Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Pioggia prima che cada (La)
Pioggia prima che cada (La)

Pioggia prima che cada (La)

by Jonathan Coe
pubblicato da Feltrinelli

Prezzo:
16,00 13,60
Risparmio:
2,40 -15 %
mondadori card 27 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 14 dicembre.  (Scopri come).

Descrizione

La Zia Rosamond non è più. È morta nella sua casa nello Shropshire, dove viveva sola, dopo l'abbandono di Rebecca e la morte di Ruth, la pittrice che è stata la sua ultima compagna. A trovare il cadavere è stato il suo medico. Aveva settantatré anni ed era malata di cuore, ma non aveva mai voluto farsi fare un bypass. Quando è morta, stava ascoltando un disco "canti dell'Auvergne" e aveva un microfono in mano. Sul tavolo c'era un album di fotografie. Evidentemente, la povera Rosamond stava guardando delle foto e registrando delle cassette. Non solo. Stava anche bevendo del buon whisky, ma, Accidenti, e quel flacone vuoto di Diazepam? Non sarà stato per caso un suicidio? La sorpresa viene dal testamento. Zia Rosamond ha diviso il suo patrimonio in tre parti: un terzo a Gill, la sua nipote preferita; un terzo a David, il fratello di Gill; e un terzo a Imogen. Gill e David fanno un po' fatica a capire chi sia questa Imogen, perché prima sembra loro di non conoscerla, poi ricordano di averla vista solo una volta nel 1983, alla festa per il cinquantesimo compleanno di Rosamond. Più di vent'anni prima, dunque. Imogen era quella deliziosa bimba bionda di sette o otto anni venuta con gli altri a festeggiare la padrona di casa: una bimba dolcissima e silenziosa, che si muoveva quasi furtivamente. Sembrava che avesse qualcosa di strano. Sì, era cieca. Occorre dunque ritrovare Imogen per informarla della fortuna che le è toccata. Ma per quanti sforzi si facciano, Imogen non si trova. E allora non resta come indicato dalla stessa Rosamond in un biglietto scritto prima di morire che ascoltare le cassette. Le cassette incise dalla donna mentre sfogliava l'album di fotografie selezionando le venti istantanee in cui poteva compendiarsi la sua vita. E, assieme a Gill e alle sue due giovani figlie, il lettore ascolta la voce di Rosamond raccontare la storia della famiglia, le drammatiche vicende che hanno portato alla scomparsa di Imogen, tracciando uno spaccato di una certa società inglese, affrontando tematiche come quella dell'anaffettività verso le bambine e la genitorialità omosessuale, intrecciando destini con la consueta maestria e sensibilità di Jonathan Coe.

La nostra recensione

La pioggia prima che cada di Jonathan Coe è un romanzo completamente diverso rispetto ai precedenti. Lo scrittore inglese ci aveva affascinato e divertito grazie al suo fenomenale talento narrativo con una trilogia di romanzi che insieme costituivano un affresco dell'Inghilterra degli ultimi trent'anni. Attraverso le vicende private raccontate in La famiglia Winshaw, La banda dei brocchi e Circolo chiuso, Coe era riuscito a delineare con precisioni le contraddizioni politico-sociali del suo paese. In La pioggia prima che cada, Coe sembra invece spinto da un'altra urgenza: narrare vicende intime, femminili, famigliari, affrontare temi come il rapporto madri/figlie, il dolore, l'omosessualità, il destino e riflettere sulle conseguenze che può avere la nascita dei figli nelle vite delle persone. Nell'Inghilterra dei nostri giorni, Rosamond è un'anziana signora malata che viene ritrovata improvvisamente morta mentre è seduta in poltrona, a casa sua, circondata da un registratore, parecchie cassette, vecchi album di fotografie, una bottiglia di whisky e strani sonniferi che farebbero pensare a un suicidio. Quando la nipote Gill, insieme alle due figlie, decide di ascoltare i nastri registrati lasciati da Rosamond, scopre con stupore che un terzo dell'eredità della zia è stato destinato a una donna cieca di nome Imogen, di cui si sono perse completamente le tracce. Attraverso la descrizione di venti fotografie che riassumono la sua vita, Rosamond racconta la storia e i segreti della propria famiglia e il destino di tre generazioni di donne che si è intrecciato sotto il segno del disamore materno. E quale sia stato quello di Imogen, bellissima bambina cieca dai lunghi capelli biondi, verrà svelato solo alla fine. Jonathan Coe si addentra così nei misteri e nei dolori dell'animo femminile, raccontando in prima persona con la voce di una signora anziana, e immedesimandosi in tutte le protagoniste donne che affollano la sua narrazione. La pioggia prima che cada diventa così un romanzo corale sul trascorrere del tempo e sulle occasioni perdute, sui grandi amori perduti e su quelli che restano, su quanto possa essere assoluto il potere che i genitori esercitano sui propri figli, sull'incapacità materna di anteporre i bisogni del figlio ai propri capricciosi desideri. E non è un caso che Jonathan Coe abbia potuto scrivere questo libro solo dopo la nascita delle sue figlie. Solo dopo aver provato, quindi, cosa vuol dire essere un genitore. -Benedetta Marietti-

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Feltrinelli

Collana I narratori

Formato Libro

Pubblicato  05/07/2007

Pagine  222

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788807017292


Traduttore Delfina Vezzoli

22 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
3
4 star
5
3 star
2
2 star
5
1 star
6
Pioggia prima che cada (La) sandra13

SANDRA RIATO - 08/10/2013 12:05

voto 2 su 5 2

Quello che mi resterà di questo libro è la sensazione di pagine troppo prolisse e troppo (inutilmente) descrittive. Intendiamoci, non mi aspettavo un libro d'azione, però almeno di trovare un senso a tutta questa storia, quello si! Invece è stata una grande delusione! Già dopo una trentina di pagine mi era venuta la tentazione di abbandonarlo ma poi ho proseguito nella lettura, sperando che la musica cambiasse e che, dopo un po' di pagine, il libro mi riservasse qualcosa di buono. Invece - tranne rari episodi che ho trovato un po' interessanti (qualche riflessione che riporto nelle note a margine e il concetto della "pioggia prima che cada", che dà anche il titolo al libro) - tutto è proseguito sullo stesso piano. Il libro narra di Rosamond, morta da sola nella sua casa, che ha trascorso gli ultimi giorni della sua vita registrando delle cassette per la nipote cieca Imogen, descrivendole minuziosamente delle fotografie (tratte dall'album dei ricordi) che riguardano lei e la sua famiglia. La descrizione delle foto è il pretesto che le permette di ripercorrere la sua vita dagli anni della giovinezza fino alla maturità e vecchiaia, di rivivere le sensazioni e di rivelare sconcertanti scoperte. Un romanzo quasi tutto al femminile, visto che i personaggi che vengono approfonditi maggiormente sono le donne della famiglia. Un universo femminile vario, di cui però vengono messi in luce più i drammi e gli aspetti negativi che i punti di forza o eventuali note positive. Una storia che gira intorno a sè stessa e che alla fine si rivela senza un perchè. Un romanzo che, comunque, sono stata ugualmente contenta di aver letto per conoscere lo stile di questo autore (di cui difficilmente leggerò qualcos'altro).

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 18/11/2011 08:46

voto 0 su 5 1

Bello, bello. Solo il titolo e la sua spiegazione vale il libro. Molto diverso dal solito Coe. Difficile e noiosetta la prima metà, poi ti prende e non ti molla più.. come la pioggia prima che cada...

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 07/08/2008 16:24

voto 1 su 5 1

super-delusione!! coe si è perso nei meandri di un mercato che gli impone di pubblicare libri a raffica, costringendolo a scrivere in modo compulsivo delle storielle banali, ben scritte ma di cui non ti rimane niente. Aspettiamo con ansia il ritorno del suo genio

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 28/04/2008 14:45

voto 1 su 5 1

Solo la mia abitudine di terminare sempre un libro mi ha fatto arrivare all'ultima pagina! Libro molto noioso e poco scorrevole. Le vicende delle protagoniste poi, sempre abbastanza sopra le righe, non aiutano certo ad alzare il tono del racconto...

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 27/04/2008 01:19

voto 2 su 5 2

A me non è per nulla dispiaciuto questo libro di Coe, non sono una sua fan sfegatata perchè lo trovo un tantino noioso ma questa lettura mi ha dato delle emozioni...

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 08/02/2008 17:19

voto 5 su 5 5

Di romanzo in romanzo la delusione aumenta... i suoi ultimi romanzi sono superficiali, non lasciano nulla. Insomma dopo poche settimane già hai dimenticato cosa hai letto. Credo che il Coe della Banda dei Brocchi si sia perso nell'esigenza di cavalcare l'onda del successo.

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 12/11/2007 19:27

voto 5 su 5 5

E' la prima volta che leggo Coe e sono rimasta affascinata da questo libro. Bello, emozionante e poetico. Impossibile non divorarlo! Lo stra-consiglio.

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 11/11/2007 21:25

voto 3 su 5 3

E' un bel libro e mi trovo in disaccordo con chi lo critica!!! Però da Coe mi aspettavo qualcosa di più intenso, rimane cmq molto scorrevole e soprattutto piacevole nella lettura!!! Poi il titolo è veramente FANTASTICO!

Pioggia prima che cada (La)

alberto - 11/10/2007 15:49

voto 1 su 5 1

Abituato al Coe pirotecnico di molti romanzi passati, ho trovato questo libro inutilmente cupo, una serie di tragedie familiari senza nè capo nè coda. Non uno slancio, non un approfondimento psicologico, solo molto dolore e tanta, gratuita, aridità di sentimenti. Mi chiedo quali siano le motivazioni personali che hanno spinto Coe a scrivere un libro così.

