Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Organizzazione Odessa. Dossier sui nazisti rifugiati in Argentina
Organizzazione Odessa. Dossier sui nazisti rifugiati in Argentina

Organizzazione Odessa. Dossier sui nazisti rifugiati in Argentina

by Jorge Camarasa
pubblicato da Mursia (Gruppo Editoriale)

14,87
17,50
-15 %
17,50
Disponibile.
30 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Dettagli

Generi Politica e Società » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche » Nazionalismo » Problemi e Processi sociali » Rifugiati e asilo politico

Editore Mursia (gruppo Editoriale)

Collana Fatti, testimonianze, reportage

Formato Illustrato

Pubblicato 01/01/1998

Pagine 320

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788842523420

Traduttore G. V. Panetta

1 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
1
1 star
0
Organizzazione Odessa. Dossier sui nazisti rifugiati in Argentina lunettamose

antonino vaccaro - 26/03/2016 12:18

voto 2 su 5 2

Libro interessante ma che in realtà non parla veramente di ODESSA ma delle vicissitudini dei rifugiati nazisti in Sud America. Inoltre è inesatto in relazione ad alcuni punti. Ad esempio si possono citare l'errato ruolo di Otto Skorzeny nella liberazione di Mussolini; viene indicato come il principale ideatore e realizzatore dell'impresa. Non fu così dato che l'operazione venne ideata e messa in atto dal maggiore paracadutista Otto-Harald Mors su incarico del generale Student. Skorzeny era presente in quanto rappresentante delle SS e comunque fece in modo di far ascrivere a sé ed alle SS il merito della liberazione di Mussolini. Ancora cita tra i rifugiati fascisti in Argentina il comandante Enzo Grassi ( in realtà Enzo Grossi ex comandante di Betasom) e soprattutto viene indicato presente in Argentina l'ex segretario del Partito Nazionale Fascista Ettore Mutti. In realtà sarebbe Ettore Muti ma è impossibile dire che Muti fosse presente in Argentina nel dopoguerra dato che è stato ucciso in circostanze poco chiare a Fregene il 24 agosto del 1943. Un così grosso errore mi lascia perplesso relativamente a tutto il contenuto del libro. Dato che molti di quelli citati sono personaggi poco o niente conosciuti come fare a fidarsi e credere davvero a ciò che è stato scritto su di loro?

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima