Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Paisà. Vita quotidiana nell'Italia liberata dagli alleati
Paisà. Vita quotidiana nell'Italia liberata dagli alleati

Paisà. Vita quotidiana nell'Italia liberata dagli alleati

by Romano Bracalini
pubblicato da Mondadori

19,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Le immagini dello sbarco alleato in Sicilia ci raccontano di un popolo che saluta entusiasta l'arrivo dei soldati nella speranza che la guerra si sia infine conclusa e il paese si avvii verso un futuro migliore. Ma i rapporti tra "liberati" - i "paisà", come li chiamano gli italoamericani d'origine meridionale - e soldati alleati non saranno sempre amichevoli e cordiali. Romano Bracalini ricostruisce, grazie anche a documenti inediti e articoli di giornale dell'epoca, i quasi due anni di "occupazione" militare alleata al Centro e al Sud del nostro paese. E ci restituisce un quadro devastante, dove all'entusiasmo per l'ingresso dei "liberatori" fa seguito un periodo di crisi: manca tutto, dal cibo all'acqua, alle infrastrutture, distrutte dai bombardamenti. Per l'autorità alleata la priorità assoluta è quella di "seppellire i morti e sfamare i vivi", con il minimo impiego di mezzi e uomini per non sottrarre risorse allo sforzo bellico. La guerra, infatti, non è ancora finita: all'indomani dell'armistizio l'Italia si presenta divisa in due, a Nord quel che resta del fascismo, con la Repubblica sociale, a Sud il Regno di Vittorio Emanuele III con un governo fantoccio imbastito dagli americani e guidato dal maresciallo Badoglio. Nei resoconti delle città distrutte i giornali si sforzano di rappresentare un quadro ottimistico della vita che riprende, degli sfollati che ritornano, del lavoro che ferve, della fame finalmente placata anche se, di fatto, il paese è allo sbando. Si compra e si vende di tutto al mercato nero e anche le relazioni più personali assumono carattere commerciale: annunci privati cercano e offrono matrimoni a condizioni economiche vantaggiose e la prostituzione rappresenta una via di fuga dalla miseria. Una devastazione materiale e morale. L'Italia è tornata terra di conquista, vittima di eserciti mercenari lasciati liberi di compiere ogni nefandezza, dal saccheggio allo stupro di massa. Il diritto è amministrato dallo straniero, che nella veste di vincitore impone la sua giustizia: le epurazioni si rivelano arbitrarie e poco incisive, e i processi per crimini di guerra arrivano a colpire un antifascista come il generale Nicola Bellomo, innocente, condannato alla fucilazione per volere degli inglesi. Anche la moneta è "di occupazione": nei portafogli degli italiani ci sono (poche) Amlire, le "Allied Military Currency": cento Amlire equivalgono a un dollaro, e questo cambio alimenta l'inflazione, già galoppante durante la guerra. Eppure, lentamente, il paese sembra lasciarsi alle spalle i vent'anni di dittatura e la guerra che lo ha ridotto in ginocchio, e ricominciare a vivere. Riaprono i ristoranti e i caffè storici e nelle sale da ballo le ragazze imparano a ballare il boogie-woogie. È così che l'Italia ritrova e rinnova se stessa, in "un'esperienza tragica ma forse necessaria come la medicina che ci libera dalla malattia".

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia di altri terrritori » Storia militare » Storia d'Italia e delle Regioni italiane » Storia d'Italia

Editore Mondadori

Collana Le scie

Formato Rilegato

Pubblicato 09/06/2008

Pagine 294

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804580737

torna su Torna in cima