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 08/10/2007 15:59

voto 2 su 5 2

Fino a metà mi ha coinvolto poi, complice il concerto che secondo me ne spezza il ritmo, non sono più riuscito a riprenderne la magia. Peccato.

Pioggia prima che cada (La)

Laura - 27/09/2007 19:53

voto 1 su 5 1

Assolutamente banale, scontato e privo di qualsiasi significato! Non mi ha lasciato NIENTE! Sono arrivata alla fine solo perchè è mia abitudine farlo ma se tornassi indietro...

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 20/09/2007 12:28

voto 2 su 5 2

Noioso. I personaggi sono descritti in maniera accurata ma tutto è pervaso di buonismo, tutti sono alla fine quasi redenti. L'atteggiamento dell'autore appare a mio parere troppo poco critico e il libro in definitiva non esalta.

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 20/09/2007 12:00

voto 4 su 5 4

Consiglio anche io qs libro molto bello di Coe. Mi ha fatto venire voglia di prendere anche gli altri, primo fra tutti LA CASA DEL SONNO che sarà il mio prossimo libro! :-)

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 19/09/2007 12:37

voto 2 su 5 2

Ho letto altri libri di Coe e da questo mi aspettavo qualcosa di più! Sicuramente scritto bene, però un po' troppo ''femminile'' e la fine abbastanza poco credibile!

Pioggia prima che cada (La)

ORIANA - 12/09/2007 09:41

voto 1 su 5 1

...SONO ARRIVATA A QUASI LA META' DEL TESTO... MA CON UN SACRIFICIO INCREDIBILE. L'HO TROVATO MOLTO PEDANTE E PER NULLA INTERESSANTE...

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 02/09/2007 09:42

voto 3 su 5 3

Io ho letto dell' autore La famiglia Winshaw, La banda dei brocchi, La casa del sonno e Circolo chiuso... dopo anni di assenza mi aspettavo qualcosa di meglio... cmq sempre buono, ma nn eccezionale.

Pioggia prima che cada (La)

Emanuele - 30/08/2007 22:57

voto 5 su 5 5

E' letteralmente un'opera d'arte! Pagina dopo pagina ti sembra costantemente che i personaggi stiano leggendo il libro proprio lì con te, grazie alla maestria di questo scrittore che è riuscito a ritornare ai fasti de ''La famiglia Winshaw''. Una vicenda che abbraccia tre generazioni nell'arco di 50 anni viene narrata con una maestria tale che alla fine del romanzo ti rendi conto di essere stato protagonista di una storia complessa ma raccontata in una maniera eccellente e mai banale. Un libro da togliersi il cappello e inginocchiarsi ad applaudire!!!

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 23/08/2007 20:31

voto 1 su 5 1

Terribilmente banale e piatto. Sia per contenuti che per stile. Melodrammone degno della Pilcher, con picchi di insulsaggine assoluta. Dall'autore di ''La casa del sonno'' si deve pretendere molto di più della sagra della melassa.

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 22/08/2007 21:32

voto 4 su 5 4

Un libro bello. Molto. Ricco di poesia. I sentimenti dei personaggi sono analizzati così bene che ti sembra di essere con loro. Di conoscerli. Da regalare a Natale!

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 10/08/2007 14:55

voto 4 su 5 4

Sono universali i sentimenti che la profonda analisi psicologica di Coe ci presenta in questo bel romanzo: la gelosia, il possesso, l'egoismo, il potere si intrecciano nei vari personaggi che compongono questo affresco che segue, attraverso l'ascolto delle cassette lasciate ai nipoti dalla protagonista, l'ormai vecchia Rosamond, una lunga storia familiare vissuta soprattutto da indimenticabili personaggi femminili. Inutile dire della trama, basta pensare a come un narratore giovane, quale è Jonathan Coe, ha saputo ricostruire la complessa psicologia di una donna alla vigilia della morte, senza perdere di vista ogni singolo doloroso episodio che ne ha caratterizzato la vita. Veramente una bella struttura narrativa, tipica degli autori anglosassoni e così difficile da trovare nei nostri romanzi.

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 19/07/2007 22:57

voto 4 su 5 4

Romanzo imperdibile, superlativo, tanto da essere addirittura poetico.

Pioggia prima che cada (La)

Anonimo - 19/07/2007 15:21

voto 4 su 5 4

HO LETTO DI COE ''LA CASA DEL SONNO'' E ALLA FINE MI HA LASCIATO CON LA STESSA SENSAZIONE CHE HO AVUTO ADESSO DOPO AVERE LETTO QUESTO LIBRO... A PARTE IL DISPIACERE PERCHE' ERA FINITO MI E' SEMBRATO COME SE IO STESSI LA' INSIEME A TUTTI QUEI PERSONAGGI: BEATRIX, THEA, ROSAMUND GILL... QUESTO LIBRO E' SCRITTO IN UN MODO COSI' SEMPLICE ED EMOZIONANTE CHE PRATICAMENTE LO DIVORI!!! LO DOVETE ASSOLUTAMENTE LEGGERE... BRAVO COE!

Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima