Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)
Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)

Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)

by Mauro Magatti - Mario De Benedittis
pubblicato da Feltrinelli

Prezzo:
18,00 14,40
Risparmio:
3,60 -20 %
mondadori card 29 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo venerdì 20 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Chi sta "in basso" nella modernità liquida? Che peso hanno il lavoro, i consumi, i media, la politica e la religione nei gruppi che dispongono di scarso capitale culturale? E quali sono le conseguenze della trasformazione di questi gruppi sulla vita sociale nel suo insieme? Sono queste alcune delle domande a cui cerca di rispondere questo libro, che presenta i risultati di una grande indagine sociologica, condotta su un campione di italiani tra i venti e i cinquant'anni con l'impiego di una pluralità di strumenti di indagine, dal questionario alle interviste in profondità fino all'osservazione etnografica. La linea interpretativa proposta è dichiarata nel titolo: la trasformazione delle condizioni di lavoro, la centralità del consumo, il ruolo dei media, della religione e del territorio sono tutti fattori che concorrono a modificare le caratteristiche dei gruppi meno privilegiati e a spiegare perché a essere determinanti sono oggi i fattori di ordine culturale più che quelli economici. I "nuovi ceti popolari" - fluidi, diversificati, politicamente e socialmente invisibili - si caratterizzano per la loro limitata capacità di comprendere il tempo nel quale vivono, oltre che per il loro intenso quanto complesso rapporto con la "tradizione" e il territorio. La ricerca porta alla luce un mondo che faticosamente cerca di destreggiarsi fra la retorica della vita a progetto e le difficoltà generate dalle scarse risorse di cui effettivamente dispone. A livello personale, ciò determina una "subordinazione invisibile", che sostituisce il conflitto sociale con un diffuso senso di insicurezza e un miscuglio di pragmatismo adattivo e conservatorismo valoriale. A livello sociale, ciò porta alla formazione di gruppi disancorati, relativamente instabili e contendibili. Il che contribuisce a destabilizzare l'intera struttura sociale e a esporla al rischio di pericolosi ondeggiamenti e derive identitarie.

Dettagli

Generi Politica e Società » Studi di Genere e gruppi sociali » Gruppi e classi sociali

Editore Feltrinelli

Collana Campi del sapere

Formato Libro

Pubblicato  01/01/2006

Pagine  241

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788807104015


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)"

Nuovi ceti popolari. Chi ha preso il posto della classe operaia? (I)
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima