). Traduce e commenta l'"Alcone, o sia del governo dei cani di caccia" (Napoli 1756) di Girolamo Fracastoro (Verona ca. 1478 - Incaffi, Verona, 1553). E ancora: il "De machina electrica" (Napoli 1760), le "Osservazioni sulla Carta di Roma, con cui si derogano gli editti del Duca di Parma, colla giunta delle provvidenze pubbliche da varie Corti di Europa su tale dipendenza" (Venezia 1768)." (Dall'Introduzione di Pasquino Crupi)

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Poesia

Editore Rubbettino

Collana Classici della letteratura calabrese

Formato Rilegato

Pubblicato 06/05/2017

Pagine 151

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788849811858

Curatore P. Crupi

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Mamachiana per chi vuol divertirsi"

Mamachiana per chi vuol divertirsi
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima