Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Otto Hofmann. Die Poetik des Bauhauses zwischen konkreter und lyrischer Kunst. Catalogo della mostra (Jena, 25 marzo-3 giugno 2007). Ediz. tedesca e italiana
Otto Hofmann. Die Poetik des Bauhauses zwischen konkreter und lyrischer Kunst. Catalogo della mostra (Jena, 25 marzo-3 giugno 2007). Ediz. tedesca e italiana

Otto Hofmann. Die Poetik des Bauhauses zwischen konkreter und lyrischer Kunst. Catalogo della mostra (Jena, 25 marzo-3 giugno 2007). Ediz. tedesca e italiana

by Otto Hofmann
pubblicato da Mondadori Electa

Prezzo:
40,00 18,00
Risparmio:
22,00 -55 %
mondadori card 36 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo lunedì 3 aprile.  (Scopri come).

Descrizione

Negli ultimi secoli a Jena si incontrarono molti illustri esponenti delle scienze della natura e dello spirito, della tecnologia e dell'arte. Molti studiarono in questa città, altri vissero qui o vi condussero le loro ricerche, altri ancora beneficiarono dell'atmosfera aperta della città universitaria della Turingia per instaurare un dialogo e un confronto di idee con colleghi o avversari. Nei primi decenni del Novecento Jena fu anche un punto d'incontro privilegiato dell'avanguardia artistica. Molti pittori, scultori, grafici e fotografi oggi famosi esposero qui le loro opere, parteciparono a dibattiti con un pubblico interessato e vendettero i loro lavori a collezionisti locali di arte moderna. Il punto di riferimento artistico più importante era costituito dalle attività del Kunstverein di Jena, l'associazione culturale che sotto la guida di varie personalità offrì un programma il quale, sotto il profilo qualitativo, andava ben al di là dei confini regionali. Le mostre di quegli anni si orientavano verso le tendenze più recenti dello sviluppo artistico. Le provocazioni dell'avanguardia erano criticate e accolte con favore in egual misura, e diedero luogo a esposizioni di capitale importanza per la storia dell'arte, con una collezione di opere che univa i pionieri dell'arte del XX secolo, da Paul Klee a Edvard Munch, offrendo agli abitanti della città l'opportunità di studiarle. Un impulso decisivo in questa direzione fu dato nel 1919 dalla fondazione del Bauhaus nella vicina città di Weimar. Le numerose mostre e conferenze tenute a Jena dai 'maestri del Bauhaus' trovarono un pubblico attento ed entusiasta, incentivando gli sforzi per promuovere l'arte moderna. In questo clima si formò Otto Hofmann, che riuscì a integrarsi in esso grazie agli stretti legami della sua famiglia, ma anche attraverso le sue amicizie personali. Qui egli poté ricevere i necessari stimoli artistici e sviluppare quella perseveranza che lo portò infine, dopo aver compiuto gli studi di architettura, al Bauhaus di Dessau. Dopo aver terminato i suoi studi Otto Hofmann fece ritorno a Jena, dove lavorò come artista indipendente, realizzò le sue prime opere e poté esporre per la prima volta i suoi lavori. ll 24 novembre 1932 inaugurò la sua personale al Kunstverein di Jena con il discorso programmatico intitolato La situazione spirituale della pittura astratta, che conteneva già molti dei principi ai quali l'artista avrebbe tenuto fede per tutta la vita. In seguito Hofmann sposò Johanna Stirnemann, direttrice del Museo civico di Jena - la prima donna a dirigere un museo in Germania. Con il rafforzarsi dei nazionalsocialisti all'inizio degli anni trenta la situazione per Otto Hofmann si fece difficile. Dopo la perquisizione del suo studio l'artista fuggì in Svizzera e poi visse a Parigi, ma successivamente fece ritorno a Jena. In questa città egli non solo lasciò numerose e notevoli impronte artistiche, ma contribuì anche alla diffusione dei nuovi orientamenti artistici, così da diventare oggi, per noi, uno dei primi e più significativi rappresentanti dell'astrattismo. Siamo lieti di poter presentare a Jena una mostra che raccoglie una vasta parte della produzione di Otto Hofmann, e ringraziamo quanti hanno concesso in prestito le sue opere, in particolare Marianne Hofmann per l'appoggio e la fiducia dimostrata. Vorremmo inoltre ringraziare Giovanni Battista Martini per la collaborazione e l'ottima organizzazione del progetto comune. (Margret Franz, Direttrice di JenaKultur)

Dettagli

Generi Arte Beni culturali e Fotografia » Artisti » Cataloghi di mostre » Forme d'arte e tecniche artistiche » Pittura » Storia dell'arte » Espressionismo, Surrealismo e movimenti artistici dal 1900

Editore Mondadori Electa

Formato Brossura

Pubblicato  01/01/2007

Pagine  227

Lingua Italiano-Tedesco

Isbn o codice id 9788837047573


Traduttore Margherita Zizzi  -  M. Zizzi

Curatore Giovanni Battista Martini

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Otto Hofmann. Die Poetik des Bauhauses zwischen konkreter und lyrischer Kunst. Catalogo della mostra (Jena, 25 marzo-3 giugno 2007). Ediz. tedesca e italiana"

Otto Hofmann. Die Poetik des Bauhauses zwischen konkreter und lyrischer Kunst. Catalogo della mostra (Jena, 25 marzo-3 giugno 2007). Ediz. tedesca e italiana
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima