Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Massa e potere
Massa e potere

Massa e potere

by Elias Canetti
pubblicato da Adelphi

23,80
28,00
-15 %
28,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
48 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Nel 1922, a Francoforte, lo studente diciassettenne Elias Canetti si trovò ad assistere ad una manifestazione contro l'assassinio di Rathenau. Quel giorno egli sentì che la massa esercita un'attrazione enigmatica, qualcosa di paragonabile al fenomeno della gravitazione. Nel 1927, a Vienna, compiva un ulteriore passo: l'esperienza di essere nella massa, partecipando al grande corteo del 15 luglio, quando fu incendiato il Palazzo di Giustizia. La polizia sparò: novanta morti. Nelle sue memorie Canetti scriverà: "E' un enigma che mi ha perseguitato per tutta la parte migliore della mia vita e, seppure sono arrivato a qualcosa, l'enigma nondimeno è restato tale". Il 'qualcosa' a cui qui si allude è "Massa e potere", che apparve nel 1960, dopo trentotto anni di elaborazione. Già questi elementi, queste date fanno capire quale immensa energia, concentrazione, furia si sia depositata in queste pagine.
Alla lunghissima genesi dell'opera corrisponde l'estrema singolarità della sua forma. Qui non ci viene semplicemente offerta una nuova teoria da allineare alle tante già esistenti su queste due ossessive parole: massa, potere. Profondamente avverso alla coazione a spiegare, che opprime la nostra cultura, Canetti è qui riuscito nell'impresa di pensare con il massimo della precisione, ma tenendosi sempre "al margine del mondo dei concetti". Questo libro, che si presenta come una severa trattazione scientifica, è ben più di un racconto frastagliato e sanguinoso: è un vasto mito costellato di tanti altri miti, spesso dissepolti con passione da libri dimenticati nell'oscurità delle biblioteche.
Prima di diventare una vistosa caratteristica delle società moderne, la massa è stata, la massa continua ad essere molte altre cose. Per avvicinarci a capirla, bisogna innanzitutto ricordare - come dice un antico testo ebraico - "che non esiste spazio vuoto fra cielo e terra, bensì tutto è pieno di schiere e moltitudini". La massa è qualcosa di esterno, ma può anche essere interna; [...]

Dettagli

Generi Politica e Società » Studi interdisciplinari e culturali

Editore Adelphi

Collana Biblioteca Adelphi

Formato Libro

Pubblicato 01/01/1981

Pagine 615

Lingua Italiano

Titolo Originale Masse und Macht

Lingua Originale Tedesco

Isbn o codice id 9788845904875

Traduttore F. Jesi

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Massa e potere

Anonimo - 22/02/2010 12:53

voto 5 su 5 5

Questo saggio affronta la tematica da un punto di vista molto particolare, presenta tutta una serie di aspetti e di problematiche che a volte, almeno a me, sembra che non abbiano molto a che fare con l'argomento generale del libro. In realtà, alla fine dell'esposizione, l'autore riesce a mostrare come la cosa sia perfettamente logica e sensata e che l'illogicità era solo in apparenza. Ovviamente questo saggio è stato scritto da una persona che aveva una marcia in più rispetto a tanti comuni mortali, credo che non sia fuori luogo in questo caso parlare di vero e proprio genio. Il libro è un bellissimo excursus sul significato di massa nelle sue varie forme, e di potere, all'interno delle più diverse culture: si va dalla cultura occidentale del secolo scorso, fino alle culture più primitive di popoli ormai scomparsi o di popolazioni primitive ancora esistenti: boscimani, aborigeni. Molto interessante risulta, almeno per me, il parallelo tra potere e paranoia, è un collegamento a cui non avevo mai pensato ma che invece ha una sua ragione d'essere. A volte il saggio sembra anche indulgere, almeno all'inizio, su alcune considerazioni abbastanza ovvie, ma il tutto è funzionale al susseguirsi del filo logico all'interno del saggio, che in realtà è costituito da vari saggi, quante sono le sezioni del libro. Non trovo che i due concetti presenti nel titolo del saggio siano in realtà contrapposti, anche se apparentemente lo potrebbe sembrare: il potere da che mondo è mondo è concentrato nelle mani di pochi, e quindi è per sua natura non attribuibile alla massa, ma si potrebbe anche dire che non esiste potere che non implichi un perfetto controllo delle masse; quando questa capacità di controllo viene meno ecco che basta un istante per perdere il potere (vedi rivolte, ribellioni, rivoluzioni). Saggio poi che si legge benissimo e senza fatica, pur non essendo io particolarmente ferrato in antropologia culturale. Da leggere assolutamente.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima