Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Non smetteremo di danzare. Le storie mai raccontate dei martiri d'Israele
Non smetteremo di danzare. Le storie mai raccontate dei martiri d'Israele

Non smetteremo di danzare. Le storie mai raccontate dei martiri d'Israele

by Giulio Meotti
pubblicato da Lindau

20,40
24,00
-15 %
24,00
Disponibile.
41 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Quasi ogni giorno in Israele ci sono cerimonie funebri per le vittime del terrorismo. Persone uccise per il solo fatto di essere ebree. In banca, nei centri commerciali, in pizzeria. Sul pullman, davanti a un cinema, per strada. Da sole e in gruppo. Giovani e vecchi. Uomini e donne. Tutti condannati dalla furia del fondamentalismo islamico, bersagli di un odio quotidianamente alimentato da decenni. Questo lento e inesorabile stillicidio di morti migliaia e migliaia - è il risultato di una guerra che ha avuto inizio nel 1972, alle Olimpiadi di Monaco, quando undici atleti della delegazione israeliana vennero trucidati da un commando di guerriglieri dell'organizzazione palestinese Settembre Nero. Da allora ogni cittadino di Israele sa che può morire in qualsiasi istante. Giulio Meotti racconta le storie dei "caduti in battaglia" di questa guerra condotta a fari spenti dal terrorismo islamico, dissimulata tra i fatti di cronaca della "questione palestinese".

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Attivismo politico » Terrorismo

Editore Lindau

Collana I Draghi

Formato Brossura

Pubblicato 23/09/2009

Pagine 352

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788871808277

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Non smetteremo di danzare. Le storie mai raccontate dei martiri d'Israele

Anonimo - 15/02/2010 14:51

voto 5 su 5 5

Nel ricomporre ogni figura, raccogliendone con rispetto ciascun frammento, attraverso gl'incontri con familiari e amici, ricostruendo, fino all'ultimo tragico istante, quelle presenze spezzate, l'A. narra una cinquantina di storie, tutte emblematiche per diversi aspetti, talora intrecciate l'una all'altra, per lo più legate da un filo d'Arianna paradossale, che porta, in un tragico cammino a ritroso, alla Shoah, vissuta direttamente dagli uccisi o dai loro congiunti. Egli non si addentra in disquisizioni di carattere politico su un tema i cui aspetti di fondo non sono di carattere territoriale, bensì religioso e direi esistenziale; tuttavia compie una precisa scelta di campo, senza timore di apparire politicamente scorretto. E' un'opera di giustizia nei confronti di un attore della vicenda, il popolo israeliano, per lo più trascurato dagli organi di informazione. Il giornalista svolge il suo compito con la passione di chi non è parte per nascita di quel mondo al quale si è avvicinato per scrivere quest'opera, tra l'altro documentatissima e ricca di significative immagini, frutto di una ricerca durata cinque anni. "Martiri" perché testimoni del loro impegno nella quotidianità, quella vita normale che il nemico vorrebbe toglierti per sempre. Ma è proprio un certo spirito smitizzante israeliano -unito ad un ethos nazionale in grado di far sì che le tante "tribù", sovente in contrasto tra loro, di cui è composto il Popolo di Israele riescano ad essere un tutt'uno- che consentirà di continuare a danzare, com'è scritto sul monumento commemorativo dei 21 adolescenti immigrati dalla Russia, uccisi, la sera dell'1 giugno 2001, davanti alla discoteca sul lungomare di Tel Aviv

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima