Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Maria Luisa d'Austria, la donna che tradì Napoleone. La gloria, le passioni, il tormento
Maria Luisa d'Austria, la donna che tradì Napoleone. La gloria, le passioni, il tormento

Maria Luisa d'Austria, la donna che tradì Napoleone. La gloria, le passioni, il tormento

by Antonio Spinosa
pubblicato da Mondadori

13,50
18,00
-25 %
18,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
27 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Più di tante altre grandi protagoniste della storia Maria Luisa d'Austria, figlia dell'imperatore Francesco I, moglie di Napoleone e infine duchessa di Parma e Piacenza, è una figura enigmatica di sovrana che visse molte esperienze e di cui non è facile cogliere, dietro la formalità dei resoconti d'epoca, la vera natura. In questa nuova biografia Antonio Spinosa, con la consueta sapienza del narratore di storia, ne rivela fortune e miserie, senza farsi tentare dall'agiografia ma senza dimenticare l'umana comprensione per una donna che fu più volte vittima della ragion di Stato. Al di là dei ritratti ufficiali, la futura sposa di Napoleone ci viene presentata come "una creatura puerile, timida, goffa, di orizzonti assai limitati". Una creatura che comunque raramente poté scegliere. Chiesta in moglie a diciannove anni, per motivi dinastici, da quello che per il suo Paese era stato il nemico più spietato, il 'nuovo Tamerlano', l''Anticristo', dovette piegarsi agli interessi dell'Impero asburgico; le sue nozze non furono benedette dal papa, che non aveva riconosciuto il divorzio di Napoleone da Giuseppina; il figlio, l''Aiglon', le fu sottratto fin dalla nascita, in ossequio al rigido protocollo di Corte; la caduta dell'imperiale marito travolse anche lei, che non ebbe il coraggio di serbar fede al proprio ruolo e abbandonò Napoleone, e il figlio di pochi anni, al loro destino. Questa donna, cui le apparenze attribuiscono una scarsa statura morale, si riscattò nelle nuove e più circoscritte vesti di Maria Luigia, passando dal trono più prestigioso d'Europa al minuscolo ducato italiano, e dall'eccelso e terribile consorte a due più premurosi mariti (e molti amanti). A Parma la sovrana è ancora oggi ricordata con affetto e ammirazione, per aver introdotto riforme, incoraggiato opere pubbliche, trasformato la città in una piccola 'Vienna italiana'; e inoltre per aver mostrato indulgenza, grazie anche ai consigli dei suoi ministri più preveggenti, nel giudicare i carbonari e le società segrete di ispirazione liberale. Alla sua morte, nel 1847, sulla scena italiana già operavano Carlo Alberto, Mazzini e Garibaldi. L''Empire' napoleonico era crollato, si apriva l'età moderna.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Biografie Diari e Memorie » Personaggi storici, politici e militari

Editore Mondadori

Collana Le scie

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2004

Pagine 340

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804531432

1 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
1
1 star
0
Maria Luisa d'Austria, la donna che tradì Napoleone. La gloria, le passioni, il tormento

Anonimo - 26/04/2005 22:01

voto 2 su 5 2

Dov'è?la partecipazione,dico,il calore umano,il coinvolgimento dell'autore,se ciò di cui si tratta non è una semplice cronaca o un trattato di storia.Il personaggio che ne esce non è un personaggio,se non per le circostanze(teatro storico) in cui si viene casualmente a trovare (a rappresentare la sua vita)e per le persone-personaggi (comprimari)che lo,anzi la, circondano . E' una donna senza spessore;troppo contradditorio il suo profilo:succube della passione all'eccesso(il''cameo''del rapporto con il cavallo è tanto squallido quanto gratuito);indifferente altrove;reazionaria oppure sufficientemente liberale.Sembra che l'autore non la ami per niente,anzi che non lo interessi più di tanto. P.S.''I ducati romagnoli'' sarebbero Parma,Piacenza e Guastalla?!La Romagna è altrove.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima