Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Memoria rerum. Strategie e semiologiche del genere didascalico negli «Astronomica» di Manilio
Memoria rerum. Strategie e semiologiche del genere didascalico negli «Astronomica» di Manilio

Memoria rerum. Strategie e semiologiche del genere didascalico negli «Astronomica» di Manilio

by Cesare Marco Calcante
pubblicato da Ets

9,30
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Gli Astronomica" di Manilio sono stati a lungo considerati un semplice deposito di dotte curiosità o una palestra per esercitazioni di critica testuale, e solo in tempi recenti si è assistito a una decisa rivalutazione dell'aspetto letterario del poema. In questo volume il testo maniliano viene utilizzato come punto di partenza per l'elaborazione di un modello semiologico del genere didascalico volto a suggerire spunti per possibili estrapolazioni e applicazioni ad altri testi. L'indagine ha come oggetto privilegiato la retorica delle sezioni didascaliche, che, proprio in quanto fondata sulla compresenza di funzione poetica e di un tasso particolarmente elevato di informazione referenziale, costituiscono il tratto distintivo del genere didascalico. L'elemento didascalico, lungi dal costituire un corpo estraneo nel tessuto del testo poetico, dà origine a una retorica del discorso scientifico imperniata sulla mimesis letteraria del linguaggio tecnico; il risultato è un'immagine poetica del discorso scientifico come dominio della razionalità, della non emotività, della precisione, ma anche come linguaggio difficile, oscuro, comprensibile solo all'interno di una ristretta cerchia di iniziati, e come tale in grado di trasformare l'insegnamento in rivelazione, il "docere" in "pandere".

torna su Torna in cima