Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)

by Mauro Magatti - Mario De Benedittis
pubblicato da Feltrinelli

Prezzo:
18,00 15,30
Risparmio:
2,70 -15 %
In promo:
Centinaia di film 3x2
mondadori card 31 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 29 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

Chi sta "in basso" nella modernità liquida? Che peso hanno il lavoro, i consumi, i media, la politica e la religione nei gruppi che dispongono di scarso capitale culturale? E quali sono le conseguenze della trasformazione di questi gruppi sulla vita sociale nel suo insieme? Sono queste alcune delle domande a cui cerca di rispondere questo libro, che presenta i risultati di una grande indagine sociologica, condotta su un campione di italiani tra i venti e i cinquant'anni con l'impiego di una pluralità di strumenti di indagine, dal questionario alle interviste in profondità fino all'osservazione etnografica. La linea interpretativa proposta è dichiarata nel titolo: la trasformazione delle condizioni di lavoro, la centralità del consumo, il ruolo dei media, della religione e del territorio sono tutti fattori che concorrono a modificare le caratteristiche dei gruppi meno privilegiati e a spiegare perché a essere determinanti sono oggi i fattori di ordine culturale più che quelli economici. I "nuovi ceti popolari" - fluidi, diversificati, politicamente e socialmente invisibili - si caratterizzano per la loro limitata capacità di comprendere il tempo nel quale vivono, oltre che per il loro intenso quanto complesso rapporto con la "tradizione" e il territorio. La ricerca porta alla luce un mondo che faticosamente cerca di destreggiarsi fra la retorica della vita a progetto e le difficoltà generate dalle scarse risorse di cui effettivamente dispone. A livello personale, ciò determina una "subordinazione invisibile", che sostituisce il conflitto sociale con un diffuso senso di insicurezza e un miscuglio di pragmatismo adattivo e conservatorismo valoriale. A livello sociale, ciò porta alla formazione di gruppi disancorati, relativamente instabili e contendibili. Il che contribuisce a destabilizzare l'intera struttura sociale e a esporla al rischio di pericolosi ondeggiamenti e derive identitarie.

Dettagli

Generi Politica e Società » Studi di Genere e gruppi sociali » Gruppi e classi sociali

Editore Feltrinelli

Collana Campi del sapere

Formato Libro

Pubblicato  01/01/2006

Pagine  241

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788807104015


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)"

Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima