Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Perché siamo in guerra?
Perché siamo in guerra?

Perché siamo in guerra?

by Norman Mailer
pubblicato da Einaudi

7,60
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Gli Stati Uniti non sono andati in guerra. Sono ancora in guerra, anche dopo la vittoria sull'Iraq. Uno dei piú grandi scrittori d'America, 'conservatore di sinistra', spiega perché, invece di agitare la bandiera del patriottismo, è il momento di preoccuparsi per la democrazia. E ricostruisce i motivi inconfessabili per cui "Bush e compagni" sono forse già preparati "a subire un nuovo colossale attacco terroristico". Un pamphlet coraggioso, che è anche una lucida meditazione sull'11 settembre, sui valori americani originali, sul terrorismo e sulla morte. Mailer ha iniziato a scrivere questo libro quando la guerra all'Iraq non era stata ancora dichiarata, e l'ha concluso dopo la vittoria americana. Non ha mai avuto dubbi sul titolo: è sempre stato, prima e dopo, "Why Are We at War?", "Perché siamo in guerra?" Dopo I'11 settembre, che è anche "un simbolo, gigantesco e misterioso, di qualcosa che ancora ignoriamo", molte cose sono cambiate per sempre. E Bush coglie l'occasione per imprimere il suo segno al cambiamento, insieme al gruppo di "conservatori con bandiera" alla Wolfowitz, quelli che fin dalla caduta del Muro di Berlino avevano pronta una ricetta per l'America come Impero mondiale. "Siamo andati in guerra, potremmo dire, perché avevamo bisogno di una guerra vittoriosa che funzionasse da ricostituente psichico. Qualunque pretesto, purché enorme, andava bene". Ma se dietro l'idea dell'America come Impero si muove un micidiale intreccio di miopie politiche, crisi sociale e nuova fortissima rapacità delle grandi compagnie, tale da mettere forse per la prima volta in discussione la stessa democrazia, allora "è giunto il momento di iniziare a chiederci se siamo pronti a soffrire in sua difesa, piuttosto che prepararci a trascinare un'infima esistenza in una monumentale repubblica delle banane il cui governo è perennemente ansioso di fare il servo alle megacorporazioni".

Dettagli

Generi Politica e Società » Attualità internazionale » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche » Scienza e teoria politica , Lingue e Dizionari » Corsi di lingua e cultura inglese » Storia e società inglese e nordamericana

Editore Einaudi

Collana Einaudi. Stile libero

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2003

Pagine 103

Lingua Italiano

Titolo Originale Why Are We at War?

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788806167080

Traduttore Luca Conti  -  L. Conti

torna su Torna in cima