Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Massacro in ambasciata. Gli orrori della dittatura guatemalteca nella denuncia dell'ambasciatore sopravvissuto all'incendio della sede diplomatica spagnola
Massacro in ambasciata. Gli orrori della dittatura guatemalteca nella denuncia dell'ambasciatore sopravvissuto all'incendio della sede diplomatica spagnola

Massacro in ambasciata. Gli orrori della dittatura guatemalteca nella denuncia dell'ambasciatore sopravvissuto all'incendio della sede diplomatica spagnola

by Maximo Cajal
pubblicato da Sperling & Kupfer

6,50
14,46
-55 %
14,46
Disponibile.
13 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Nella tormentata storia recente del Guatemala c'è un avvenimento che ha tracciato la frontiera fra un'epoca e l'altra. Dopo di allora, il paese non è più stato lo stesso. E' iniziata la lunga stagione del terrore, durante la quale la politica di esclusione e di repressione nei confronti degli indigeni maya è diventata persecuzione sistematica di qualsiasi individuo o gruppo considerato potenzialmente 'pericoloso', ed è sfociata nello sterminio di intere comunità - compresi i bambini - ritenute in qualche modo vicine alla guerriglia o comunque coinvolte nella resistenza al regime. Quell'avvenimento è il massacro compiuto il 31 gennaio 1980 dalle forze speciali e dalla polizia nell'ambasciata spagnola di Città del Guatemala. Quel giorno, un gruppo di contadini del Quiché aveva occupato pacificamente la sede diplomatica chiedendo di rendere pubblica, anche nella capitale, la persecuzione messa in atto dalla dittatura nelle campagne. L'ambasciatore Maximo Cajal aveva avuto notizia delle repressioni dai religiosi suoi connazionali che svolgevano la loro missione nelle zone del conflitto. Per questo aveva accettato di incontrare la delegazione dei contadini. Ma l'improvvisa irruzione delle forze di sicurezza mutò bruscamente la situazione: nonostante le proteste e la disperata resistenza di Cajal, che si appellava al principio dell'immunità diplomatica, i poliziotti abbatterono le porte e appiccarono il fuoco all'edificio dove morirono trentasette persone. Due soli sopravvissero, l'ambasciatore, che poi fuggì dal paese, e un indigeno. Quest'ultimo però venne sequestrato nell'ospedale in cui era stato ricoverato e ucciso. Nell'elenco dei morti, compare il nome di Vicente Menchù, un contadino del Chimel, un cristiano impegnato nella lotta contro i suprusi e le ingiustizie subiti dalla sua gente, che aveva già avuto un figlio assassinato dall'esercito. Vincente Menchù era il padre di Rigoberta, che nel 1992 avrebbe avuto il premio Nobel per la Pace e che proprio da [...]

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia delle Americhe , Politica e Società » Politica e Istituzioni » Diritti umani » Propaganda, controllo politico e libertà

Editore Sperling & Kupfer

Collana Continente desaparecido

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2000

Pagine 320

Lingua Italiano

Titolo Originale Saber quién puso fuego ahì!

Lingua Originale Spagnolo

Isbn o codice id 9788820030988

Traduttore Alberto Guaraldo

Prefatore Dante Liano

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Massacro in ambasciata. Gli orrori della dittatura guatemalteca nella denuncia dell'ambasciatore sopravvissuto all'incendio della sede diplomatica spagnola"

Massacro in ambasciata. Gli orrori della dittatura guatemalteca nella denuncia dell
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima